News Unioncamere Basilicata http://www.bas.camcom.it/ News Unioncamere Basilicata http://blogs.law.harvard.edu/tech/rss http://www.bas.camcom.it/ <![CDATA[ Sovraindebitamento: servizio sospeso dal 30 luglio al 31 agosto ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A227C21S20/Sovraindebitamento--servizio-sospeso-dal-30-luglio-al-31-agosto.htm Thu, 19 Jul 2018 11:07:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A227C21S20/Sovraindebitamento--servizio-sospeso-dal-30-luglio-al-31-agosto.htm Unioncamere Basilicata rende noto che il servizio legato al sovraindebitamento resterà sospeso dal 30 luglio al 31 agosto. 

Le attività riprenderanno regolarmente a partire dal 1 settembre

]]>
Unioncamere Basilicata rende noto che il servizio legato al sovraindebitamento resterà sospeso dal 30 luglio al 31 agosto. 

Le attività riprenderanno regolarmente a partire dal 1 settembre

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Opportunita' di partecipazione a Cultural Heritage Matchmaking - Rende (CS), 27 e 28 settembre ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A226C21S20/Opportunita--di-partecipazione-a-Cultural-Heritage-Matchmaking---Rende--CS---27-e-28-settembre.htm Wed, 04 Jul 2018 10:07:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A226C21S20/Opportunita--di-partecipazione-a-Cultural-Heritage-Matchmaking---Rende--CS---27-e-28-settembre.htm Unioncamere Basilicata, in qualità di partner di Enterprise Europe Network- Consorzio Bridg€conomies- partecipa all’organizzazione del Cultural Heritage Matchmaking @ SuperScienceMe 2018 che si terrà a Rende (CS) (CHM2018 - Campus Unical) il 27 e 28 settembre, promosso da Spin, partner tecnologico del Consorzio Bridg€conomies in Basilicata. CHM2018 è un evento ideato per creare incontri one-to-one con op ]]> Unioncamere Basilicata, in qualità di partner di Enterprise Europe Network- Consorzio Bridg€conomies- partecipa all’organizzazione del Cultural Heritage Matchmaking @ SuperScienceMe 2018 che si terrà a Rende (CS) (CHM2018 - Campus Unical) il 27 e 28 settembre, promosso da Spin, partner tecnologico del Consorzio Bridg€conomies in Basilicata. CHM2018 è un evento ideato per creare incontri one-to-one con operatori- nazionali ed europei- e partecipare agli workshop sulle tecnologie e prodotti per la filiera dei beni culturali.

L’evento offre un forum per abbinare tecnologie avanzate del patrimonio culturale, domanda di innovazione di istituzioni culturali e città, nuove applicazioni da parte delle PMI e sfide tecniche di grandi aziende. L'evento raccoglie importanti esperienze italiane su tecnologie, applicazioni e bisogni del patrimonio culturale, con particolare attenzione alla Magna Grecia, per sfidare un pubblico nazionale e internazionale composto da: - società, comprese le PMI orientate alla tecnologia e le industrie culturali e creative; - università e istituti di ricerca, centri tecnologici; - operatori culturali pubblici e privati, come musei, biblioteche, parchi, fondazioni, ecc .; - cluster tecnologici, agenzie per l'innovazione; - rappresentanti del governo locale e regionale, responsabili politici. La partecipazione è gratuita e permette di selezionare in anticipo, su una piattaforma web, un calendario di incontri di 30 minuti ciascuno con altri partecipanti all'evento.

Maggiori informazioni al sito

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Come avviare una procedura e la modulistica ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A33C13S10/Come-avviare-una-procedura-e-la-modulistica.htm Fri, 05 Apr 2013 12:04:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A33C13S10/Come-avviare-una-procedura-e-la-modulistica.htm Le Camere di commercio sono enti pubblici e anche nell'esercizio di questi compiti svolgono la funzione di garanzia di terzietà e di indipendenza, sia degli uffici che amministrano la procedura, sia dei conciliatori che la gestiscono.

Il sistema camerale opera secondo un modello di conciliazione facilitativa, uno strumento di giustizia alternativa in cui il terzo neutrale deve essere presente all'incontro con le pa ]]> Le Camere di commercio sono enti pubblici e anche nell'esercizio di questi compiti svolgono la funzione di garanzia di terzietà e di indipendenza, sia degli uffici che amministrano la procedura, sia dei conciliatori che la gestiscono.

Il sistema camerale opera secondo un modello di conciliazione facilitativa, uno strumento di giustizia alternativa in cui il terzo neutrale deve essere presente all'incontro con le parti (in questo distinguendosi da altri meccanismi di composizione amichevole delle controversie).
Il compito del conciliatore è quello di aiutare le parti a negoziare un accordo positivo. Ha libertà d'azione e può impostare l'andamento dell'incontro secondo la metodologia che ritiene più adatta al caso specifico.
Agli utenti del servizio di conciliazione il funzionario della Camera illustra il funzionamento del tentativo di conciliazione, i vantaggi del suo utilizzo e le modalità con cui il procedimento si svolge.

La parte interessata deposita una domanda che riassume le proprie lamentele e chiede di tentare una conciliazione.

Il funzionario informa la controparte dell'avvenuto deposito.
Non c'è alcun obbligo di accettare tale invito; anche per questo motivo è necessario che il funzionario illustri, nel modo più neutrale, lo scopo della richiesta di conciliazione e i possibili risultati positivi che potrebbero derivare da un incontro.

Se la controparte rifiuta, il funzionario lo comunica al richiedente che potrà decidere come far valere i propri interessi, anche in sede giudiziale.

Se la controparte accetta, viene concordata la data per un incontro (le parti possono anche giungere al tavolo di conciliazione, di comune accordo, quando tale tentativo è previsto da una clausola di conciliazione contenuta nel contratto oggetto della controversia).

L'incontro tra le parti e il conciliatore può durare anche diverse ore e se necesario è possibile fissare una nuova riunione. Le parti hanno la facoltà di discutere di ogni elemento ritenuto utile a mettere chiarezza nella discussione.

Normalmente il conciliatore chiede di discutere separatamente con ciascuna parte in modo da evidenziare i punti poco chiari; egli cercherà di evitare che si crei un'atmosfera conflittuale e di porre l'accento sugli elementi che separano le parti, mettendo in risalto invece quanto le unisce.

Se raggiungono un accordo le parti sottoscrivono un verbale di conciliazione con il quale definiscono la controversia e ogni altro aspetto che si ritenga utile evidenziare, anche in prospettiva di eventuali rapporti futuri.
Tale accordo è, a tutti gli effetti, un contratto pienamente efficace per le parti.

Se non raggiungono un accordo, viene redatto un verbale in cui le parti sottoscrivono di essersi incontrate e di aver cercato, senza successo, di trovare una soluzione.

]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Privacy: informativa ai sensi dell'art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e dell'articolo 13 del Regolamento UE n. 2016/679 ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A225C21S20/Privacy--informativa-ai-sensi-dell-art--13-del-D--Lgs--196-2003-e-dell-articolo-13-del-Regolamento-UE-n--2016-679.htm Mon, 28 May 2018 10:05:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A225C21S20/Privacy--informativa-ai-sensi-dell-art--13-del-D--Lgs--196-2003-e-dell-articolo-13-del-Regolamento-UE-n--2016-679.htm Ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 (di seguito “Codice Privacy”) e dell’art. 13 del Regolamento UE n. 2016/679 (di seguito “GDPR 2016/679”), recante disposizioni a tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, desideriamo informarLa che i dati personali da Lei forniti formeranno oggetto di trattamento nel rispetto della normativa sopra richiam ]]> Ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 (di seguito “Codice Privacy”) e dell’art. 13 del Regolamento UE n. 2016/679 (di seguito “GDPR 2016/679”), recante disposizioni a tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, desideriamo informarLa che i dati personali da Lei forniti formeranno oggetto di trattamento nel rispetto della normativa sopra richiamata e degli obblighi di riservatezza cui è tenuta l’Unione Regionale delle Camere di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura della Basilicata (in breve Unioncamere di Basilicata).

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ 16 e 17 aprile: incontro specialistico di orientamento ai mercati internazionali. Scadenza domande 7 aprile ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A222C21S20/16-e-17-aprile--incontro-specialistico-di-orientamento-ai-mercati-internazionali--Scadenza-domande-7-aprile.htm Tue, 20 Mar 2018 16:03:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A222C21S20/16-e-17-aprile--incontro-specialistico-di-orientamento-ai-mercati-internazionali--Scadenza-domande-7-aprile.htm Il Consorzio Bridgeconomies e Unioncamere Basilicata co-organizzano l’incontro specialistico di
orientamento ai mercati internazionali con focus sul “ Marketing digitale e valorizzazione del
Made in Italy” destinato a PMI, cooperative, consorzi e reti di impresa delle Regioni c.d. meno
sviluppate (Basilicata, Campania, Puglia, Sicilia, Calabria), insieme all'Ice – Ag ]]> Il Consorzio Bridgeconomies e Unioncamere Basilicata co-organizzano l’incontro specialistico di
orientamento ai mercati internazionali con focus sul “ Marketing digitale e valorizzazione del
Made in Italy” destinato a PMI, cooperative, consorzi e reti di impresa delle Regioni c.d. meno
sviluppate (Basilicata, Campania, Puglia, Sicilia, Calabria), insieme all'Ice – Agenzia per la
promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane ad alla Camera di
Commercio, Industria Artigianato e Agricoltura di Matera,
 
Partecipando al Seminario, le aziende avranno l'opportunità di:
- approfondire conoscenze e competenze di marketing strategico per ottimizzare le proprie
potenzialità d’impresa;
- ricevere una formazione specifica per la valorizzazione dell’“Italian factor” delle PMI e lo
sviluppo di strategie, anche digitali, per crescere in Italia e all’estero;
- effettuare un colloquio personalizzato con l’esperto su prenotazione. Il colloquio è riservato
a un numero limitato di aziende che ne facciano richiesta in fase di adesione, in base all’ordine
di arrivo delle richieste e alla partecipazione al seminario.
 
Per iscriversi è necessario compilare il modulo di adesione (http://www.ice.gov.it/pianoexport-il-sud/seminario-matera) entro il 7 aprile.
Per maggiori informazioni consulta la circolare informativa anche in allegato
]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Webinar: IP valorization Tips, il 22 e 29 Marzo 2018 ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A223C21S20/Webinar--IP-valorization-Tips--il-22-e-29-Marzo-2018.htm Tue, 20 Mar 2018 16:03:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A223C21S20/Webinar--IP-valorization-Tips--il-22-e-29-Marzo-2018.htm Il Consorzio Bridgeconomies e Unioncamere Basilicata promuovono la partecipazione all’evento
Webinar “IP valorization Tips” che si svolgerà il 22 e 29 Marzo 2018.
 
Luogo: piattaforma ENEA per video conference adobeconnect
 
Organizzato dal partner ENEA, le due giornate sono focalizzate ad approfondire le problematiche
Il Consorzio Bridgeconomies e Unioncamere Basilicata promuovono la partecipazione all’evento
Webinar “IP valorization Tips” che si svolgerà il 22 e 29 Marzo 2018.
 
Luogo: piattaforma ENEA per video conference adobeconnect
 
Organizzato dal partner ENEA, le due giornate sono focalizzate ad approfondire le problematiche
legate ai diritti di proprietà intellettuale.
 
Si allega circolare informativa. Il corso è totalmente gratuito.
]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ INNOVATION VILLAGE 2017 Brokerage Event - Napoli, Mostra Oltremare, 6-7 aprile 2017. Scadenza partecipazione prorogata al 26 marzo ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A210C21S20/INNOVATION-VILLAGE-2017-Brokerage-Event---Napoli--Mostra-Oltremare--6-7-aprile-2017--Scadenza-partecipazione-prorogata-al-26-marzo.htm Mon, 20 Mar 2017 00:03:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A210C21S20/INNOVATION-VILLAGE-2017-Brokerage-Event---Napoli--Mostra-Oltremare--6-7-aprile-2017--Scadenza-partecipazione-prorogata-al-26-marzo.htm L’Unioncamere Basilicata , partner di Enterprise Europe Network, la più grande rete europea di assistenza e supporto alle PMI, co-organizza e promuove la partecipazione all’evento “INNOVATION VILLAGE 2017 Brokerage Event” (padiglione 6 – Mostra d’Oltremare – Napoli, 6-7 aprile 2017).

L’evento di brokeraggio si rivolge a im ]]> L’Unioncamere Basilicata , partner di Enterprise Europe Network, la più grande rete europea di assistenza e supporto alle PMI, co-organizza e promuove la partecipazione all’evento “INNOVATION VILLAGE 2017 Brokerage Event” (padiglione 6 – Mostra d’Oltremare – Napoli, 6-7 aprile 2017).

L’evento di brokeraggio si rivolge a imprese, start-up, centri di ricerca e università e si focalizza principalmente sui seguenti ambiti: Industry 4.0, Digital manufacturing, Cultural & creative industry, Agrifood, Blue growth, Health and biomedical.  

Per partecipare è necessario registrarsi online e inserire un proprio profilo di ricerca partner (offerta di tecnologia/innovazione e/o proposta di collaborazione) sul sito Web dell’evento:

La registrazione va effettuata nella maniera più completa possibile, inserendo tutti i dati utili all’interno del profilo di cooperazione che va redatto in lingua inglese.

La lingua ufficiale dell’evento è l’inglese. Ogni partecipante avrà la possibilità di selezionare gli incontri di interesse, scelti in base al contenuto dei profili stessi e, prima dell’evento, riceverà la propria agenda degli incontri programmati.

La scadenza è stata prorogata al 26 marzo 2017 (e al 31/3 la scadenza delle selezioni per le riunioni) per la registrazione e inserimento del proprio profilo di ricerca partner a cui seguirà:

La selezione degli incontri di interesse

Lo svolgimento degli incontri B2B, presso Padiglione 6 Mostra d’Oltremare, Napoli.

La partecipazione all’evento è gratuita.

Per informazioni più dettagliate sull’evento, sulla partecipazione e

sugli incontri bilaterali e per assistenza alla registrazione, rivolgersi a:UNIOCAMERE BASILICATA EEN CONSORZIO BRIDG€CONOMIES

chiara.cappiello@mt.camcom.it

tel +39 08353.388443 / 24038

]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Crisi da sovraindebitamento, la modulistica ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A202C13S10/Crisi-da-sovraindebitamento--la-modulistica.htm Tue, 04 Oct 2016 08:10:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A202C13S10/Crisi-da-sovraindebitamento--la-modulistica.htm Organismo iscritto al n 59 del Registro ministeriale

 

La legge n. 3 del 27 gennaio 2012, recante “Disposizioni in materia di usura e di estorsione, nonchè di composizione delle crisi da sovraindebitamento”, ha introdotto nel nostro ordinamento i procedimenti per la composizione delle crisi da sovraindebitamento,  destinati a tutti i soggetti sovraindebitati e non sottoposti alla legge sul ]]> Organismo iscritto al n 59 del Registro ministeriale

 

La legge n. 3 del 27 gennaio 2012, recante “Disposizioni in materia di usura e di estorsione, nonchè di composizione delle crisi da sovraindebitamento”, ha introdotto nel nostro ordinamento i procedimenti per la composizione delle crisi da sovraindebitamento,  destinati a tutti i soggetti sovraindebitati e non sottoposti alla legge sul fallimento. In particolare, le nuove procedure consentono ai debitori civili la possibilità di rivolgersi ad un Organismo di composizione delle crisi e di formulare una proposta di accordo con i creditori o, nel caso del consumatore, in alternativa,  proporre un piano di ristrutturazione dei debiti o, da ultimo,  attivare un procedimento di liquidazione quando una ristrutturazione dell’esposizione debitoria non sia praticabile.

L’omologazione dell’accordo o del piano produce effetti esdebitatori.

Unioncamere di Basilicata  informa che è stata iscritta al n.59  del Registro degli Organismi di composizione della crisi da sovraindebitamento insieme all’elenco dei gestori dell'Organismo.

Consumatori, Imprenditori non fallibili, Start-up innovative, Enti privati non commerciali, Soggetti non “fallibili” (ad esempio associazioni professionali, studi professionali…) possono rivolgersi all’Organismo per ricevere l'assistenza necessaria.

 

N.B.

 

Il debitore può rivolgersi esclusivamente ad Organismi aventi sede nel Circondario del Tribunale del luogo di residenza o sede del debitore stesso e, in mancanza, può rivolgersi al giudice per la nomina di un professionista che svolga i compiti e le funzioni attribuiti agli Organismi.

 

Per informazioni contattare la Segreteria del Servizio:

 

Unioncamere Basilicata

Organismo per il sovraindebitamento n. 59 - Polizza Assicurativa OCC: ARCH INSURANCE EUROPE POLIZZA N. PI-22049917I1

Via Lucana 82 MATERA - Tel. 0835/338443

Corso 18 agosto 34 POTENZA - Tel. 0971/412233

]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ CORSO SULLA PROPRIETA' INTELLETTUALE, SI AVVICINA LA SCADENZA DEL 10 FEBBRAIO ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A217C21S20/CORSO-SULLA-PROPRIETA--INTELLETTUALE--SI-AVVICINA-LA-SCADENZA-DEL-10-FEBBRAIO.htm Thu, 01 Feb 2018 00:02:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A217C21S20/CORSO-SULLA-PROPRIETA--INTELLETTUALE--SI-AVVICINA-LA-SCADENZA-DEL-10-FEBBRAIO.htm Il Consorzio Bridgeconomies e Unioncamere Basilicata segnalano che l'Ice – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, organizza, in collaborazione con la Camera di Commercio, Industria Artigianato e Agricoltura di Matera, un Corso di Formazione sulla Proprietà ]]> Il Consorzio Bridgeconomies e Unioncamere Basilicata segnalano che l'Ice – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, organizza, in collaborazione con la Camera di Commercio, Industria Artigianato e Agricoltura di Matera, un Corso di Formazione sulla Proprietà Intellettuale riservato a 25 partecipanti provenienti da PMI, start up, centri di ricerca e poli tecnologici della Basilicata

Il corso si svolgerà a MATERA presso la CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA sita in Via Lucana 82.

L'attività si inserisce nella programmazione del Piano Export Sud II a sostegno delle Regioni c.d meno sviluppate (Campania, Calabria, Puglia Basilicata e Sicilia) e delle Regioni cd in transizione (Abruzzo, Molise e Sardegna); rientra nelle misure previste dal PON “Imprese e competitivita” 2014-2020 FESR- Asse III competitività PMI, azione 3.4.1. “Progetti di Promozione dell’export destinati a imprese e loro forme aggregate individuate su base territoriale o settoriale”.

Scarica il Bando e la domanda di partecipazione dal seguente indirizzo: http://www.ice.it/it/piano-export-il-sud

Scadenza adesioni 10 febbraio 2018

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ ICE EXPORT LAB, PERCORSO FORMATIVO PER PMI, CONSORZI E RETI DI IMPRESA: SCADENZA DOMANDE 29 GENNAIO ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A221C21S20/ICE-EXPORT-LAB--PERCORSO-FORMATIVO-PER-PMI--CONSORZI-E-RETI-DI-IMPRESA--SCADENZA-DOMANDE-29-GENNAIO.htm Fri, 26 Jan 2018 17:01:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A221C21S20/ICE-EXPORT-LAB--PERCORSO-FORMATIVO-PER-PMI--CONSORZI-E-RETI-DI-IMPRESA--SCADENZA-DOMANDE-29-GENNAIO.htm Il Consorzio Bridgeconomies e Unioncamere Basilicata segnalano che l'Ice – in collaborazione
con Confindustria Basilicata- organizza un percorso formativo denominato ICE Export Lab,
destinato a 25 PMI, Consorzi, Reti di impresa appartenenti alla Regione Basilicata, provenienti
dalle filiere indicate dal Piano: agroalimentare, alta tecnologia, moda, arredo e costruzioni, energia,
]]>
Il Consorzio Bridgeconomies e Unioncamere Basilicata segnalano che l'Ice – in collaborazione
con Confindustria Basilicata- organizza un percorso formativo denominato ICE Export Lab,
destinato a 25 PMI, Consorzi, Reti di impresa appartenenti alla Regione Basilicata, provenienti
dalle filiere indicate dal Piano: agroalimentare, alta tecnologia, moda, arredo e costruzioni, energia,
mobilità.
 
Partecipando all’ICE Export Lab le imprese avranno l’opportunità di sviluppare conoscenze e
competenze tecnico-manageriali, con l’obiettivo di accrescere il loro business e la competitività sui
mercati esteri.
 
Il corso, della durata complessiva di circa 18 mesi, si articolerà in tre fasi:
- Fase di formazione in aula a Potenza, presso la sede della Confindustria
- Fase di affiancamento personalizzato in azienda, finalizzato alla definizione di una strategia
di intervento su un mercato target;
- Incubazione all'estero , con il supporto degli Uffici ICE-Agenzia, finalizzata allo sviluppo di
un progetto di internazionalizzazione.
 
La partecipazione all’ICE Export Lab prevede per le imprese il riconoscimento di un aiuto di Stato
figurativo de minimis del valore di € 4.400 (+ IVA se dovuta).
 
La Scadenza per le adesioni è prorogata al 29 gennaio 2018
]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ 23 GENNAIO VIDEO SEMINAR DI UNICREDIT SU LE NUOVE SFIDE DEL TURISMO. SI PUO' PARTECIPARE GRATUITAMENTE IN CCIAA A MATERA ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A220C21S20/23-GENNAIO-VIDEO-SEMINAR-DI-UNICREDIT-SU-LE-NUOVE-SFIDE-DEL-TURISMO--SI-PUO--PARTECIPARE-GRATUITAMENTE-IN-CCIAA-A-MATERA.htm Tue, 16 Jan 2018 12:01:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A220C21S20/23-GENNAIO-VIDEO-SEMINAR-DI-UNICREDIT-SU-LE-NUOVE-SFIDE-DEL-TURISMO--SI-PUO--PARTECIPARE-GRATUITAMENTE-IN-CCIAA-A-MATERA.htm

Il Consorzio Bridgeconomies e Unioncamere Basilicata segnalano che la  Camera di Commercio di Matera il prossimo 23 gennaio a partire dalle 16.30  sarà tra le sale collegate per il video seminar gratuito dal titolo "Le nuove sfide del #Turismo 4" organizzato da UniCredit e  dedicato alle imprese- in particolare del settore turismo-  durante il quale sarà possibile avere con ]]>

Il Consorzio Bridgeconomies e Unioncamere Basilicata segnalano che la  Camera di Commercio di Matera il prossimo 23 gennaio a partire dalle 16.30  sarà tra le sale collegate per il video seminar gratuito dal titolo "Le nuove sfide del #Turismo 4" organizzato da UniCredit e  dedicato alle imprese- in particolare del settore turismo-  durante il quale sarà possibile avere conversazioni con relatori d’eccezione per parlare di intelligenza artificiale, dati, chatbot, mobile e social media engagement, e discutere su come cambia il volto del turismo e sulle nuove opportunità da cogliere.

Sala Convegni Camera di Commercio di Matera
23 gennaio 2018 - dalle 16:30 alle 18:00
]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ LIFESTYLE INDUSTRY BUSINESS MEETINGS AT HOMI, MILANO. PROROGA DOMANDE AL 22 GENNAIO ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A219C21S20/LIFESTYLE-INDUSTRY-BUSINESS-MEETINGS-AT-HOMI--MILANO--PROROGA-DOMANDE-AL-22-GENNAIO-.htm Wed, 03 Jan 2018 10:01:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A219C21S20/LIFESTYLE-INDUSTRY-BUSINESS-MEETINGS-AT-HOMI--MILANO--PROROGA-DOMANDE-AL-22-GENNAIO-.htm In occasione di HOMI 2018, la principale fiera focalizzata sugli stili di vita, temi multiculturali e il benessere delle persone e del loro ambiente, Enterprise Europe Network e Unioncamere Basilicata in qualità di partner della rete, organizza l’evento di incontri B2B “Lifestyle Industry Business Meetings at HOMI”, offrendo a produttori, distributori, designer e rivenditori l’opportunità di trovare nuo ]]> In occasione di HOMI 2018, la principale fiera focalizzata sugli stili di vita, temi multiculturali e il benessere delle persone e del loro ambiente, Enterprise Europe Network e Unioncamere Basilicata in qualità di partner della rete, organizza l’evento di incontri B2B “Lifestyle Industry Business Meetings at HOMI”, offrendo a produttori, distributori, designer e rivenditori l’opportunità di trovare nuovi potenziali partner commerciali e tecnologici. L’evento è dedicato sia agli espositori sia ai visitatori di HOMI 2018, interessati a: ? presentare idee creative, materiali innovativi, nuovi prodotti ? trovare partner commerciali tra cui piattaforme di vendita al dettaglio e di e-commerce ? trovare nuove applicazioni per i propri prodotti e competenze ? scoprire nuove tecnologie per il settore retail ? conoscere nuove opportunità di mercato.

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ WORKSHOP AGROALIMENTARE IN SVEZIA IL 27 E 28 MARZO. OPPORTUNITA' PER PMI LUCANE ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A218C21S20/WORKSHOP-AGROALIMENTARE-IN-SVEZIA-IL-27-E-28-MARZO--OPPORTUNITA--PER-PMI-LUCANE.htm Wed, 03 Jan 2018 10:01:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A218C21S20/WORKSHOP-AGROALIMENTARE-IN-SVEZIA-IL-27-E-28-MARZO--OPPORTUNITA--PER-PMI-LUCANE.htm Enterprise Europe Network, di cui Unioncamere Basilicata è partner, organizza il Workshop e B2B in collaborazione con ICE-Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane - nell'ambito del Piano Export Sud II a favore delle Regioni cd. meno sviluppate ( Puglia, Sicilia, Calabria, Campania e Basilicata) e delle Regioni in via di transizione (Sardegna, Abruzzo e Molise).

Enterprise Europe Network, di cui Unioncamere Basilicata è partner, organizza il Workshop e B2B in collaborazione con ICE-Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane - nell'ambito del Piano Export Sud II a favore delle Regioni cd. meno sviluppate ( Puglia, Sicilia, Calabria, Campania e Basilicata) e delle Regioni in via di transizione (Sardegna, Abruzzo e Molise).

Scadenza iscrizioni: 9 gennaio 2018 CON POSSIBILE PROROGA

]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Marchi +3, AGEVOLAZIONI PER CHI REGISTRA MARCHI UE ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A216C21S20/Marchi--3--AGEVOLAZIONI-PER-CHI-REGISTRA-MARCHI-UE.htm Thu, 28 Dec 2017 10:12:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A216C21S20/Marchi--3--AGEVOLAZIONI-PER-CHI-REGISTRA-MARCHI-UE.htm Unioncamere Basilicata e il Consorzio Bridgeconomies consigliano di aderire a Marchi +3, misura che sostiene la capacità innovativa e competitiva delle PMI, promuovendo l'estensione del proprio marchio nazionale a livello comunitar ]]> Unioncamere Basilicata e il Consorzio Bridgeconomies consigliano di aderire a Marchi +3, misura che sostiene la capacità innovativa e competitiva delle PMI, promuovendo l'estensione del proprio marchio nazionale a livello comunitario ed internazionale.

Le agevolazioni previste sono dirette a favorire la registrazione di:
•marchi comunitari presso EUIPO (Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale)
•marchi internazionali presso OMPI (Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale).

Le risorse disponibili ammontano complessivamente a € 3.825.000,00Le domande potranno essere presentate a partire dal 7 marzo 2018.  

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Lo statuto ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A7C4S1/Lo-statuto.htm Thu, 04 Apr 2013 13:04:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A7C4S1/Lo-statuto.htm unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata ) <![CDATA[ Contatti ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A8C4S1/Contatti.htm Thu, 04 Apr 2013 13:04:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A8C4S1/Contatti.htm Unioncamere Basilicata
C.so XVIII Agosto, 34 - 85100 - Potenza
Tel. 0971/274476 - Fax 0971/27.980
E-mail certificata: unioncamerebas@legalmail.it

IBAN

Riferimenti per il pagamento delle somme dovute alla Unione Regionale delle Camere di Commercio di Basilicata

IBAN: IT 96 U 01030 04200 000001840961 -&nb ]]> Unioncamere Basilicata
C.so XVIII Agosto, 34 - 85100 - Potenza
Tel. 0971/274476 - Fax 0971/27.980
E-mail certificata: unioncamerebas@legalmail.it

IBAN

Riferimenti per il pagamento delle somme dovute alla Unione Regionale delle Camere di Commercio di Basilicata

IBAN: IT 96 U 01030 04200 000001840961 - Banca Monte dei Paschi di Siena spa Via Marconi n.217 Potenza



AFFARI ISTITUZIONALI E PROMOZIONE
Tel.0971/412264
Fax 0971/27980

UFFICIO STUDI, INDAGINI E RICERCHE ECONOMICO-STATISTICHE
Tel.0971/412.259
Fax 0971/27980

MEDIAZIONE, UFFICIO INTERNAZIONALIZZAZIONE, ENTERPRISE EUROPE NETWORK-CONSORZIO BRIDGECONOMIES
Riferimenti: Dr.ssa Chiara Cappiello
Tel. 0835/338443
Fax 0835/331051
E-mail: chiara.cappiello@bas.camcom.it - mediazione.unioncamerebas@legalmail.it 

UFFICIO ECONOMATO E CONTABILITA'
Riferimenti:
Dr.ssa Sandra Mileo
Tel.0971/412263
Fax 0971/27980
E-mail: sandra.mileo@bas.camcom.it

Rag. Vincenzo Bux
Tel. 0971/412260
Fax 0971/27980
E-mail: vincenzo.bux@bas.camcom.it

UFFICIO ELABORAZIONE E INFORMAZIONE DATI STATISTICI
Riferimenti: Dott. Cataldo Lacerra
Tel.0971/412261
Fax 0971/27980
E-mail: cataldo.lacerra@bas.camcom.it

UFFICIO PROTOCOLLO
Sig. Francesco Triani
francesco.triani@pz.camcom.it
  
UFFICIO STAMPA

Rif. Dott. Vito Verrastro
Tel. 0971/412235
Fax 0971/410682
E-mail: vito.verrastro@gmail.com

   

]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ LITUANIA - FIERA A VILNIUS DAL 2 AL 5 NOVEMBRE 2017 (FOOD,ABBIGLIAMENTO, TURISMO, COSMESI,VARI) - II EDIZIONE DENOMINATA "LA DOLCEVITA" ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A213C21S20/LITUANIA---FIERA-A-VILNIUS-DAL-2-AL-5-NOVEMBRE-2017--FOOD-ABBIGLIAMENTO--TURISMO--COSMESI-VARI----II-EDIZIONE-DENOMINATA--LA-DOLCEVITA-.htm Tue, 19 Sep 2017 12:09:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A213C21S20/LITUANIA---FIERA-A-VILNIUS-DAL-2-AL-5-NOVEMBRE-2017--FOOD-ABBIGLIAMENTO--TURISMO--COSMESI-VARI----II-EDIZIONE-DENOMINATA--LA-DOLCEVITA-.htm Unioncamere Basilicata informa le aziende rispetto all'opportunità rappresentata dalla Fiera "La dolce Vita" in programma a Vilnius dal 2 al 5 novembre 2017

su food, vino, abbigliamento, turismo e altri settori

Per saperne di più consulta gli allegati

]]>
Unioncamere Basilicata informa le aziende rispetto all'opportunità rappresentata dalla Fiera "La dolce Vita" in programma a Vilnius dal 2 al 5 novembre 2017

su food, vino, abbigliamento, turismo e altri settori

Per saperne di più consulta gli allegati

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ IFIB 2017 Roma 5-6 ottobre 2017 ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A212C21S20/IFIB-2017-Roma-5-6-ottobre-2017.htm Mon, 04 Sep 2017 11:09:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A212C21S20/IFIB-2017-Roma-5-6-ottobre-2017.htm Nell’ambito delle attività di Unioncamere Basilicata partner della rete EEN Enterprise Europe Network, si invitano le imprese di settore a partecipare  alla 7^ edizione dell’Italian Forum on Industrial Biotechnology and Bioeconomy – IFIB 2017, iniziativa internazionale promossa da Assobiotec – Associazione Italiana per lo sviluppo delle biotecnologie, in collaborazione con La Regione Lazio e Lazio Innova& ]]> Nell’ambito delle attività di Unioncamere Basilicata partner della rete EEN Enterprise Europe Network, si invitano le imprese di settore a partecipare  alla 7^ edizione dell’Italian Forum on Industrial Biotechnology and Bioeconomy – IFIB 2017, iniziativa internazionale promossa da Assobiotec – Associazione Italiana per lo sviluppo delle biotecnologie, in collaborazione con La Regione Lazio e Lazio Innova  che si svolgerà a Roma il 5 e 6 ottobre 2017, presso il Centro Congressi di Palazzo Rospigliosi, Via XXIV Maggio, 43-

 L’iniziativa è realizzata in collaborazione con Spring (Italian Cluster for Green Chemistry), Innovhub-SSIC.H.I.CO (Cluster of Health Innovation and Community), BIC Lazio, Fondazione Italia Camp, e la Rete Enterprise Europe Network.

Il focus del forum è la biotecnologia vettori di crescita economica e leve di sviluppo come fornitore di nuove risorse per le industrie. È organizzato in tavole rotonde e sessioni dedicate a specifici sotto-settori delle biotecnologie industriali: economia circolare, energia e bio-raffinerie, agroalimentare, scienze della vita, politiche su biotecnologia industriale e bioeconomia, industrie bio-based.

Nell’ambito di IFIB 2017, la rete Enterprise Europe Network organizza il B2B “Biotech and Bioeconomy Partnering Event – IFIB 2017”, di cui BIC LAZIO è l’organizzatore principale. L’evento è gratuito.


Il B2B è aperto alla partecipazione di imprese, ricercatori, enti di ricerca pubblici e privati e Università, i quali avranno l’opportunità di incontrare potenziali partner per favorire il raggiungimento di accordi di cooperazione nell’ambito della ricerca, trasferimento tecnologico e business.

Il brokerage event si concentrerà sui seguenti settori:


- Bioeconomia e economia circolare                                                                                                                                
- Energia e bio-raffinerie
- Bio-based industries
- Agro-alimentare
- Biotecnologia marina

PER PARTECIPARE AL B2B : registrati sul sito www.b2match.eu/ifib2017 entro il 22 settembre 2017

Per ulteriori informazioni contattare il desk Enterprise Europe Network EEN –Unioncamere Basilicata

chiara.cappiello@mt.camcom.it

tel 0835 338443

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ ?INNOVATION VILLAGE 2017 Brokerage Event? - Napoli, Mostra d?Oltremare, 6-7 aprile 2017 ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A207C0S0/-INNOVATION-VILLAGE-2017-Brokerage-Event----Napoli--Mostra-d-Oltremare--6-7-aprile-2017.htm Thu, 23 Mar 2017 15:03:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A207C0S0/-INNOVATION-VILLAGE-2017-Brokerage-Event----Napoli--Mostra-d-Oltremare--6-7-aprile-2017.htm L’Unioncamere Basilicata , partner di Enterprise Europe Network, la più grande rete europea di assistenza e supporto alle PMI, co-organizza e promuove la partecipazione all’evento “INNOVATION VILLAGE 2017 Brokerage Event” (padiglione 6 – Mostra d’Oltremare – Napoli, 6-7 aprile 2017).

L’evento di brokeraggio si rivolge a im ]]> L’Unioncamere Basilicata , partner di Enterprise Europe Network, la più grande rete europea di assistenza e supporto alle PMI, co-organizza e promuove la partecipazione all’evento “INNOVATION VILLAGE 2017 Brokerage Event” (padiglione 6 – Mostra d’Oltremare – Napoli, 6-7 aprile 2017).

L’evento di brokeraggio si rivolge a imprese, start-up, centri di ricerca e università e si focalizza principalmente sui seguenti ambiti: Industry 4.0, Digital manufacturing, Cultural & creative industry, Agrifood, Blue growth, Health and biomedical.  

Per partecipare è necessario registrarsi online e inserire un proprio profilo di ricerca partner (offerta di tecnologia/innovazione e/o proposta di collaborazione) sul sito Web dell’evento:

 

La registrazione va effettuata nella maniera più completa possibile, inserendo tutti i dati utili all’interno del profilo di cooperazione che va redatto in lingua inglese.

La lingua ufficiale dell’evento è l’inglese. Ogni partecipante avrà la possibilità di selezionare gli incontri di interesse, scelti in base al contenuto dei profili stessi e, prima dell’evento, riceverà la propria agenda degli incontri programmati.

La scadenza è stata prorogata al 31 marzo 2017 per la registrazione e inserimento del proprio profilo di ricerca partner a cui seguirà:

La selezione degli incontri di interesse

Lo svolgimento degli incontri B2B, presso Padiglione 6 Mostra d’Oltremare, Napoli.

La partecipazione all’evento è gratuita.

Per informazioni più dettagliate sull’evento, sulla partecipazione e

sugli incontri bilaterali e per assistenza alla registrazione, rivolgersi a:UNIOCAMERE BASILICATA EEN CONSORZIO BRIDG€CONOMIES

chiara.cappiello@mt.camcom.it

tel +39 08353.388443 / 24038

]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Sovraindebitamento, che fare? Il 29 novembre convegno in Cciaa a Matera ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A206C21S20/Sovraindebitamento--che-fare--Il-29-novembre-convegno-in-Cciaa-a-Matera.htm Thu, 24 Nov 2016 00:11:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A206C21S20/Sovraindebitamento--che-fare--Il-29-novembre-convegno-in-Cciaa-a-Matera.htm Martedì 29 novembre 2016 alle 15 presso il salone della Camera di commercio di Matera è in programma un incontro sul tema “Sovraindebitamento che fare?”.
Martedì 29 novembre 2016 alle 15 presso il salone della Camera di commercio di Matera è in programma un incontro sul tema “Sovraindebitamento che fare?”.
Saranno discussi i seguenti temi: problemi finanziari, procurati da motivi diversi e, di conseguenza  difficoltà di accesso al credito con imprenditori e famiglie  davanti un muro insormontabile o quasi e con i debiti che aumentano a dismisura.

L’iniziativa è stata promossa dalla Unioncamere Basilicata, responsabile del nuovo Organismo di gestione delle crisi da sovraindebitamento, e dalla  Camera di commercio di Matera. L’argomento, di stretta attualità, sarà trattato da esperti gestori in merito ai diversi aspetti per rispondere ai quesiti del “Cosa è, a chi si rivolge e come funziona?’’. Contributi al dibattito verranno anche dalle testimonianze dello Sportello della Legalità sulla esperienza condotta finora presso la Camera di commercio di Matera. I lavori saranno presieduti da Giuseppe Attimonelli Petraglione, Presidente emerito del Tribunale di Matera.

Prossimamente un'analoga iniziativa verrà realizzata anche a Potenza

]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Il nuovo regolamento della mediazione ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A32C13S10/Il-nuovo-regolamento-della-mediazione.htm Fri, 05 Apr 2013 12:04:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A32C13S10/Il-nuovo-regolamento-della-mediazione.htm unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata ) <![CDATA[ CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO: DA OGGI UN NUOVO SERVIZIO GESTITO DA UNIONCAMERE BASILICATA ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A203C21S20/CRISI-DA-SOVRAINDEBITAMENTO--DA-OGGI-UN-NUOVO-SERVIZIO-GESTITO-DA-UNIONCAMERE-BASILICATA.htm Tue, 04 Oct 2016 08:10:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A203C21S20/CRISI-DA-SOVRAINDEBITAMENTO--DA-OGGI-UN-NUOVO-SERVIZIO-GESTITO-DA-UNIONCAMERE-BASILICATA.htm Unioncamere Basilicata è diventata "Organismo per la gestione delle crisi da sovraindebitamento”. Da oggi attraverso il servizio si potranno rinegoziare i debiti: chi non può accedere alle procedure previste dalla legge fallimentare (ar ]]> Unioncamere Basilicata è diventata "Organismo per la gestione delle crisi da sovraindebitamento”. Da oggi attraverso il servizio si potranno rinegoziare i debiti: chi non può accedere alle procedure previste dalla legge fallimentare (artigiani, commercianti, start up innovative, consumatori e tutti coloro che fino a ieri erano “troppo piccoli” per fallire) vi si potranno rivolgersi, nel caso si trovino ad avere un eccesso di debiti, per esempio con le banche o con il fisco, e proporre ai creditori un accordo di ristrutturazione dei debiti con un piano di rientro che cadenzi secondo le reali possibilità del soggetti, la restituzione almeno di una parte del dovuto.

Tutte le informazioni e la modulistica sono qui

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Basilicata Congiuntura ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A97C89S88/Basilicata-Congiuntura.htm Tue, 30 Apr 2013 14:04:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A97C89S88/Basilicata-Congiuntura.htm unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata ) <![CDATA[ Rapporti monografici ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A98C89S88/Rapporti-monografici.htm Tue, 30 Apr 2013 14:04:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A98C89S88/Rapporti-monografici.htm unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata ) <![CDATA[ Rapporti annuali sull'economia lucana ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A96C89S88/Rapporti-annuali-sull-economia-lucana.htm Fri, 06 Jun 2014 00:06:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A96C89S88/Rapporti-annuali-sull-economia-lucana.htm unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata ) <![CDATA[ INVITO A PARTECIPARE A EU-CHINA BUSINESS & TECHNOLOGY COOPERATION FAIR - ISCRIZIONE ENTRO IL 20 SETTEMBRE ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A200C21S20/INVITO-A-PARTECIPARE-A-EU-CHINA-BUSINESS---TECHNOLOGY-COOPERATION-FAIR---ISCRIZIONE-ENTRO-IL-20-SETTEMBRE-.htm Wed, 07 Sep 2016 12:09:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A200C21S20/INVITO-A-PARTECIPARE-A-EU-CHINA-BUSINESS---TECHNOLOGY-COOPERATION-FAIR---ISCRIZIONE-ENTRO-IL-20-SETTEMBRE-.htm Unioncamere Basilicata ed il Consorzio BRIDGeconomies, nell’ambito delle attività della Rete Enterprise Europe Network (EEN) ed in collaborazione con il partner cinese EUPIC (EUProject Innovation Centre),  Unioncamere Basilicata ed il Consorzio BRIDGeconomies, nell’ambito delle attività della Rete Enterprise Europe Network (EEN) ed in collaborazione con il partner cinese EUPIC (EUProject Innovation Centre), promuovono e co-organizzano la missione EU-CHINA in occasione della XI EU-Cina Business and Technology Cooperation Fair (BTF), realizzata da EUPIC (EEN Cina) e dal governo cinese. La missione si svolgerà a Chengdu, capitale del Sichuan, e Qingdao, nella provincia dello Shangdong, dal 2 all’8 novembre 2016.

Brokerage Event

La missione prevede la realizzazione di un eventi di B2B sia a Chengdu che a Qingdao, con incontri individuali personalizzati per ogni partecipante. Gli incontri pre-organizzati, della durata di 30 minuti, hanno l’obiettivo di consentire ai partecipanti di trovare partner internazionali per il trasferimento tecnologico, la cooperazione commerciale e la ricerca collaborativa. Gli interessati possono consultare la circolare e la brochure e compilare il modello di partecipazione (in allegato). Già quasi 300 imprese cinesi si sono registrate per Chengdu e quasi 200 per Qingdao.

Perché partecipare

Cogliere la possibilità di beneficiare di politiche preferenziali offerte dal governo cinese ad avviare attività su un mercato in grande espansione 

  • Individuare potenziali partner commerciali in incontri one-to-one pre-programmati di 30 minuti per favorire un efficace networking
  • Scoprire le tendenze del mercato e le innovazioni
  • Mostrare i propri progetti e prodotti più interessanti
  • Ottenere opportunità di investimento di prima mano
  • Avviare contatti transfrontalieri e collaborazioni Costi La registrazione ha un costo di 100 euro, che comprende le seguenti voci.

I costi di viaggio e dell’eventuale trasporto di materiali (prodotti, stampe, etc.) sono a carico delle imprese/organizzazioni.

Stand

Le imprese italiane partecipanti avranno a disposizione uno stand dedicato.    Gli interessati hanno tempo sino al  20 settembre per l'iscirizione all'evento

 

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ SEI ECCELLENZE LUCANE DELL'AUTOMOTIVE PARTECIPANO AD AUTOMECHANIKA (FRANCOFORTE) ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A201C21S20/SEI-ECCELLENZE-LUCANE-DELL-AUTOMOTIVE-PARTECIPANO-AD-AUTOMECHANIKA--FRANCOFORTE-.htm Fri, 09 Sep 2016 12:09:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A201C21S20/SEI-ECCELLENZE-LUCANE-DELL-AUTOMOTIVE-PARTECIPANO-AD-AUTOMECHANIKA--FRANCOFORTE-.htm Il settore dell’automotive lucano sarà rappresentato da sei aziende ad Automechanika, la Fiera internazionale delle attrezzature per autofficine, stazioni di servizio, parti di ricambio e accessori per l'industria in programma a Francoforte dal 13 al 17 settembre. Biparts automotive solutions, Brecav Srl, Daken Srl e Takler Srl (Matera), Cmd Spa e La.Mek. Srl (Potenza) prenderanno parte ad una missione finanziata dalla Regi ]]> Il settore dell’automotive lucano sarà rappresentato da sei aziende ad Automechanika, la Fiera internazionale delle attrezzature per autofficine, stazioni di servizio, parti di ricambio e accessori per l'industria in programma a Francoforte dal 13 al 17 settembre. Biparts automotive solutions, Brecav Srl, Daken Srl e Takler Srl (Matera), Cmd Spa e La.Mek. Srl (Potenza) prenderanno parte ad una missione finanziata dalla Regione Basilicata e coordinata da Unioncamere Basilicata con il supporto operativo della Forim, azienda speciale della Camera di Commercio di Potenza, e di Itkam, la Camera di Commercio italiana per la Germania. L’obiettivo è supportare le eccellenze produttive di un settore, quello automotive, che rappresenta un’area di forte specializzazione dell’economia lucana. Lo testimonia, a livello sia strategico che produttivo, il polo automobilistico della FIAT Sata di Melfi, ma anche la crescita registrata in particolare negli ultimi dieci anni della filiera locale sul tessuto economico lucano, con diverse piccole e medie imprese di tradizione familiare o di nuova generazione che vendono i beni intermedi che sono successivamente trasformati, assemblati e poi venduti. Nel contesto regionale sono infatti localizzate alcune decine di aziende produttrici, principalmente piccole e medie imprese locali, quasi sempre fornitrici di secondo o terzo livello, ma in molti casi con portafogli clienti diversificati e un minore rapporto di dipendenza dalle commesse di Fiat.

A Francoforte le aziende lucane potranno conoscere le ultime novità del settore automobilistico, gli ultimi sviluppi e le soluzioni in materia di componenti, sistemi, tuning, attrezzature per officine, carrozzerie e verniciatura, lavaggio auto, la gestione IT e gli ultimissimi servizi relativi all’ automobile. Con 4.660 espositori provenienti da 74 paesi, Automechanika presenta l’intera catena di processo nell’aftermarket automobilistico: dai punti vendita dei servizi al riciclaggio o allo smaltimento. Come punto d’incontro internazionale per l’industria, il commercio e laboratori,  Automechanika si configura come una piattaforma di estrema importanza per la tecnologia e il trasferimento di imprese, volto a fornire elementi tali da produrre conoscenza e innovazione. Porta d'accesso per lo sviluppo del business mondiale, Automechanika negli ultimi anni ha infatti iniziato anche a rivolgersi ai costruttori di automobili e ai subfornitori, seguendo l'evoluzione del mercato e rispecchiando i processi strategici in atto.

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ AUDIT GRATUITI DAL PROGETTO INCAME: L'8 SETTEMBRE A MATERA E IL 9 A POTENZA ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A199C21S20/AUDIT-GRATUITI-DAL-PROGETTO-INCAME--L-8-SETTEMBRE-A-MATERA-E-IL-9-A-POTENZA.htm Tue, 30 Aug 2016 11:08:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A199C21S20/AUDIT-GRATUITI-DAL-PROGETTO-INCAME--L-8-SETTEMBRE-A-MATERA-E-IL-9-A-POTENZA.htm Unioncamere Basilicata, nodo della Rete Enterprise Europe Network in Basilicata, supporta l’ENEA e SPIN impegnati nella seconda edizione del progetto europe INCAME - INnovation CApacities of Mediterranean Enterprises finanziato dalla Commissione Europea. Il progetto, attraverso l’effettuazione di audit e la fornitura di consulenza specialistica gratuita per le PMI, mira a migliorare la competitività e la gestione dei proc ]]> Unioncamere Basilicata, nodo della Rete Enterprise Europe Network in Basilicata, supporta l’ENEA e SPIN impegnati nella seconda edizione del progetto europe INCAME - INnovation CApacities of Mediterranean Enterprises finanziato dalla Commissione Europea. Il progetto, attraverso l’effettuazione di audit e la fornitura di consulenza specialistica gratuita per le PMI, mira a migliorare la competitività e la gestione dei processi d’ innovazione delle PMI, secondo la specifica tecnica UNICENT 16555-1 “Gestione dell’innovazione” e ad aumentare l’efficienza e l’efficacia degli investimenti in ricerca, sviluppo ed innovazione. Il progetto interessa 7 regioni del mezzogiorno: Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia. 

Due gli appuntamenti in basilicata per le PMI interessate: l'8 settembre a Matera e il 9 a Potenza

Leggi e scarica l'invito qui

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Indagine sui nuovi modelli di business delle imprese turistiche ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A198C21S20/Indagine-sui-nuovi-modelli-di-business-delle-imprese-turistiche.htm Tue, 09 Aug 2016 18:08:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A198C21S20/Indagine-sui-nuovi-modelli-di-business-delle-imprese-turistiche.htm La Fondazione Eni Enrico Mattei, istituzione non profit che svolge attività di ricerca nel campo dello sviluppo sostenibile, in partnership con l’Ufficio Studi di Unioncamere Basilicata, sta realizzando un’indagine sui nuovi modelli di business delle imprese del settore turistico.

La Fondazione Eni Enrico Mattei, istituzione non profit che svolge attività di ricerca nel campo dello sviluppo sostenibile, in partnership con l’Ufficio Studi di Unioncamere Basilicata, sta realizzando un’indagine sui nuovi modelli di business delle imprese del settore turistico.

Lo studio è articolato in due fasi: la prima finalizzata all’identificazione dei fattori che concorrono all’innovazione aziendale; la seconda volta a valutare la presenza/assenza all’interno delle imprese lucane di tali elementi innovativi, con particolare riferimento alle aziende delle aree protette della Basilicata che operano nel settore turistico.

Nella fase di avvio sono state condotte venti interviste ad esperti del mondo dell’Università, delle istituzioni e dell’imprenditoria che a livello nazionale si sono distinti per le loro competenze nel settore dell’innovazione. Gli esperti hanno delineato, anche attraverso l’analisi di casi di successo italiani, le tendenze e i cambiamenti in atto nei modelli di business delle aziende del settore turistico, e fornito quindi concrete indicazioni di policy per una gestione imprenditoriale d’avanguardia.

Attraverso un’indagine campionaria rivolta agli operatori economici dei Parchi della Basilicata si vogliono analizzare ora i modelli di business presenti nelle aziende lucane operanti nel settore turistico e ricostruire una mappa delle necessità e delle opportunità per lo sviluppo di nuovi modelli di business in relazione al contesto economico locale. Lo scopo è quello di definire strategie a supporto delle imprese in linea con i cambiamenti in atto nel destination management e nella governance, in tema di:

  • gestione del rapporto con il nuovo consumatore-turista e con i nuovi mercati;

  • definizione di reti di collaborazione efficaci e innovative tra imprese e con il territorio;

  • potenziamento ed utilizzo sistematico delle informazioni e delle tecnologie come strumenti strategici e di redditività;

  • sviluppo di nuove professionalità e competenze per le risorse umane.

Le chiediamo cortesemente di partecipare all’indagine concedendoci pochi minuti per la compilazione del questionario accessibile a partire dal link presente qui in calce. I dati verranno usati esclusivamente per finalità scientifiche e i risultati costituiranno una base informativa per la programmazione di interventi a supporto delle imprese locali.

Potrà consultare gli esiti delle indagini nel mese di dicembre sui siti www.feem.it e www.bas.camcom.it nella sezione studi e ricerche. Per informazioni può contattare viggiano@feem.it

Accedi al questionario

 

*Università: Federica Montaguti- Ciset, Matteo Caroli- Università Luiss Guido Caroli, Emilio Chiodo- Università degli Studi di Teramo, Alessio Cavicchi- Università di Macerata, Pierfelice Rosato- Università del Salento, Giovanni Lombardo- Università di Genova, Fabiola Sfodera- Università La Sapienza, Federica Della Corte- Università Federico II.

Enti e Istituzioni: Paolo Pigliacelli- Federparchi, Flavia Maria Coccia- Isnart, Massimiliano Vavassori- Centro Studi Touring Club Italia, Fausto Giovannelli- Parco Nazionale Appennino Tosco Emiliano, Andrea Miccio- Invitalia, Enzo Maria Tripodi- Unioncamere.

Imprese/Consulenti: Fausto Faggioli- Fattorie Faggioli, Josephe Ejarque- Four Tourism, Matteo Cassese- La fabbrica delle realtà, Marco Rizzoi- Zonzoo Fox, Diego Albanese- Un’altra cosa travel, Paolo Borroi- Brand & Destination Marketing Manager, Alberto Papagni- Turismo Ok.

 

 

]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ ROADSHOW PER L'INTERNAZIONALIZZAZIONE Italia per le imprese con le PMI verso i mercati esteri ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A197C21S20/ROADSHOW-PER-L-INTERNAZIONALIZZAZIONE-Italia-per-le-imprese-con-le-PMI-verso-i-mercati-esteri.htm Thu, 16 Jun 2016 16:06:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A197C21S20/ROADSHOW-PER-L-INTERNAZIONALIZZAZIONE-Italia-per-le-imprese-con-le-PMI-verso-i-mercati-esteri.htm Il roadshow si terrà a Matera mercoledì 22 giugno 2016 dalle ore 09:00 alle ore 18:00presso Palazzo Lanfranchi, Piazza G. Pascoli. per la registrazione all'evento cliccare sul seguente link: http://www.roadshow.ice.it/it/eventi-in-programma/matera

Durante la sessione pomeridiana gli espert ]]> Il roadshow si terrà a Matera mercoledì 22 giugno 2016 dalle ore 09:00 alle ore 18:00presso Palazzo Lanfranchi, Piazza G. Pascoli. per la registrazione all'evento cliccare sul seguente link: http://www.roadshow.ice.it/it/eventi-in-programma/matera

Durante la sessione pomeridiana gli esperti Enterprise Europe Network (Unioncamere Basilicata ed Enea) saranno a disposizione per valutare le opportunità di internazionalizzazione e di innovazione delle aziende, per fornire supporto specialistico sui principali programmi Europei per la ricerca e la competitività, per informazioni sulle strategie di potenziamento delle imprese e sugli altri servizi gratuiti e custom made del network.

Se interessatiI ad incontrare uno degli esperti EEN , vi invitiamo a rispondere con una email all’indirizzo staff.enea.bridgeconomies@enea.it manifestando la volontà di partecipare, ed indicando nome, cognome, tipo di organizzazione e un riferimento in loco (cellulare e/o email)..

]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Presentato a Matera il Rapporto sull'Economia lucana nel 2015 ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A196C21S20/Presentato-a-Matera-il-Rapporto-sull-Economia-lucana-nel-2015.htm Tue, 17 May 2016 08:05:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A196C21S20/Presentato-a-Matera-il-Rapporto-sull-Economia-lucana-nel-2015.htm La Basilicata ha fatto registrare nel 2015 un aumento dello 0,2 per cento del Prodotto interno lordo, in continuità con il +0,3 per cento del 2014, con i segnali positivi nel settore dell’export caratterizzato dall’automotive della FCA di Melfi e dai crescenti dati sul t ]]> La Basilicata ha fatto registrare nel 2015 un aumento dello 0,2 per cento del Prodotto interno lordo, in continuità con il +0,3 per cento del 2014, con i segnali positivi nel settore dell’export caratterizzato dall’automotive della FCA di Melfi e dai crescenti dati sul turismo a Matera, capitale europea della cultura 2019. E’ quanto emerge dall’Osservatorio sull’economia della Basilicata 2016, presentato oggi a Matera nel corso di una conferenza stampa in occasione della 14^ Giornata dell’Economia. Rispetto al contesto nazionale  l’economia regionale nel 2015 ha rallentato,  a causa della  debole ripresa della domanda interna. I consumi delle famiglie, in particolare, hanno fatto registrare un dato positivo, con un +0,4 per cento,  dopo 4 anni di flessioni consecutive. Stessa tendenza per gli investimenti (+0,3%, a fronte del +0,8% in Italia). Va segnalata la ripresa dei consumi, concentrata prevalentemente nel comparto dei beni durevoli. Secondo i dati dell’Osservatorio Findomestic, la Basilicata - con un aumento del 12,6 per cento nel 2015-è stata la prima regione italiana in termini di crescita della spesa per beni durevoli, tra i quali spicca l’acquisto di auto.  Un riscontro ulteriore viene dall’aumento dai prestiti alle famiglie consumatrici , con un incremento di oltre il 60% sul territorio regionale; il doppio della media nazionale. Quanto ai macrosettori, escludendo l’agricoltura il cui contributo alla formazione del prodotto interno lordo non raggiunge il 5 per cento), solamente l’industria ha chiuso il 2015 con una variazione positiva, ancorché modesta, del valore aggiunto (+0,3 per cento , rispetto al +1,3 percento  della media nazionale). Quanto al bilancio sui dati relativi alla natalità e mortalità delle imprese il 2015  si è chiuso con un saldo negativo di 103 aziende, risultato di 3.016 nuove iscrizioni e 3.119 cancellazioni. Il tasso annuo di crescita imprenditoriale, misurato dal rapporto tra il saldo di nati-mortalità e lo stock di imprese registrate, è tornato quindi negativo, attestandosi a -0,17 per cento, mentre a livello nazionale ha sensibilmente accelerato, raggiungendo il livello più elevato dal 2007 (+0,75 per cento).

Lo scorso anno sono migliorate le condizioni generale del lavoro con una marcata ripresa dell’occupazione (+6,4 per cento , per circa 3500 occupati in più) e una riduzione  della disoccupazione con un  -4 ,9 per cento. E questo  in un contesto che ha visto peraltro aumentare il numero di coloro che si offrono sul mercato e restringersi l’area della inattività.  Quali  i fattori che hanno favorito questi dati? La ripresa dell’occupazione è in gran parte da attri­buire alle significative novità introdotte con la riforma del mercato del lavoro (Jobs Act) e, in misura maggiore, alla contem­poranea adozione, nell’ambito della Legge di stabilità 2014, delle agevolazioni fiscali a favore delle imprese che assumono con contratti a tempo indeterminato (quasi il 69% dei nuovi rapporti di lavoro attivati nel 2015 hanno beneficiato delle decontribuzioni. “ Pur confermando le criticità oggettive dell’economia lucana –ha detto il presidente  dell’Unione delle Camere di commercio di Basilicata, Angelo Tortorelli- la Basilicata ha le potenzialità per migliorare i dati sulla crescita. La programmazione di opere pubbliche legate al Patto per il Sud, per Matera capitale europea della cultura 2019  e altre opportunità con i fondi dell’Unione europea dovrebbero contribuire a migliorare le posizioni e a investire nel futuro della nostra regione,che sono i giovani Il sistema camerale farà la propria parte. Attendiamo che altri, per le problematiche segnalate e contenute nell’Osservatorio, si sforzino di affrontarle e risolverle.

Quanto all’immediato futuro per l’anno in corso, le ultime previsioni ipotizzano una crescita dello 0,4 per cento  per l’economia lucana, in linea con la media meridionale, ma ancora al di sotto di quella nazionale  che sarà del + 1,0 per cento. Consumi delle famiglie e  investimenti dovrebbero mostrare una accelerazione, a patto che non venga modificato il quadro di  alcune condizioni di contesto favorevoli che, anche a livello nazionale, stanno sostenendo la domanda interna. Mi riferisco alla bassa inflazione,alla  politica monetaria espansiva e di bilancio accomodante; mentre dovrebbe stabilizzarsi il contributo positivo alla crescita offerto dall’export. Dal punto di vista settoriale, si attende una ripresa delle costruzioni +1,1 per cento , la conferma del trend positivo dell’industria con  un +0,7 per cento e la ripresa dei servizi  per un +0,3 per cento. Si tratta di segnali positivi che dovranno essere aiutati nel loro consolidamento.

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Esonero dal pagamento delle indennità di mediazione ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A178C13S10/Esonero-dal-pagamento-delle-indennita-di-mediazione.htm Thu, 10 Sep 2015 13:09:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A178C13S10/Esonero-dal-pagamento-delle-indennita-di-mediazione.htm L'art. 17 comma 5 bis del d. Lgs. 28/2010 e s.m.i. prevede che, quando la mediazione è condizione di procedibilità della domanda ai sensi dell'articolo 5, comma 1 bis, ovvero è disposta dal giudice ai sensi dell'art. 5, comma 2 del d. lgs. 28/2010, all'organismo non è dovuta alcuna indennità dalla parte che si trova nelle condizioni per l'ammissione al patrocinio a spese dello Stat ]]> L'art. 17 comma 5 bis del d. Lgs. 28/2010 e s.m.i. prevede che, quando la mediazione è condizione di procedibilità della domanda ai sensi dell'articolo 5, comma 1 bis, ovvero è disposta dal giudice ai sensi dell'art. 5, comma 2 del d. lgs. 28/2010, all'organismo non è dovuta alcuna indennità dalla parte che si trova nelle condizioni per l'ammissione al patrocinio a spese dello Stato, ai sensi dell'articolo 76 (L) del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia di cui al D.P.R. del 30 maggio 2002, n. 115. A tal fine la parte è tenuta a depositare presso l'organismo apposita dichiarazione (utilizzando il modulo riportato di seguito), nonché a produrre, a pena di inammissibilità, se l'organismo lo richiede, la documentazione necessaria a comprovare la veridicità di quanto dichiarato.

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Dai progetti Europei Adrion e Life opportunità per le imprese ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A195C21S20/Dai-progetti-Europei-Adrion-e-Life-opportunita-per-le-imprese.htm Wed, 09 Mar 2016 10:03:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A195C21S20/Dai-progetti-Europei-Adrion-e-Life-opportunita-per-le-imprese.htm Disponibile su EuropaFacile una scheda informativa relativa al 1° bando del Programma di Cooperazione Territoriale Europea “Interreg ADRION” lanciato all’inizio di febbraio.

Con un budget di oltre 33 milion ]]> Disponibile su EuropaFacile una scheda informativa relativa al 1° bando del Programma di Cooperazione Territoriale Europea “Interreg ADRION” lanciato all’inizio di febbraio.

Con un budget di oltre 33 milioni di euro derivanti da fondi FESR e IPA II, il bando ADRION intende finanziare progetti che interessano ben 8 Paesi dell’area Adriatico-Ionica4 Stati membri UE (ItaliaCroaziaGreciaSlovenia) e 4 Paesi IPA (AlbaniaBosnia-ErzegovinaMontenegroSerbia).
Questa prima call è aperta a 3 dei 4 Assi prioritari del Programma e punta a  promuovere la cooperazione transnazionale nell'area Adriatico-Ionica per rispondere alle sfide regionali in materia di innovazionevalorizzazione del patrimonio culturaleambiente e trasporti.
La partnership di progetto deve coinvolgere almeno 3 soggetti provenienti da 3 diversi Paesi coperti dal Programma.
Il cofinanziamento UE potrà coprire l’85% dei costi totali ammissibili del progetto, per un minimo di 800.000 euro e un massimo di 1.500.000 euro. E’ stabilito, inoltre, che per i partner pubblici italiani il restante 15% sia a carico del Fondo di rotazione nazionale.

La scadenza per la presentazione delle proposte è il 25 marzo 2016.

A seguito dell’apertura del bando, il Segretariato Tecnico Congiunto del Programma ha organizzato 2 Infoday. Gli incontri si sono svolti a Bologna il 12 febbraio e il 3 marzo (presso la sede della Regione, Sala 20 Maggio, Viale della Fiera 8). Sul sito di ADRION sono disponibili i materiali degli interventi:  http://www.adrioninterreg.eu/

***

La Commissione europea – DG Ambiente, ha reso noto il calendario 2016 del programma LIFE.

Il bando dovrebbe aprirsi nella seconda metà di maggio.

Pei i progetti tradizionali (che riuniscono: progetti pilota, progetti dimostrativi, progetti di buone pratiche e progetti di informazione, sensibilizzazione e divulgazione) le scadenze cadranno fra il 7 e il 15 settembre e precisamente:
- progetti tradizionali nel sottoprogramma Azione per il clima (tutte le azioni): 7 settembre
- progetti tradizionali relativi all’azione Ambiente e uso efficiente delle risorse nel sottoprogramma Ambiente: 12 settembre
- progetti tradizionali nelle azioni Natura e biodiversità e Governance e informazione nel sottoprogramma Ambiente: 15 settembre.

Il budget indicativo complessivamente per i progetti tradizionali ammonta a 239 milioni di euro.

Per le altre categorie di progetti le scadenze sono:
Progetti preparatori e Progetti di assistenza tecnica del sottoprogramma Ambiente20 settembre (budget indicativo: 1,920 milioni per i progetti preparatori e 800.000 euro per quelli di assistenza tecnica)
- Progetti di assistenza tecnica del sottoprogramma Azione per il clima20 settembre (budget indicativo: 160.000 euro)
Progetti integrati (entrambi i sottoprogrammi): 26 settembre (budget indicativo: 79,2 milioni di euro per  quelli del sottoprogramma ambiente e  16 milioni di  euro per quelli del sottoprogramma Azione per il clima)

Maggiori indicazioni relative al programma e alle diverse categorie di progetti sono disponibili qui

Fonte: DG Ambiente - LIFE programme

]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Bandi comunitari ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A17C9S10/Bandi-comunitari.htm Thu, 04 Apr 2013 17:04:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A17C9S10/Bandi-comunitari.htm 10/03/2016 - Adrion e Life, opportunità per le Pmi

 

Per ulteriori informazioni visita anche il sito dell'Unione Europea.

]]>
10/03/2016 - Adrion e Life, opportunità per le Pmi

 

Per ulteriori informazioni visita anche il sito dell'Unione Europea.

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Lieve aumento dell'occupazione prevista nel I trimestre 2016 ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A194C21S20/Lieve-aumento-dell-occupazione-prevista-nel-I-trimestre-2016.htm Tue, 23 Feb 2016 13:02:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A194C21S20/Lieve-aumento-dell-occupazione-prevista-nel-I-trimestre-2016.htm In linea con il resto dell’Italia, in Basilicata è prevista una variazione positiva dell'occupazione tra gennaio e marzo 2016. Secondo “Excelsior Informa”, indagine realizzata da Unioncamere in accordo con il Ministero del Lavoro a cadenza trimestrale, il saldo occupazionale atteso nella regione è pari a + 100 unità (in lieve miglioramento rispetto alle +90 di un anno prima), sintesi tra 1.680 &quo ]]> In linea con il resto dell’Italia, in Basilicata è prevista una variazione positiva dell'occupazione tra gennaio e marzo 2016. Secondo “Excelsior Informa”, indagine realizzata da Unioncamere in accordo con il Ministero del Lavoro a cadenza trimestrale, il saldo occupazionale atteso nella regione è pari a + 100 unità (in lieve miglioramento rispetto alle +90 di un anno prima), sintesi tra 1.680 "entrate" di lavoratori, sia subordinati che autonomi, e 1.580 “uscite” (dovute a scadenza di contratti, pensionamento o altri motivi). La maggior parte delle assunzioni sarà effettuata da imprese che operano nell'industria (costruzioni comprese), che concentreranno il 51% delle 1.080 assunzioni programmate in Basilicata nel primo trimestre 2016. Diminuirà invece il peso dei servizi, che nel periodo in esame raggiungerà il 49% del totale. Nell'industria prevale il comparto delle costruzioni, con 330 assunzioni, pari al 30% del totale regionale, seguito dall'industria in senso stretto (230 unità, pari al 21%). Nel terziario, i comparti che concentreranno le maggiori quote di assunzioni sono i servizi alle imprese (190 assunzioni, pari al 18% del totale), le attività commerciali (140 unità e 13%) e i servizi alle persone (120 unità, 11%). Le cinque professioni più richieste concentreranno il 55% delle assunzioni totali previste in Basilicata: al primo posto figurano gli operai metalmeccanici ed elettromeccanici, con 190 assunzioni previste, che saranno effettuate in larga maggioranza con contratti a termine. Per queste professioni le imprese della regione segnalano problemi di reperimento limitati, al contrario di ciò che avviene per gli operai specializzati nell'edilizia e nella manutenzione degli edifici; per questo gruppo professionale la richiesta di una esperienza lavorativa specifica interesserà l'83% dei candidati.

«Al di là del saldo numerico, che lascia più o meno intatta la situazione di empasse sul mercato del lavoro, il fattore “esperienza” pare continuare ad essere decisivo – sottolinea il presidente di Unioncamere Basilicata, Angelo Tortorelli -. Le imprese lucane dichiarano infatti di essere largamente orientate verso candidati in possesso di esperienza specifica anche quando assumono conduttori di mezzi di trasporto e addetti all'accoglienza, all'informazione e all'assistenza della clientela». Solo su personale di segreteria e servizi generali si rileva una maggiore disponibilità delle imprese ad inserire persone senza un'esperienza lavorativa specifica.

 

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Tutela marchi comunitari e nazionali: al via Marchi+2 ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A193C21S20/Tutela-marchi-comunitari-e-nazionali--al-via-Marchi-2.htm Fri, 19 Feb 2016 12:02:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A193C21S20/Tutela-marchi-comunitari-e-nazionali--al-via-Marchi-2.htm Il Ministero dello Sviluppo Economico, Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione-UIBM e l'Unioncamere intendono supportare le imprese di micro, piccola e media dimensione nella tutela dei marchi comunitari e internazionali.

Il Ministero dello Sviluppo Economico, Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione-UIBM e l'Unioncamere intendono supportare le imprese di micro, piccola e media dimensione nella tutela dei marchi comunitari e internazionali.

Il programma Marchi+2 - in favore del quale è destinato un finanziamento complessivo di € 2.800.000,00 - prevede due linee di intervento:

  • Misura A): Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi comunitari presso UAMI (Ufficio per l'Armonizzazione nel Mercato Interno) attraverso l’acquisto di servizi specialistici
  • Misura B): Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi internazionali presso OMPI (Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale) attraverso l’acquisto di servizi specialistici

Le domande di agevolazione possono essere presentate a partire dalle ore 9:00 del 1° febbraio 2016  (60° giorno successivo alla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del comunicato relativo al bando) e sino all’esaurimento delle risorse disponibili.

Per ulteriori notizie, https://www.marchipiu2.it/

]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Bridgeconomies: evento di brokeraggio tecnologico in occasione dell'Ecobuild 2016 ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A192C21S20/Bridgeconomies--evento-di-brokeraggio-tecnologico-in-occasione-dell-Ecobuild-2016.htm Wed, 17 Feb 2016 14:02:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A192C21S20/Bridgeconomies--evento-di-brokeraggio-tecnologico-in-occasione-dell-Ecobuild-2016.htm Nell'ambito del programma di divulgazione del Consorzio Bridg€conomies, si segnala che la Rete europea Enterprise Europe Network organizza un ]]> Nell'ambito del programma di divulgazione del Consorzio Bridg€conomies, si segnala che la Rete europea Enterprise Europe Network organizza un evento di brokeraggio tecnologico destinato ad aziende, Università o Centri di ricerca interessati a collaborazioni in occasione della Fiera Ecobuild 2016 la più grande fiera al mondo per l'edilizia sostenibile, un evento importante per l'economia circolare .

 

L'evento fornisce il forum ideale per potenziali partner - sia i visitatori ed espositori - di pre-organizzare  incontri e sfruttare le opportunità  di costruzione europee, l'efficienza energetica, il riciclaggio.

 

Questa è un'ottima opportunità per i progettisti, fornitori, appaltatori, distributori di scoprire nuovi e innovativi prodotti e servizi dal mercato internazionale e la possibilità per i produttori di prodotti, service provider, subappaltatori incontrare i professionisti di costruzioni, come ad esempio: architetti, imprenditori, distributori, agenti, rivenditori di materiali edili, i centri di ricerca, università.

 

 

Obiettivo del brokeraggio è quello di fornire alle aziende/Università e Centri di Ricerca un'opportunità di esplorare possibilità di cooperazione nel mondo delle tecnologie legate al settore dell'edilizia sostenibile e della Circular Economy attraverso l'incontro di altre aziende del settore provenienti da tutta Europa.

Focus Tematici  Ecobuild 2016:

-       - design ecosostenibile

-       - eco-tecnologie innovative

-       - materiali e tecnologie innovativi

-       - sistemi e attrezzature che utilizzano fonti alternative- economia circolare

 

Per iscriversi all'evento di brokeraggio  "Ecobuild" è necessario registrarsi on line attraverso il sito: http://www.b2match.eu/ecobuild2016

 

 

 

Scadenza Iscrizioni: 03/03/2016

 

Per maggiori informazioni contattare il partner Unioncamere Basilicata 

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Avviso di selezione per figura specialistica per Piano di attività Ufficio studi ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A191C21S20/Avviso-di-selezione-per-figura-specialistica-per-Piano-di-attivita-Ufficio-studi.htm Thu, 11 Feb 2016 11:02:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A191C21S20/Avviso-di-selezione-per-figura-specialistica-per-Piano-di-attivita-Ufficio-studi.htm unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata ) <![CDATA[ Strategie e mercati nell'era digitale. Videoseminario il 16 febbraio ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A190C21S20/Strategie-e-mercati-nell-era-digitale--Videoseminario-il-16-febbraio.htm Wed, 10 Feb 2016 11:02:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A190C21S20/Strategie-e-mercati-nell-era-digitale--Videoseminario-il-16-febbraio.htm Nell’ambito delle attività di divulgazione del Consorzio Bridg€conomies EEN, si segnala l’interessante iniziativa in web conference organizzata da UniCredit dal titolo: Digitale ed export: parliamone con Google, il più diffuso motore di ricerca sul web.

La Camera di Commercio di Matera, stakeholder di Unioncamere Basilicata nel progetto EEN, martedì 16 febbraio dalle 16.30 alle 18,00& ]]> Nell’ambito delle attività di divulgazione del Consorzio Bridg€conomies EEN, si segnala l’interessante iniziativa in web conference organizzata da UniCredit dal titolo: Digitale ed export: parliamone con Google, il più diffuso motore di ricerca sul web.

La Camera di Commercio di Matera, stakeholder di Unioncamere Basilicata nel progetto EEN, martedì 16 febbraio dalle 16.30 alle 18,00  sarà tra gli enti collegati per il video seminar gratuito e dedicato alle imprese. Il seminario vuole offrire l’occasione di comprendere meglio il ruolo del digitale per l’export e le strategie pratiche da intraprendere per raggiungere i nuovi mercati. Relatore sarà Andrea Menè, Sales Manager di Google Italia. Per partecipare al video seminar è obbligatoria l'iscrizione on line. I posti sono limitati ed è importante registrarsi subito per non perdere questa importante occasione. Per iscrizioni e ulteriori informazioni contattare il sito http://www.mt.camcom.it/P42A3404C499S127/Seminario-Unicredit.htm

]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Cciaa di Prahova: incontro sui fondi Horizon ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A189C21S20/Cciaa-di-Prahova--incontro-sui-fondi-Horizon.htm Sun, 31 Jan 2016 08:01:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A189C21S20/Cciaa-di-Prahova--incontro-sui-fondi-Horizon.htm Nell'ambito delle attività di divulgazione di Unioncamere Basilicata, membro del Consorzio Bridg€conomies Enterprise Europe Network, si segnala la seguente iniziativa organizzata dalla Camera di Commercio ed Industrie Prahova- partner EEN.

La Camera di Commercio ed Industrie Prahova, con EEN-Enterprise Europe Network e PALAZZO ITALIA Incubatore di’Impre ]]> Nell'ambito delle attività di divulgazione di Unioncamere Basilicata, membro del Consorzio Bridg€conomies Enterprise Europe Network, si segnala la seguente iniziativa organizzata dalla Camera di Commercio ed Industrie Prahova- partner EEN.

La Camera di Commercio ed Industrie Prahova, con EEN-Enterprise Europe Network e PALAZZO ITALIA Incubatore di’Imprese, vi invita a partecipare alla conferenza ‘’CRESCITA DELLA COMPETITIVITA’ ECONOMICA MEDIANTE L’ACCESSO AI FONDI EUROPEI - HORIZON 2014-2020 ‘’, che avra’ luogo Mercoledi’ 10 Febbraio 2016, ore 10,00 presso il Forum Center di Palazzo Italia Bucarest, Soseau Fundeni 39 .

Lo scopo della conferenza e’ di offrire una corretta e completa informazione alle compagnie che intendono accedere ai Fondi Europei, mediante programmi operazionali che si svilupperanno nel periedo 2014-2020.

Rappresentanti dei Ministeri delle risorse, delle Banche che sostengono gli investimenti, consulenti specializzati nell’accedere ai Fondi Strutturali di coesione, organizzazioni ed imprenditori che hanno realizzato investimenti con il sostegno dei Fondi Europei, discuteranno delle opportunita’,priorita’ e possibilita’ di finanziamenti.

Tra i temi da discutere:

- Presentazione programma operazionale 2014-2020

- Crescita della competitivita’ nell’ambiente rurale ed agricolo

- Sviluppo economico urbano mediante investimenti

- Risorse umane ed esigenze del mondo del lavoro

- Novita’ 2016 riguardanti le modalita’ di accesso ai fondi Europei.Calendario per le richieste di finanziamento dei progetti.

- Esperienza Italiana nei progetti con finanziamenti Europei

- Presentazione delle offerte Bancarie per il sostegno finanziario

- Finanziamenti Statali ,regole e decreti del Governo

- EEN,proposte.

 

Nel corso dell’evento sono previste sessioni di ‘’domande e risposte’’ ed al termine una sessione di networking durante la quale i partecipanti potranno presentare la propria attivita’ ed identificare partner in affari. Potranno inoltre consultarsi con esperti nell’accedere ai Fondi Europei ed infine potranno conoscere i servizi che le Banche potranno offrire per soddisfare le proprie esigenze.

Sara’ opportuno informare della propria partecipazione entro il 3 Febbraio comunicando i dati delle ditte e persone partecipanti, mediante e-mail: eventi@palazzoitalia.ro, segreteria@palazzoitalia.ro, luana.teodorescu@cciph.ro oppure mediante fax 0040212404620 – Palazzo Italia e 0040244512552 – CCIPH.

]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Contatti ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A18C9S10/Contatti.htm Thu, 04 Apr 2013 17:04:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A18C9S10/Contatti.htm Per maggiori informazioni sui servizi offerti dal Consorzio Bridg€conomies negli uffici di Unioncamere Basilicata:

Sede di MATERA:
c/o Camera di Commercio di Matera
Via Lucana 82

tel +39 0835 338443-23084

fax 0971 27480
email: unioncamerebas@tiscali.it

Sede di Matera:
c/o Camera di Commercio di Matera
]]> Per maggiori informazioni sui servizi offerti dal Consorzio Bridg€conomies negli uffici di Unioncamere Basilicata:

Sede di MATERA:
c/o Camera di Commercio di Matera
Via Lucana 82

tel +39 0835 338443-23084

fax 0971 27480
email: unioncamerebas@tiscali.it

Sede di Matera:
c/o Camera di Commercio di Matera
Via Lucana, 82
75100 Matera
tel. 0835 338443 - 240384
fax 0835 330320
email: chiara.cappiello@mt.camcom.it

 

]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Newsletter ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A27C9S10/Newsletter-.htm Fri, 05 Apr 2013 10:04:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A27C9S10/Newsletter-.htm  

Sarà possibile scaricare i numeri della Newsletter edite in collaborazione con il Consorzio Bridg€conomies.

Se vuoi ricevere la newsletter, compila la scheda cliccando qui

]]>
 

Sarà possibile scaricare i numeri della Newsletter edite in collaborazione con il Consorzio Bridg€conomies.

Se vuoi ricevere la newsletter, compila la scheda cliccando qui

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Enterprise Europe Network ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A15C9S10/Enterprise-Europe-Network.htm Thu, 04 Apr 2013 16:04:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A15C9S10/Enterprise-Europe-Network.htm  

Enterprise Enterprise Enterprise Europe Network è stata creata per accrescere il potenziale innovativo e competitivo delle piccole e medie imprese (PMI) nei mercati europei ed internazionali.uploaded/Generale/Immagini/Banner home/banner-een.jpg

E' presente in 54 paesi (27 UE; 26 extra-UE)  ed è formata da 600 organizzazioni in cui operano circa 5000 professionisti esperti di servizi alle imprese; organizzazioni diverse che quotidianamente lavorano per le imprese (Camere di Commercio, associazioni imprenditoriali, agenzie regionali di sviluppo e centri tecnologici universitari) e che, in quanto membri Enterprise Europe Network, collaborano tra loro per l’obiettivo di fornire alle imprese servizi integrati e complementari.

 

 

 

In Italia sono 6 i Consorzi della rete EEN : uno è il Consorzio BRIDG€conomies.

Per trovare il punto di contatto più vicino a te:http://een.ec.europa.eu/about/branches

 

 

 

]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ ANGELO TORTORELLI ELETTO PRESIDENTE DI UNIONCAMERE BASILICATA ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A188C21S20/ANGELO-TORTORELLI-ELETTO-PRESIDENTE-DI-UNIONCAMERE-BASILICATA.htm Tue, 22 Dec 2015 10:12:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A188C21S20/ANGELO-TORTORELLI-ELETTO-PRESIDENTE-DI-UNIONCAMERE-BASILICATA.htm Angelo Tortorelli è il nuovo presidente di Unioncamere di Basilicata. E’ stato eletto all’unanimità dal consiglio dell’Unione, che ha designato alla vicepresidenza Michele Somma.  La elezione di Tortorelli, che resterà in carica per il prossimo triennio, rientra nell ]]> Angelo Tortorelli è il nuovo presidente di Unioncamere di Basilicata. E’ stato eletto all’unanimità dal consiglio dell’Unione, che ha designato alla vicepresidenza Michele Somma.  La elezione di Tortorelli, che resterà in carica per il prossimo triennio, rientra nella alternanza tra le Camere di commercio di Matera e Potenza nella guida dell’organismo regionale di coordinamento degli enti camerali.  Il neo presidente guiderà l’Unione in una fase impegnativa e stimolante che porterà alla riorganizzazione del sistema camerale e alla nascita della Camera di commercio di Basilicata, con nuove funzioni e obiettivi a sostegno dell’economia locale. “ Sarà un impegno difficile –ha detto il presidente Angelo Tortorelli- per concretizzare un percorso che porterà la Basilicata ad avere una sola Camera di commercio, in relazione alla riforma al disegno di riforma e di efficienza avviato a livello nazionale. E per raggiungere quell’obiettivo occorrerà l’impegno responsabile e propositivo di tutti, delle associazioni di categoria, delle componenti sociali, per dare al territorio quelle risposte sul piano della organizzazione  e dei servizi in grado di rilanciare l’apparato produttivo e  creare occupazione’’.

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ DIRETTA WEB DA "L'ARTIGIANO IN FIERA" A MILANO ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A186C21S20/DIRETTA-WEB-DA--L-ARTIGIANO-IN-FIERA--A-MILANO.htm Fri, 11 Dec 2015 09:12:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A186C21S20/DIRETTA-WEB-DA--L-ARTIGIANO-IN-FIERA--A-MILANO.htm La Regione Basilicata, l'Unioncamere Basilicata e le Camere di Commercio di Matera e Potenza partecipano all'annuale edizione dell'Artigiano in Fiera presso la Fiera di Milano, con una presenza di oltre 10 aziende. Oggi è prevista una sessione in live streaming a partire dalle 12.00. Per ]]> La Regione Basilicata, l'Unioncamere Basilicata e le Camere di Commercio di Matera e Potenza partecipano all'annuale edizione dell'Artigiano in Fiera presso la Fiera di Milano, con una presenza di oltre 10 aziende. Oggi è prevista una sessione in live streaming a partire dalle 12.00. Per seguirla, clicca qui

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Basilicata: un'economia sempre più "in rosa" ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A185C21S20/Basilicata--un-economia-sempre-piu--in-rosa-.htm Wed, 18 Nov 2015 09:11:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A185C21S20/Basilicata--un-economia-sempre-piu--in-rosa-.htm La Basilicata, insieme a Molise e Abruzzo, è la regione in cui l’incidenza delle attività guidate da donne sul totale delle imprese è maggiore. Gli ultimi dati dell’Osservatorio per l’imprenditoria femminile di Unioncamere e InfoCamere sulla base dei dati al 30 settembre scorso, quindi, conferma una tendenza già in atto da tempo: 15.744 sono le imprese “in rosa” lucane, su un totale ]]> La Basilicata, insieme a Molise e Abruzzo, è la regione in cui l’incidenza delle attività guidate da donne sul totale delle imprese è maggiore. Gli ultimi dati dell’Osservatorio per l’imprenditoria femminile di Unioncamere e InfoCamere sulla base dei dati al 30 settembre scorso, quindi, conferma una tendenza già in atto da tempo: 15.744 sono le imprese “in rosa” lucane, su un totale di 59.085, con un tasso del 26,65%, seconda solo al Molise. Performance che cresce ulteriormente se si analizza il grado di penetrazione delle imprese al femminile tra quelle giovanili (guidate da under 35). Ce ne sono 1.902 in Basilicata, con un tasso di “femminilizzazione” delle imprese giovanili lucane che supera il 30% (30,03%). In questa speciale classifica, la Basilicata è terza dietro  a Umbria (32%) e Abruzzo (30,41%).

«E’ il segno evidente di una condizione di protagonismo di cui le donne lucane si stanno appropriando, scoprendo nel fare impresa la leva per scommettere sul proprio futuro -  sottolinea il presidente di Unioncamere Basilicata, Michele Somma -. L’obiettivo adesso è intercettare questi fermenti e sostenerli, incentivando una maggiore aggregazione e strutturazione, per irrobustire la base produttiva limitando i fenomeni di mortalità».  

Le preoccupazioni del presidente di Unioncamere Basilicata sono rivolti ad uno dei risvolti dei dati al 30 settembre, quello relativo alla natura giuridica delle aziende in rosa, la cui stragrande maggioranza è composta da imprese individuali (il 79,33%), con le società di capitale attestate appena intorno al 10%. Rispetto ai settori, il 39,94% delle 15.744 imprese al femminili si concentra nel settore dell’agricoltura e il 24,63% nel commercio.

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Artigiano in Fiera 2015: opportunità per 10 aziende lucane. Domande entro il prossimo 23 novembre ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A184C21S20/Artigiano-in-Fiera-2015--opportunita-per-10-aziende-lucane--Domande-entro-il-prossimo-23-novembre.htm Mon, 16 Nov 2015 15:11:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A184C21S20/Artigiano-in-Fiera-2015--opportunita-per-10-aziende-lucane--Domande-entro-il-prossimo-23-novembre.htm La Regione Basilicata e Unioncamere Basilicata, con il supporto
La Regione Basilicata e Unioncamere Basilicata, con il supporto
dell’azienda speciale Forim, propongono alle aziende regionali del
settore artigianale la partecipazione in forma collettiva alla 20^ edizione
de “L’Artigiano in Fiera” che si terrà nel Polo fieristico di Milano – Rho da
5 al 13 dicembre p.v.
Lo spazio fieristico riservato alla Basilicata ha una superficie complessiva di mq. 200 e può ospitare n° 10 aziende.
 
La domanda (in allegato) va inviata non oltre le 12.00 del 23/11, via fax allo 0971/410313 o via mail a forim@pz.camcom.it)
]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Nuova gara per affidamento servizio di cassa ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A183C21S20/Nuova-gara-per-affidamento-servizio-di-cassa.htm Mon, 19 Oct 2015 14:10:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A183C21S20/Nuova-gara-per-affidamento-servizio-di-cassa.htm Potenza, 19 ottobre 2015 - Avviso nuova gara a procedura ristretta per l’affidamento del servizio di cassa di Unioncamere Basilicata per il periodo 1.1.2016 – 31.12.2018

]]>
Potenza, 19 ottobre 2015 - Avviso nuova gara a procedura ristretta per l’affidamento del servizio di cassa di Unioncamere Basilicata per il periodo 1.1.2016 – 31.12.2018

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Enterprise Europe Network al tuo servizio! La più grande rete mondiale a sostegno delle PMI ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A182C21S20/Enterprise--Europe-Network--al-tuo-servizio--La-piu-grande-rete-mondiale-a-sostegno-delle-PMI.htm Fri, 09 Oct 2015 11:10:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A182C21S20/Enterprise--Europe-Network--al-tuo-servizio--La-piu-grande-rete-mondiale-a-sostegno-delle-PMI.htm unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata ) <![CDATA[ Scende ancora la quota dei protesti in Basilicata ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A181C21S20/Scende-ancora-la-quota-dei-protesti-in-Basilicata.htm Sat, 26 Sep 2015 11:09:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A181C21S20/Scende-ancora-la-quota-dei-protesti-in-Basilicata.htm Scendono ancora i protesti e le cambiali in Basilicata. Lo rivela l’ultima fotografia attraverso i dati raccolti dalle Camere di Commercio ed elaborati da InfoCamere per conto di Unioncamere. Tra il primo semestre 2014 e il primo semestre 2015, i titol ]]> Scendono ancora i protesti e le cambiali in Basilicata. Lo rivela l’ultima fotografia attraverso i dati raccolti dalle Camere di Commercio ed elaborati da InfoCamere per conto di Unioncamere. Tra il primo semestre 2014 e il primo semestre 2015, i titoli “cabriolet” in Basilicata si sono infatti ridotti del 18,44% in termini di numero e del 24,92% in termini di valore, accentuando una discesa che ha caratterizzato anche l’andamento delle cambiali, in diminuzione, nello stesso periodo, del 15,29% in termini di numero e del 31,27% in termini di valore.

In numeri assoluti, il primo semestre 2015 evidenzia in Basilicata 4.201 protesti totali, di cui 3.816 cambiali, per un valore complessivo di 6.501.071 euro, di cui 4.215.726 euro di cambiali. Dal dato provinciale si evidenzia inoltre che Matera si colloca al 55° posto tra le province italiane di questa speciale classifica, con 1.533 protesti complessivi (l’importo medio è di 1.634 euro), di cui 1.422 cambiali (importo medio 1.053 euro). Va leggermente meglio a Potenza, sessantaseiesima, con 2.668 protesti (di importo medio pari a 1.498 euro), di cui 2.394 cambiali (importo medio 1.135).

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ On line il nuovo Regolamento di Mediazione ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A179C21S20/On-line-il-nuovo-Regolamento-di-Mediazione.htm Thu, 10 Sep 2015 13:09:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A179C21S20/On-line-il-nuovo-Regolamento-di-Mediazione.htm unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata ) <![CDATA[ Giovani imprenditori lucani puntano commercio e agricoltura. Ma restano troppo "micro" ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A177C21S20/Giovani-imprenditori-lucani-puntano-commercio-e-agricoltura--Ma-restano-troppo--micro-.htm Mon, 31 Aug 2015 12:08:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A177C21S20/Giovani-imprenditori-lucani-puntano-commercio-e-agricoltura--Ma-restano-troppo--micro-.htm I nuovi giovani imprenditori lucani crescono nei numeri, come ha rivelato due settimane fa l’ultima “fotografia” trimestrale scattata da Movimprese, la rilevazione trimestrale condotta da InfoCamere sulla base del Registro delle Imprese delle Camere di Commercio. Ma su quale comparto viene riversata maggiore attenzione? Il Centro Studi Unioncamere Basilicata, scavando tra i dati ]]> I nuovi giovani imprenditori lucani crescono nei numeri, come ha rivelato due settimane fa l’ultima “fotografia” trimestrale scattata da Movimprese, la rilevazione trimestrale condotta da InfoCamere sulla base del Registro delle Imprese delle Camere di Commercio. Ma su quale comparto viene riversata maggiore attenzione? Il Centro Studi Unioncamere Basilicata, scavando tra i dati a livello regionale, evidenzia che il 22,1% delle nuove iscrizioni di imprese giovanili (guidate da under 35) si concentra nel settore commercio e il 10,5% sull’agricoltura. Più staccati l’edilizia (6,7%) e i servizi ricettivi, afferenti ad alloggi e ristorazione (6%).

Dati interessanti riguardano il segmento delle imprese femminili: sulle 285 nuove iscrizioni nel secondo trimestre dell’anno, 98 sono quelle “in rosa”, con una percentuale del 34%. 7,4% infine quelle guidate da stranieri.

Alla crescita quantitativa fa da contraltare un dato che non può passare inosservato: il 71% delle nuove aziende giovanili è una impresa individuale, ovvero la forma giuridica più fragile e a rischio mortalità sul mercato. Appena il 5% è invece costituito in società di capitali, la forma più strutturata e potenzialmente in grado di reggere le sfide più complesse.

«Credo che questi dati mettano in evidenza due delicati aspetti di questa nuova fase che si sta vivendo sul mercato del lavoro – spiega il presidente di Unioncamere Basilicata, Michele Somma -. Da un lato la voglia di auto impresa, che può manifestarsi come una reazione alla mancanza dei classici “posti” di lavoro o come una nuova tendenza, e dall’altro la persistenza del fattore “micro”, quello che più difficilmente innova ed esporta. La nuova stratigrafia imprenditoriale impone alle Istituzioni serie riflessioni in termini di politiche del lavoro, ma anche di spinta verso reti, aggregazioni e strutture in grado di agganciare meglio e in maniera decisa la ripresa».   

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Nuove imprese: una su tre in Basilicata è guidata da under 35 ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A176C21S20/Nuove-imprese--una-su-tre-in-Basilicata-e-guidata-da-under-35.htm Tue, 18 Aug 2015 15:08:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A176C21S20/Nuove-imprese--una-su-tre-in-Basilicata-e-guidata-da-under-35.htm I segnali, che si erano manifestati già nei trimestri precedenti, ora iniziano a diventare “tendenze”: anche in Basilicata le imprese giovanili (aperte da giovani con meno di 35 anni) continuano a crescere, a dimostrazione che la voglia di fare impresa – per esigenza dettata dalla crisi o per vocazione - sta entrando nel dna delle nuove generazioni.

Unioncamere, sulla base di Movimprese, la rilevazione tr ]]> I segnali, che si erano manifestati già nei trimestri precedenti, ora iniziano a diventare “tendenze”: anche in Basilicata le imprese giovanili (aperte da giovani con meno di 35 anni) continuano a crescere, a dimostrazione che la voglia di fare impresa – per esigenza dettata dalla crisi o per vocazione - sta entrando nel dna delle nuove generazioni.

Unioncamere, sulla base di Movimprese, la rilevazione trimestrale condotta da InfoCamere sulla base del Registro delle Imprese delle Camere di Commercio, ha scattato una nuova fotografia trimestrale. Il report rileva che in Basilicata, tra aprile e giugno 2015, il saldo positivo sulla natimortalità di aziende giovanili è di 198 unità (285 le nuove iscrizioni, 87 le cessazioni), con un tasso di crescita trimestrale del 3,3%. La crescita delle imprese under 35 sul totale delle Pmi è dello 0,61%, praticamente in linea con la media nazionale, attestata allo 0,63%. Ma le buone notizie non si fermano qui: delle 855 aziende complessivamente iscritte nel secondo trimestre in Basilicata, il 33,3% è “under 35” (vale a dire una su tre), quinto valore assoluto italiano dopo Calabria, Campania, Sicilia e Puglia. Matera (10,6%) e Potenza (10,5%) sono ormai stabilmente nelle parte medio-alta della classifica, con tassi superiori alla media nazionale, che è del 9,8%.

«Che sia proprio il Sud a esprimere le migliori performance è la dimostrazione che chi decide di restare inizia a scommettere su se stesso – sottolinea il presidente di Unioncamere Basilicata, Michele Somma -. Questo è un dato molto confortante, ma che al tempo stesso ci spinge ad assumere maggiori responsabilità come Istituzioni, per sostenere questa vitalità imprenditoriale e accompagnarla verso la crescita, anche in termini di supporto formativo e informativo».      

]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Dimezzati i fallimenti delle Pmi lucane, che tornano a crescere ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A175C21S20/Dimezzati-i-fallimenti-delle-Pmi-lucane--che-tornano-a-crescere.htm Mon, 27 Jul 2015 08:07:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A175C21S20/Dimezzati-i-fallimenti-delle-Pmi-lucane--che-tornano-a-crescere.htm A volte, per interpretare i segnali positivi nell'economia locale occorre andare a scavare tra gli indici di negatività. E così, nella classifica regionale delle imprese entrate in procedura fallimentare e in concordato nel II trimestre 2015, appena pubblicata da Movimprese (la rilevazione trimestrale realizzata da InfoCamere sulla b ]]> A volte, per interpretare i segnali positivi nell'economia locale occorre andare a scavare tra gli indici di negatività. E così, nella classifica regionale delle imprese entrate in procedura fallimentare e in concordato nel II trimestre 2015, appena pubblicata da Movimprese (la rilevazione trimestrale realizzata da InfoCamere sulla base dei dati del Registro delle imprese e diffusi da Unioncamere) si scopre che la Basilicata fa segnare la contrazione più alta in Italia: -51,7% per i fallimenti e -50% per i concordati.

Anche rispetto al saldo demografico sulla natimortalità aziendale, il dato è positivo ed evidenzia una lenta risalita. Lo stock rimane sotto quota 60.000 (le imprese lucane al 30 giugno sono 59.072) ma il +0,61% (derivante dalla differenza tra le 855 iscrizioni e le 499 cancellazioni dal Registro Imprese delle Camere di Commercio di Potenza e Matera) è una percentuale di tutto rispetto, che si avvicina di molto al +0,63% registrato in Italia. E +0,63% è anche la performance della provincia di Potenza, in perfetta linea con il trend nazionale, mentre Matera fa segnare un +0,56%. Resta invece sempre in territorio negativo il dato relativo alle aziende artigiane: -0,41%, nel II trimestre 2015 (frutto delle 75 iscrizioni e delle 119 cancellazioni), colloca la Basilicata al terz'ultimo posto dopo Sardegna e Trentino Alto Adige.

«A parte la nota dolente dell'artigianato, gli indicatori lasciano intravedere una piccola inversione di tendenza rispetto agli ultimi anni e ci lasciano il gusto di un cauto ottimismo – commenta il presidente di Unioncamere Basilicata, Michele Somma -. E' presto per dire che siamo in ripresa, ma certamente c'è una nuova iniezione di fiducia ed è il momento di cogliere l'onda attraverso processi che guardino ai fattori aggregazione, innovazione e internazionalizzazione come leve strategiche per agganciare i mercati più vasti».

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ CRESCONO LE IMPRESE GUIDATE DA UNDER35 IN BASILICATA ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A174C21S20/CRESCONO-LE-IMPRESE-GUIDATE-DA-UNDER35-IN-BASILICATA.htm Thu, 04 Jun 2015 10:06:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A174C21S20/CRESCONO-LE-IMPRESE-GUIDATE-DA-UNDER35-IN-BASILICATA.htm “Mettersi in proprio”: sembra questa la formula scelta dagli under35 in Italia per assecondare i segnali di ripresa, e anche in Basilicata crescono i giovani imprenditori. Lo certifica l’ultima “fotografia” sull’imprenditoria giovanile scattata da Unioncam ]]> “Mettersi in proprio”: sembra questa la formula scelta dagli under35 in Italia per assecondare i segnali di ripresa, e anche in Basilicata crescono i giovani imprenditori. Lo certifica l’ultima “fotografia” sull’imprenditoria giovanile scattata da Unioncamere sulla base di Movimprese, la rilevazione trimestrale condotta da InfoCamere sulla base del Registro delle Imprese delle Camere di Commercio.  Il report rileva che in Basilicata, tra gennaio e marzo 2015, a fronte di 167 cessazioni di imprese guidate da under35 dal Registro Imprese delle Camere di Commercio lucane, si sono registrate 281 iscrizioni, con un saldo positivo di 114 unità. Le percentuali rendono meglio l’idea rispetto all’incremento: sul totale delle imprese iscritte in Basilicata nel primo trimestre, il 30,8% vedono alla guida un under 35; un dato inferiore alla media del Mezzogiorno (36%) ma comunque molto positivo. Scorporato su base provinciale e con uno sguardo al totale dello stock delle imprese presenti sul territorio, il dato evidenzia una sostanziale omogeneità: a Matera le aziende giovanili sono il 10,3% del totale, a Potenza il 10,2%.   

«Bisognerebbe scendere più in profondità e analizzare il dato in ogni suo aspetto – puntualizza il presidente di Unioncamere Basilicata, Michele Somma –, a partire dal settore scelto e alla forma societaria individuata dai giovani imprenditori. Molto spesso si punta infatti sull’impresa individuale, che è la forma più semplice ma anche quella più fragile, che espone le nuove imprese ad un alto rischio di mortalità. E’ comunque indubbio che l’autoimprenditorialità sia una risposta reale e pressoché obbligata ai rapidi cambiamenti del mercato del lavoro. L’utilizzo spinto delle nuove tecnologie del digitale, la crescita dell’e-commerce e il sostegno alle startup possono rappresentare solide basi per provare ad intraprendere, agendo su base locale ma pensando sempre più in maniera globale».  

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Mediazione civile e commerciale: iIl Consiglio di Stato ripristina l'obbligo di versare le spese di avvio della mediazione ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A173C21S20/Mediazione-civile-e-commerciale--iIl-Consiglio-di-Stato-ripristina-l-obbligo-di-versare-le-spese-di-avvio-della-mediazione.htm Mon, 27 Apr 2015 11:04:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A173C21S20/Mediazione-civile-e-commerciale--iIl-Consiglio-di-Stato-ripristina-l-obbligo-di-versare-le-spese-di-avvio-della-mediazione.htm Avviso 23 aprile 2015 - il Consiglio di Stato con ordinanza del 22 aprile 2015 n. 1694, nel sospendere parzialmente l'esecutività della sentenza del TAR Lazio n. 1351/2015, ha affermato che sono dovute, pe ]]> Avviso 23 aprile 2015 - il Consiglio di Stato con ordinanza del 22 aprile 2015 n. 1694, nel sospendere parzialmente l'esecutività della sentenza del TAR Lazio n. 1351/2015, ha affermato che sono dovute, per il primo incontro di mediazione, le spese di avvio e le spese vive documentate.

 

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ BILANCIO UNIONE, RISULTANZE DELL'INCONTRO DI APPROFONDIMENTO CON CISL E UIL ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A172C21S20/BILANCIO-UNIONE--RISULTANZE-DELL-INCONTRO-DI-APPROFONDIMENTO-CON-CISL-E-UIL.htm Fri, 20 Mar 2015 12:03:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A172C21S20/BILANCIO-UNIONE--RISULTANZE-DELL-INCONTRO-DI-APPROFONDIMENTO-CON-CISL-E-UIL.htm A seguito dell'incontro che le delegazioni sindacali di Cisl e Uil guidate dai rispettivi segretari generali regionali, Nino Falotico e Carmine Vaccaro, hanno tenuto con il presidente di Unioncamere Basilicata, Pasquale Lamorte, si è convenuto che, prima della scadenza dell’esercizio provvisorio, sarà convocato il Consiglio per poter approvare il Bilancio preventivo 2015 che garantisca i dipendenti circa la percezion ]]> A seguito dell'incontro che le delegazioni sindacali di Cisl e Uil guidate dai rispettivi segretari generali regionali, Nino Falotico e Carmine Vaccaro, hanno tenuto con il presidente di Unioncamere Basilicata, Pasquale Lamorte, si è convenuto che, prima della scadenza dell’esercizio provvisorio, sarà convocato il Consiglio per poter approvare il Bilancio preventivo 2015 che garantisca i dipendenti circa la percezione degli stipendi, i servizi a favore delle imprese lucane, nonché l’attività economico-informativa nei confronti delle istituzioni locali.

Cisl e Uil, dal canto loro, hanno ribadito la necessità dell'accorpamento delle due Camere provinciali e, a tal fine, promuoveranno iniziative utili a rimuovere gli ostacoli che ne hanno finora impedito l’attuazione.

Si è altresì registrata la convergenza sull'opportunità di istituire un Tavolo permanente tra Unioncamere Basilicata e sindacati per seguire passo passo la riforma all’esame del Parlamento, con la possibilità di realizzare contestualmente un approfondimento normativo e contrattuale sul rapporto di lavoro del personale, in particolare quello di Unioncamere, anche in funzione degli sviluppi che matureranno a livello nazionale. 

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Mediazione: no a richieste di pagamento per avvio in sede di primo incontro ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A171C21S20/Mediazione--no-a-richieste-di-pagamento-per-avvio-in-sede-di-primo-incontro.htm Tue, 10 Mar 2015 11:03:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A171C21S20/Mediazione--no-a-richieste-di-pagamento-per-avvio-in-sede-di-primo-incontro.htm MEDIAZIONE - La **sentenza TAR Lazio n. 1351/2015 del 23 gennaio 2015*  immediatamente esecutiv ]]> MEDIAZIONE - La **sentenza TAR Lazio n. 1351/2015 del 23 gennaio 2015*  immediatamente esecutiva - ha annullato l’art. 16, comma 2 e 9 del decreto ministeriale n. 180 del 18 ottobre 2010, perciò non è più possibile richiedere il pagamento di alcuna somma di denaro a titolo di spese di avvio – né a titolo di indennità – in sede di primo incontro. Gli organismi di mediazione sono invitati ad adeguarsi immediatamente a tale decisione fino ad eventuali nuove comunicazioni.

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ In scadenza Avviso dedicato alle Reti di imprese grazie a disponibilità residua (domande entro il 27 febbraio 2015) ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A169C21S20/In-scadenza-Avviso-dedicato-alle-Reti-di-imprese-grazie-a-disponibilita-residua--domande-entro-il-27-febbraio-2015-.htm Tue, 27 Jan 2015 12:01:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A169C21S20/In-scadenza-Avviso-dedicato-alle-Reti-di-imprese-grazie-a-disponibilita-residua--domande-entro-il-27-febbraio-2015-.htm Unioncamere Basilicata, quale soggetto attuatore per la Regione Basilicata nell’ambito del progetto a favore del Decreto Ministero dello Sviluppo Economico e Produttivo 7 maggio 2010 per i Distretti produttivi regionali, ha ripubblicato un Avviso dedicato alle Reti di Impresa dei Distretti lucani attraverso cui si propone di sperimentare un’innovativa modalit ]]> Unioncamere Basilicata, quale soggetto attuatore per la Regione Basilicata nell’ambito del progetto a favore del Decreto Ministero dello Sviluppo Economico e Produttivo 7 maggio 2010 per i Distretti produttivi regionali, ha ripubblicato un Avviso dedicato alle Reti di Impresa dei Distretti lucani attraverso cui si propone di sperimentare un’innovativa modalità di sostegno alle imprese, tenendo conto degli scenari economici all’interno dei quali le aziende sono oggi chiamate a confrontarsi, con l’obiettivo di favorire l’abbandono di logiche individualistiche e attivare nuovi modelli imprenditoriali condivisi.

La ripubblicazione è dovuta al fatto che, dopo la prima tornata, risulta una consistente disponibilità residua (267.840,14 euro) che ha indotto la struttura di valutazione delle domande (composta da rappresentanti di CCIAA Potenza, CCIAA Matera e Regione) a ritenere del tutto opportuno ristanziare tale somma a favore di progetti di rete che stavolta, anzichè di durata massima di 10 mesi, dovranno prevedere una durata massima di 9 mesi.

L’Avviso, che rientra nell’ambito del “Decreto Distretti” (i cui attuatori sono Unioncamere e Sviluppo Basilicata), ha l’obiettivo di favorire la creazione di nuove aggregazioni di imprese, costituite in Contratto di Rete, nonché il consolidamento, lo sviluppo e la stabilizzazione delle reti esistenti, principalmente tra aziende localizzate entro i confini territoriali dei Distretti e dei Sistemi Produttivi locali, riconosciuti ai sensi della Legge Regionale 1 del 2001, anche con la finalità di sviluppare percorsi di internazionalizzazione.

I soggetti beneficiari sono rete di imprese costituende o costituite. L’agevolazione prevista consiste in un contributo a fondo perduto fino al 50% delle spese ammissibili. Tra queste, ad esempio, i servizi di consulenza per l’internazionalizzazione (anche con il supporto di temporary export manager), iniziative di cooperazione industriale, commerciale e di export (come analisi di settore, ricerche di mercato e altri studi di mercati esteri, progettazione e formulazione delle strategie di posizionamento e di marketing, ricerca di partner, fornitori, agenti o distributori esteri), realizzazione di sistemi integrati di gestione dei processi organizzativi e gestionali interni, realizzazione di sistemi telematici e informatici integrati che siano utili alla promozione del territorio e per l’accesso alle informazioni da parte dei consumatori, realizzazione di modelli integrati e condivisi di efficientamento energetico e per il rispetto ambientale, studio e realizzazione di progetti trasversali per la riqualificazione e la promozione.

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Il 2014 si è chiuso con un saldo natimortalità leggermente positivo ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A170C21S20/Il-2014-si-e-chiuso-con-un-saldo-natimortalita-leggermente-positivo.htm Mon, 09 Feb 2015 12:02:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A170C21S20/Il-2014-si-e-chiuso-con-un-saldo-natimortalita-leggermente-positivo.htm Più 0,01%: è questa la percentuale del saldo di natimortalità delle aziende lucane nel 2014 che emerge dalla rilevazione relativa al 2014 realizzata da Unioncamere-Infocamere attraverso il sistema Movimprese.

Il saldo ]]> Più 0,01%: è questa la percentuale del saldo di natimortalità delle aziende lucane nel 2014 che emerge dalla rilevazione relativa al 2014 realizzata da Unioncamere-Infocamere attraverso il sistema Movimprese.

Il saldo positivo è appena di 7 unità, frutto della differenza tra le 2.955 iscrizioni e le 2.948 cancellazioni dal Registro Imprese delle Camere di Commercio di Potenza e Matera, ma tanto basta a far intravedere un piccolo raggio di sole dopo diversi anni in cui il bilancio si era chiuso sempre in negativo (nel 2013 era stato dello -0,29%). In virtù della performance positiva, risalgono in classifica le due province, anche se con una sensibile differenza: Matera registra 1.141 iscrizioni e 1.124 cancellazioni (saldo a + 17, corrispondente a un +0,08% rispetto al 2013) mentre Potenza continua ad arrancare (1.814 le iscrizioni, 1.824 le cancellazioni, con un -10 equivalente ad un -0,03%).

«Il dato evidenzia ancora una volta che il Potentino stenta ad agganciare la ripresa che si sta manifestando un po' in tutto il Mezzogiorno – commenta il presidente di Unioncamere Basilicata, Pasquale Lamorte -. E' un'ulteriore conferma che sono necessari gli interventi preannunciati nei giorni scorsi dalla Camera di Commercio di Potenza, per tentare di ridare fiducia al sistema produttivo e di agevolare l'accesso al credito per le Pmi che dai prossimi trimestri potrebbero tornare a vedere la luce, dopo anni di grande emergenza ».

I dati Movimprese mettono in evidenza infine un'ottima performance per le cooperative lucane, che nel 2014 fanno registrare uno stock di 2.364 unità, con un saldo positivo di +57 (corrispondente ad una percentuale di +2,46% rispetto all'ano precedente).

]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Excelsior: occupazione in territorio positivo nel I trimestre 2015 in Basilicata ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A168C21S20/Excelsior--occupazione-in-territorio-positivo-nel-I-trimestre-2015-in-Basilicata.htm Thu, 15 Jan 2015 12:01:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A168C21S20/Excelsior--occupazione-in-territorio-positivo-nel-I-trimestre-2015-in-Basilicata.htm Previsioni occupazionali in territorio positivo, per la Basilicata, nel primo trimestre 2015, in base a “Excelsior Informa”, indagine realizzata da Unioncamere in accordo con il Ministero del Lavoro a cadenza trimestrale. Al netto del recente annuncio di Fca, che creerà 1.500 nuovi posti di lavoro nella fabbrica di San Nicola di Melfi, il "saldo" occupazionale atteso in regione è infatti di +90 unit&agrav ]]> Previsioni occupazionali in territorio positivo, per la Basilicata, nel primo trimestre 2015, in base a “Excelsior Informa”, indagine realizzata da Unioncamere in accordo con il Ministero del Lavoro a cadenza trimestrale. Al netto del recente annuncio di Fca, che creerà 1.500 nuovi posti di lavoro nella fabbrica di San Nicola di Melfi, il "saldo" occupazionale atteso in regione è infatti di +90 unità, in miglioramento rispetto al dato di -310 registrato un anno fa. Si prevedono 2.070 "entrate" di lavoratori, sia subordinati che autonomi, e 1.980 "uscite", per scadenza dei contratti, pensionamento o altri motivi. L’aumento maggiore è previsto nel materano (+180 unità), mentre nel Potentino il saldo negativo (-90) sarà ampiamente compensato dall’effetto Fca nei prossimi mesi.

Le assunzioni programmate dalle imprese saranno pari a 1.280 unità, il 38% in più rispetto alle 930 di un anno prima. Poco più di un terzo (450 unità) saranno effettuate con un contratto a tempo determinato. Le assunzioni "stabili", vale a dire, quelle a tempo indeterminato o con un contratto di apprendistato, saranno pari a 840 unità, il 65% di quelle complessivamente programmate. La maggior parte delle assunzioni saranno effettuate da imprese che operano nei servizi (in particolare servizi alle imprese). Aumenterà anche il peso dell'industria (costruzioni comprese) che, nel periodo in esame, raggiungerà il 46% del totale.

Le cinque professioni maggiormente richieste concentreranno il 48% delle assunzioni complessive programmate. Al primo posto figurano gli operai specializzati nell'edilizia (in 9 casi su 10 con contratti a tempo indeterminato e per circa i due terzi le imprese ricorreranno a personale esperto). Maggiori difficoltà di reperimento riguardano, invece, gli operai metalmeccanici ed elettromeccanici (le assunzioni considerate "difficili" raggiungono il 17% del totale), nonostante la maggiore disponibilità delle imprese ad inserire persone senza un'esperienza lavorativa specifica. La richiesta di esperienza è molto frequente nelle assunzioni di specialisti e tecnici amministrativi, finanziari e bancari e del personale di segreteria e servizi generali, interessando, rispettivamente, l'84 e l'80% dei candidati.

«Se tralasciamo il sostanzioso incremento occupazionale preannunciato dalla Fca per Melfi, il dato parrebbe moderatamente positivo, ma sarà solo l’andamento dei prossimi trimestri a dirci se si tratta di una tendenza o di un sussulto temporaneo – dichiara il presidente di Unioncamere Basilicata, Pasquale Lamorte –. Ciò che preoccupa è il livello del mercato occupazionale lucano, che tende a ricercare profili base a scapito di professionalità più elevate, costrette a emigrare per trovare spazio».

 

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Excelsior quarto trimestre 2014: il mercato del lavoro in Basilicata sempre più giù ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A166C0S0/Excelsior-quarto-trimestre-2014--il-mercato-del-lavoro-in-Basilicata-sempre-piu-giu.htm Fri, 19 Dec 2014 09:12:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A166C0S0/Excelsior-quarto-trimestre-2014--il-mercato-del-lavoro-in-Basilicata-sempre-piu-giu.htm Il quarto trimestre 2014 fa segnare 1.070 nuovi contratti, il 18% in meno rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente. Questa variazione è il risultato di una flessione del 15% delle assunzioni dirette effettuate dalle imprese e di un calo del 24% dei contratti atipici. In termini assoluti, in questo trimestre le assunzioni effettuate dalle imprese saranno pari a 760 unità (71% dei contratti totali) ]]> Il quarto trimestre 2014 fa segnare 1.070 nuovi contratti, il 18% in meno rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente. Questa variazione è il risultato di una flessione del 15% delle assunzioni dirette effettuate dalle imprese e di un calo del 24% dei contratti atipici. In termini assoluti, in questo trimestre le assunzioni effettuate dalle imprese saranno pari a 760 unità (71% dei contratti totali), mentre i contratti atipici dovrebbero attestarsi a quasi 320 unità. Lo evidenzia Excelsior Informa del 4° trimestre 2014, elaborato da Unioncamere Basilicata.

Nello specifico, il 68% delle 760 assunzioni di lavoratori dipendenti previste nella regione sarà a tempo determinato; le assunzioni si concentreranno per il 57% nel settore dei servizi e per l'80% nelle imprese con meno di 50 dipendenti; nel 70% dei casi saranno rivolte a candidati in possesso di un'esperienza lavorativa nella professione o almeno nello stesso settore; per una quota pari al 20% interesseranno giovani con meno di 30 anni.

La maggior parte delle assunzioni saranno effettuate da imprese operanti nei servizi (soprattutto servizi alle imprese, con 130 entrate); di poco inferiore il numero di assunzioni previste nel commercio (120 unità). Nell'industria, invece, la quota maggiore di assunzioni si concentrerà nelle attività manifatturiere, dove si prevedono circa 210 entrate, mentre poco più di un centinaio saranno appannaggio delle costruzioni. Le cinque professioni più richieste concentrano il 46% delle assunzioni totali programmate nella regione.

Per quanto riguarda gli operai specializzati e conduttori di impianti nell'industria alimentare (80 le entrate previste), le assunzioni saranno, nella stragrande maggioranza dei casi (94%), "a termine". Nel caso degli operai metalmeccanici ed elettromeccanici le imprese sono molto più propense ad inserire persone senza esperienza e poco più della metà dei contratti offerti sono a tempo indeterminato. Le maggiori opportunità di inserimento stabile in azienda si rilevano per gli operai specializzati nell'edilizia, con il 75% dei contratti a tempo indeterminato; per questi profili, inoltre, le imprese ricorrono quasi esclusivamente a personale esperto. Problemi di reperimento superiori alla media riguardano infine le professioni tipiche del turismo (cuochi, camerieri, baristi e professioni simili).

«E' evidente che il collasso dell'economia lucana, ed in particolare le perduranti difficoltà del manifatturiero e il crollo dell'edilizia, stia producendo una continua caduta dal punto di vista dell'occupazione in regione, il che genera sfiducia tra i giovani non solo per il presente ma anche per prospettive future, che si stentano a vedere – dichiara il presidente di Unioncamere Basilicata, Pasquale Lamorte –. Altro aspetto preoccupante è il numero davvero limitato di alte professionalità che le imprese assumono. Sembra un mercato del lavoro che continua a livellarsi verso il basso, il che evidenzia un progressivo impoverimento dal punto di vista qualitativo, oltre che quantitativo. Sono dati che offriamo, come di consueto, al decisore politico per la messa a punto di strategie che riescano auspicabilmente a tamponare l'emorragia e a rilanciare con una visione di medio periodo le politiche attive del lavoro».

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Excelsior quarto trimestre 2014: il mercato del lavoro in Basilicata sempre più giù ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A165C0S0/Excelsior-quarto-trimestre-2014--il-mercato-del-lavoro-in-Basilicata-sempre-piu-giu.htm Fri, 19 Dec 2014 09:12:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A165C0S0/Excelsior-quarto-trimestre-2014--il-mercato-del-lavoro-in-Basilicata-sempre-piu-giu.htm unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata ) <![CDATA[ Economia lucana ancora in recessione, lo certificano i dati del II trimestre 2014 ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A164C21S20/Economia-lucana-ancora-in-recessione--lo-certificano-i-dati-del-II-trimestre-2014.htm Mon, 15 Dec 2014 10:12:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A164C21S20/Economia-lucana-ancora-in-recessione--lo-certificano-i-dati-del-II-trimestre-2014.htm Le proiezioni macroeconomiche di ottobre elaborate da Unioncamere-Prometeia prospettano, per il 2014, una contrazione del PIL della Basilicata dell’1,9%, in netto peggioramento rispetto alle precedenti stime di luglio, che ipotizzavano una flessione dell’1,2%. La Basilicata permarrà in recessione anche nel 2015, evidenziando una flessione prossima al mezzo punto percentuale, a fronte di un modesto recupero ]]> Le proiezioni macroeconomiche di ottobre elaborate da Unioncamere-Prometeia prospettano, per il 2014, una contrazione del PIL della Basilicata dell’1,9%, in netto peggioramento rispetto alle precedenti stime di luglio, che ipotizzavano una flessione dell’1,2%. La Basilicata permarrà in recessione anche nel 2015, evidenziando una flessione prossima al mezzo punto percentuale, a fronte di un modesto recupero del PIL nazionale (+0,5%). E' quanto emerge dalla nota congiunturale relativa allo stato dell'economia lucana nel III trimestre 2014, elaborata dal Centro Studi Unioncamere Basilicata.

«E' il segnale di un'economia al collasso – commenta il presidente di Unioncamere Basilicata, Pasquale Lamorte –, con una perdurante caduta degli investimenti che risente anche della lunga crisi del comparto delle costruzioni e la crisi del manifatturiero, e l’apporto sempre negativo dell'export. Il recupero dell'agricoltura e i segnali positivi che arrivano da alcuni segmenti (metalmeccanica e mobile in particolare) non possono confortarci rispetto ad un quadro complessivo evidentemente negativo, che fa segnare una disoccupazione record, mentre l'asfittico mercato del credito continua ad accentuare le difficoltà delle nostre imprese. Registriamo con interesse la crescita delle Pmi giovanili e femminili, auspicando che in questi fermenti ci sia nuova linfa per un futuro a medio termine più confortante».

I DATI DI SINTESI

Industria ed edilizia contribuiscono alla contrazione. Agricoltura in recupero

Con riferimento alla formazione del reddito va rimarcata l’ulteriore riduzione del valore aggiunto delle costruzioni, che dovrebbe cedere, quest’anno, il 3,9% (un punto in più rispetto al precedente scenario previsionale), con prospettive ampiamente negative anche per il 2015 (-3,3%). Analogamente peggiorative le stime per l’industria in senso stretto (-2,9%), anche in questo caso con un trend che difficilmente invertirà il segno il prossimo anno. Più rallentata la caduta del prodotto nel variegato settore dei servizi, che dovrebbe arretrare dell’1%, con qualche possibilità di stabilizzarsi nel 2015. Le ultime stime confermano, invece, il recupero dell’agricoltura, sebbene l’entità dello stesso sia stata rivista al ribasso (+0,7%).

EXPORT, VARIAZIONE POSITIVA: MALE AUTO ED ENERGETICI, OK METALMECCANICA, CHIMICA E MOBILE IMBOTTITO

Nel III trimestre dell’anno l’export regionale ha registrato una lieve variazione positiva (+1,3% rispetto allo stesso periodo del 2013) dopo due flessioni consecutive particolarmente pesanti nel I e II trimestre. Con riferimento alle principali merceologie, continua la parabola discendente delle vendite dell’industria dell’auto, che risentono anche dei più bassi livelli produttivi determinati dai processi di ristrutturazione nello stabilimento SATA: -10,0% nel III trimestre, per un decremento cumulato, dall’inizio dell’anno, del 20,4% (circa 78 milioni di euro in meno). Il calo maggiore ha riguardato, tuttavia, i prodotti energetici, il cui export si è ridotto di oltre il 50% (-44,2% nell’intero periodo gennaio-settembre). Escludendo auto ed energetici, il made in Basilicata ha messo a segno un incremento consistente (+33,2%), sebbene quasi interamente ascrivibile ai prodotti metalmeccanici, che hanno raggiunto livelli record nel III trimestre: oltre 55 milioni di euro, che equivalgono al 70% dell’intero export realizzato nel 2013. Un contributo positivo alla crescita è venuto anche dai prodotti chimici (+23,9%), che hanno recuperato il calo delle vendite registrato nel II trimestre, e dal mobile imbottito (+7,1%), in costante ripresa dall’inizio del 2013, periodo durante il quale il fatturato estero delle imprese del comparto è risalito di circa 13 milioni di euro.

SALDO NATI-MORTALITÀ AZIENDALE LIEVEMENTE IN ATTIVO. IN AUMENTO LE SOCIETA' DI CAPITALE, IN AUMENTO LE PMI GIOVANILI E FEMMINILI

Nel III trimestre 2014 sono state 534 le iscrizioni di nuove imprese extra-agricole nel Registro delle Camere di Commercio lucane, 52 in meno rispetto allo stesso periodo del 2013 (-8,9%). Un analogo trend negativo ha caratterizzato, tuttavia, anche le cancellazioni, passate da 436 a 361, per un decremento del 17,2%. Il saldo è pertanto di +173 unità. Oltre l’80% della crescita netta della base imprenditoriale è stato assicurato dalle imprese costituite nella forma delle società di capitale. Pesante la flessione accusata dall’industria delle costruzioni, (-100 unità), mentre una certa dinamicità ha caratterizzato diversi i comparti del terziario, segnatamente, i servizi alle persone, alle imprese e i servizi turistici che, insieme, hanno generato un saldo pari a quasi 90 nuove imprese. Continua invece l’emorragia di imprese commerciali (le più esposte alla crisi dei consumi), che hanno accusato la scomparsa di oltre 200 imprese negli ultimi 12 mesi. Anche nel III rimestre del 2014 il maggior apporto quantitativo alla crescita della base imprenditoriale regionale è venuto dalle imprese giovanili (+127 unità) e femminili (+60).

SI FERMA LA CADUTA DELL’OCCUPAZIONE. CONTINUANO A CRESCERE I DISOCCUPATI, CHE RAGGIUNGONO LIVELLI RECORD

Il III trimestre dell’anno ha fatto registrare un’interruzione del lungo trend discendente dell’occupazione che, per la prima volta dal 2011, ha messo a segno una sia pur lieve variazione positiva (+0,6%, equivalente a un migliaio di posti di lavoro in più); ciò non ha impedito, tuttavia, un’ulteriore forte crescita della disoccupazione, che ha raggiunto livelli record, complice anche la risalita dei tassi di partecipazione al mercato del lavoro. I senza lavoro hanno ormai superato le 33 mila unità, circa 3,5 mila in più rispetto ad un anno fa.

BOOM DEGLI INTERVENTI DELLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI, ALIMENTATI DALL’INDUSTRIA DELL’AUTO

Nel periodo gennaio-ottobre 2014, gli interventi della Cassa Integrazione Guadagni autorizzati all’industria manifatturiera lucana hanno sfiorato i 9 milioni di ore, quasi 2,4 in più rispetto allo stesso periodo del 2013, per un incremento del 35,7%. A determinare tale andamento è stata la forte impennata degli interventi straordinari, più che raddoppiati nel periodo considerato (da 3,4 a 7,9 milioni di ore), mentre quelli ordinari hanno registrato una flessione analogamente pronunciata (-67,6%), scendendo a poco più di un milione di ore. Oltre il 60% della CIG straordinaria (circa 4,9 milioni di ore) è stato assorbito dall’industria dell’auto a sostegno dei processi di ristrutturazione delle linee produttive dello stabilimento SATA di Melfi; e ciò spiega l’intero incremento del monte-ore registrato a livello regionale. A tale comparto è ascrivibile anche una parte rilevante della flessione della CIG ordinaria, considerato che le autorizzazioni ad esso concesse sono scese da un milione e 900 mila a 171 mila ore.

CREDITO, SEMPRE DIFFICILE LA SITUAZIONE PER PMI

Gli impieghi bancari continuano a diminuire, per l’effetto congiunto della crisi economica e della maggiore cautela adottata dagli istituti di credito nel concedere finanziamenti, complice anche la persistente crescita dei crediti inesigibili, che hanno raggiunto ormai livelli elevatissimi. Alla fine dello scorso mese di settembre, i prestiti “vivi” (ovvero al netto delle sofferenze bancarie) concessi alle imprese lucane sono diminuiti del 4,8% su base tendenziale, che equivale a circa 145 milioni di euro di finanziamenti in meno. Il ridotto afflusso di finanziamenti alle imprese è anche il risultato del continuo peggioramento del grado di solvibilità dei debitori: nel II trimestre del 2014 (ultimo dato disponibile), i prestiti inesigibili sono aumentati del 12,8%, superando il miliardo di euro che, rapportato agli impieghi complessivi, equivale ad un tasso di insolvenza delle imprese pari al 25,7%, oltre l’80% in più della media nazionale, salita al 14,2%, nuovo massimo storico.

NESSUN SEGNALE DI RISVEGLIO PER IL MERCATO IMMOBILIARE

E’ sempre crisi profonda per il mercato immobiliare residenziale, che risente, evidentemente, della forte erosione dei redditi familiari oltreché delle maggiori difficoltà di accesso al credito per i mutui ipotecari. Secondo i dati dell’Agenzia del Territorio, il numero di compravendite di immobili ad uso abitativo si è ridotto del 6,8% nella prima metà del 2014 (-18,3% nei due comuni capoluogo), mentre a livello nazionale si è registrato qualche timido segnale di ripresa (+1,4%).

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ CONTRIBUTI PER L'ATTIVAZIONE DI UN SERVIZIO DI CONNETTIVITÀ SU RETE FISSA E MOBILE A BANDA LARGA ED ULTRALARGA SUL TERRITORIO LUCANO ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A162C21S20/CONTRIBUTI-PER-L-ATTIVAZIONE-DI-UN-SERVIZIO-DI-CONNETTIVITA-SU-RETE-FISSA-E-MOBILE-A-BANDA-LARGA-ED-ULTRALARGA-SUL-TERRITORIO-LUCANO.htm Tue, 16 Sep 2014 11:09:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A162C21S20/CONTRIBUTI-PER-L-ATTIVAZIONE-DI-UN-SERVIZIO-DI-CONNETTIVITA-SU-RETE-FISSA-E-MOBILE-A-BANDA-LARGA-ED-ULTRALARGA-SUL-TERRITORIO-LUCANO.htm Nell’ambito dell’Accordo di Programma tra il Ministero dello Sviluppo Economico e l’Unioncamere per il 2012 e in linea con le iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico regionale, Unioncamere Basilicata intende favorire i processi di innovazione delle imprese mediante l’erogazione di un contributo a fondo perduto per l’attivazione di un servizio di connettività a banda l ]]> Nell’ambito dell’Accordo di Programma tra il Ministero dello Sviluppo Economico e l’Unioncamere per il 2012 e in linea con le iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico regionale, Unioncamere Basilicata intende favorire i processi di innovazione delle imprese mediante l’erogazione di un contributo a fondo perduto per l’attivazione di un servizio di connettività a banda larga (almeno 2 Mbit/s in ricezione) con qualsiasi tecnologia di rete fissa e radio (in modalità fissa).
 
Il bando è rivolto alle micro, piccole e medie imprese localizzate in Basilicata - nelle province di Matera e Potenza - che, a partire dal 1° gennaio 2014, abbiano attivato un servizio di connettività a Internet a banda larga
Il bando riguarda le tecnologie di rete fissa (ADSL, ADSL2+, VDSL, HDSL, ecc) e mobile (HSDPA, HSPA, LTE) che le imprese sceglieranno per la loro connettività a banda larga. Le spese oggetto del contributo saranno relative all’acquisto e installazione dell’apparato di trasmissione e ricezione (modem, antenna o parabola), alla realizzazione di una rete LAN interna (anche in tecnologia Wi-Fi), all’eventuale PC (uno solo) corredato del software di base e al canone mensile del servizio di connettività (sul numero di linea oggetto del contratto) fino a un massimo di 12 mesi temporalmente contigui (un anno) a partire dalla data di attivazione del
servizio.
 
]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Prorogata scadenza Avviso Reti di impresa: 300.000 euro per "fare squadra". ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A159C21S20/Prorogata-scadenza-Avviso-Reti-di-impresa--300-000-euro-per--fare-squadra--.htm Fri, 10 Oct 2014 00:10:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A159C21S20/Prorogata-scadenza-Avviso-Reti-di-impresa--300-000-euro-per--fare-squadra--.htm AVVISO PUBBLICO

LA RETE DI IMPRESE

SOSTEGNO ALLE IMPRESE DEI DISTRETTI E DEI SISTEMI PRODUTTIVI LOCALI DI BASILICATA

(Riconosciuti ai sensi della L.R. 1/2001)

 

Con riferimento all’avviso pubblicato in data 28/08/2014 da Unioncamere Ba ]]> AVVISO PUBBLICO

LA RETE DI IMPRESE

SOSTEGNO ALLE IMPRESE DEI DISTRETTI E DEI SISTEMI PRODUTTIVI LOCALI DI BASILICATA

(Riconosciuti ai sensi della L.R. 1/2001)

 

Con riferimento all’avviso pubblicato in data 28/08/2014 da Unioncamere Basilicata quale soggetto attuatore per la Regione Basilicata del Decreto Ministero dello Sviluppo Economico e Produttivo 7 maggio 2010 per i Distretti Produttivi regionali, si comunica che la Regione Basilicata ha autorizzato il differimento di dieci giorni (rispetto al termine previsto dall’articolo 7 dell’Avviso) per la presentazione delle domande.

 

Pertanto, cadendo il 25 ottobre (di sabato), il nuovo termine è fissato alle ore 12.00 del 27 ottobre 2014, con le stesse modalità stabilite dall’avviso richiamato. 

 

***

28/08/2014 - Unioncamere Basilicata, quale soggetto attuatore per la Regione Basilicata nell’ambito del progetto a favore del Decreto Ministero dello Sviluppo Economico e Produttivo 7 maggio 2010 per i Distretti produttivi regionali, ha pubblicato un Avviso dedicato alle Reti di Impresa dei Distretti lucani attraverso cui si propone di sperimentare un’innovativa modalità di sostegno alle imprese, tenendo conto degli scenari economici all’interno dei quali le aziende sono oggi chiamate a confrontarsi, con l’obiettivo di favorire l’abbandono di logiche individualistiche e attivare nuovi modelli imprenditoriali condivisi.

L’Avviso, che rientra nell’ambito del “Decreto Distretti” (i cui attuatori sono Unioncamere e Sviluppo Basilicata), ha l’obiettivo di favorire la creazione di nuove aggregazioni di imprese, costituite in Contratto di Rete, nonché il consolidamento, lo sviluppo e la stabilizzazione delle reti esistenti, principalmente tra aziende localizzate entro i confini territoriali dei Distretti e dei Sistemi Produttivi locali, riconosciuti ai sensi della Legge Regionale 1 del 2001, anche con la finalità di sviluppare percorsi di internazionalizzazione.

I soggetti beneficiari sono rete di imprese costituende o costituite. L’agevolazione prevista consiste in un contributo a fondo perduto fino al 50% delle spese ammissibili. Tra queste, ad esempio, i servizi di consulenza per l’internazionalizzazione (anche con il supporto di temporary export manager), iniziative di cooperazione industriale, commerciale e di export (come analisi di settore, ricerche di mercato e altri studi di mercati esteri, progettazione e formulazione delle strategie di posizionamento e di marketing, ricerca di partner, fornitori, agenti o distributori esteri), realizzazione di sistemi integrati di gestione dei processi organizzativi e gestionali interni, realizzazione di sistemi telematici e informatici integrati che siano utili alla promozione del territorio e per l’accesso alle informazioni da parte dei consumatori, realizzazione di modelli integrati e condivisi di efficientamento energetico e per il rispetto ambientale, studio e realizzazione di progetti trasversali per la riqualificazione e la promozione.

«In un mercato in cui occorre pensare e agire in scala globale, bisogna fare squadra, aumentando la competitività sul mercato delle imprese aggregate, razionalizzando i costi, migliorando e modernizzando gli spazi di erogazione dei servizi e favorendo lo scambio di conoscenze funzionali all’innovazione di processo, di prodotto, di servizio e organizzativa – spiega il presidente di Unioncamere Basilicata, Pasquale Lamorte -. In linea di continuità con quanto fatto dal sistema camerale lucano negli ultimi anni, intendiamo incentivare uno strumento, il contratto di rete, che a quattro anni dalla costituzione della prima rete d'imprese si rivela ormai una certezza, con oltre 8.095 soggetti che si sono costituiti in tutta Italia».

 

]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ AL VIA UN CORSO (GRATUITO) DA INNOVATION MANAGER 2.0. SCADENZA DOMANDE 20 OTTOBRE ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A163C21S20/AL-VIA-UN-CORSO--GRATUITO--DA-INNOVATION-MANAGER-2-0--SCADENZA-DOMANDE-20-OTTOBRE-.htm Thu, 02 Oct 2014 09:10:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A163C21S20/AL-VIA-UN-CORSO--GRATUITO--DA-INNOVATION-MANAGER-2-0--SCADENZA-DOMANDE-20-OTTOBRE-.htm
Unioncamere Basilicata propone 24 ore di formazione per figure di innovation manager che, al termine del percorso, siano in grado di:
• Saper interpretare il ruolo di manager in modo adeguato per la gestione di progetti d’innovazione
• Migliorare la propria efficacia nell’utilizzo di tecniche e strumenti per l’avvio, la diffusione e la gestione dei pro ]]>
Unioncamere Basilicata propone 24 ore di formazione per figure di innovation manager che, al termine del percorso, siano in grado di:
• Saper interpretare il ruolo di manager in modo adeguato per la gestione di progetti d’innovazione
• Migliorare la propria efficacia nell’utilizzo di tecniche e strumenti per l’avvio, la diffusione e la gestione dei progetti d’innovazione
• Acquisire nuova consapevolezza sulle competenze richieste dal ruolo e sulle proprie aree di miglioramento
• Favorire l’attuazione di un piano personale di sviluppo manageriale
• Allineare comportamenti di colleghi e collaboratori nella gestione di progetti di innovazione.
 
"Innovare - spiega il presidente di Unioncamere Basilicata, Pasquale Lamorte - rappresenta per le aziende, nell’attuale congiuntura economica, non tanto una scelta, quanto una necessità. Solo in questo modo, infatti, è possibile differenziarsi dalla concorrenza, conquistare e mantenere posizioni di leadership sui mercati, ottenere margini di profitto crescenti. L’innovazione può essere strutturata e organizzata in azienda attraverso la creazione di processi e strumenti che la supportino e la alimentino. Innovation Manager rappresenta un percorso formativo, promosso e finanziato da Unioncamere Basilicata e realizzato da Uniontrasporti, per supportare professionisti e coloro che, in azienda, sono già impegnati o intendono impegnarsi nell’individuare, progettare e gestire processi d’innovazione a sostegno della competitività delle loro organizzazioni".
 
Il percorso rappresenta una concreta opportunità per migliorare la propria efficacia nell’attuazione di una strategia integrata per l’innovazione. Saper interpretare i cambiamenti prima e meglio di altri, saper cogliere nuove opportunità, gestire la complessità dei nostri tempi, costruire nuove relazioni professionali dentro e fuori le nostre organizzazioni, adeguare lo stile di leadership rappresentano i risultati attesi da questo progetto di Unioncamere Basilicata.
 
È un percorso per tutti coloro che, in ambito aziendale, hanno la necessità di migliorare la propria capacità di gestione strategica dell’innovazione, per assicurare nuova competitività alla propria organizzazione, qualificando il proprio ruolo manageriale e l’efficacia del proprio team. Il corso è aperto, in particolare, a imprenditori di Piccole e Medie Imprese lucane che intendono acquisire le competenze per poter definire un modello di sviluppo dell’innovazione e apprendere gli strumenti per gestire i processi e le risorse alla base dell’innovazione. Una quota dei posti disponibili è aperta a neolaureati in discipline scientifiche. 
Al fine di assicurare un livello qualitativo alto, il corso è riservato ad un massimo di 15 partecipanti (10 imprese e 5 neolaureati), per i quali non è previsto alcun costo grazie al finanziamento di Unioncamere Basilicata, nell’ambito dell’Accordo di programma Unioncamere/MISE.
 
 
]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Economia lucana, I semestre 2014: ripresa ancora lontana ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A161C21S20/Economia-lucana--I-semestre-2014--ripresa-ancora-lontana.htm Mon, 15 Sep 2014 12:09:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A161C21S20/Economia-lucana--I-semestre-2014--ripresa-ancora-lontana.htm Le proiezioni macroeconomiche di luglio elaborate da Unioncamere-Prometeia non lasciano dubbi: per la Basilicata la ripresa è ancora lontana. L’entità della riduzione del PIL per il 2014 è stata ampliata rispetto alle stime di maggio e portata dal -0,2 al -1,2%, e anche per il 2015 le previsioni sono ancora recessive (-0,1%). Le ultime stime hanno rivisto al ribasso anche il consuntivo del 2013, c ]]> Le proiezioni macroeconomiche di luglio elaborate da Unioncamere-Prometeia non lasciano dubbi: per la Basilicata la ripresa è ancora lontana. L’entità della riduzione del PIL per il 2014 è stata ampliata rispetto alle stime di maggio e portata dal -0,2 al -1,2%, e anche per il 2015 le previsioni sono ancora recessive (-0,1%). Le ultime stime hanno rivisto al ribasso anche il consuntivo del 2013, che dovrebbe aver chiuso al -4,6%, quasi un punto e mezzo al di sotto del dato rilasciato a maggio (-3,2%), ma superiore al -6,1% recentemente indicato dalla Svimez. Il cedimento dell’economia lucana atteso per l’anno in corso risulta lievemente più accentuato di quello prospettato per l’economia meridionale (-1%) mentre in Italia i principali istituti previsionali convergono intorno alla stima di una variazione pari a zero. Persiste la debolezza della domanda interna, con i consumi delle famiglie che stentano a risollevarsi, gli investimenti sempre molto deboli e i consumi finali della Pubblica Amministrazione che sono penalizzati dalle manovre di contenimento della spesa pubblica. Ad aggravare ulteriormente il quadro congiunturale concorre, inoltre, la previsione molto sfavorevole dell’export, atteso in calo del 20%.

«Dall’inizio della crisi, la regione e l’intera circoscrizione meridionale hanno perso in termini di PIL, rispettivamente, il 14,8 e il 13,5%, mentre in Italia la flessione si è fermata all’8,6% - commenta il presidente di Unioncamere Basilicata, Pasquale Lamorte -. I dati evidenziano dunque una fortissima crescita delle disparità territoriali, con la Basilicata e il Mezzogiorno che continuano a subire le conseguenze più pesanti della recessione e rischiano di mancare l’aggancio ad una ripresa che sarà ancora una volta al traino dei mercati esteri. Da qui il pressante appello, che lanciamo per l’ennesima volta, da un lato a tutte le forze istituzionali per pianificare interventi urgenti e strategie di medio-lungo respiro, e dall’altro alle imprese, perché facciano rete e siano in grado di aggredire i mercati nazionali ed internazionali».

I DATI DI SINTESI

EXPORT ANCORA IN CADUTA LIBERA, MA “AL NETTO” DI AUTO ED ENERGETICI IL BILANCIO È POSITIVO

Nella prima metà del 2014, l’export regionale ha accusato una forte battuta d’arresto, registrando una flessione del 24,6% rispetto allo stesso periodo del 2013 (oltre 140 milioni di euro in meno). Sulle performance negative continuano a pesare le contrazioni delle vendite dell’industria dell’auto (che risentono anche della temporanea riduzione del potenziale produttivo determinata dai processi di ristrutturazione nello stabilimento SATA) e dei prodotti energetici. Escludendo i due macrosettori, il bilancio dell’interscambio commerciale della regione risulta ampiamente positivo (+21,6%), pur evidenziando andamenti molto differenziati a livello delle principali merceologie. A trainare l’export sono stati soprattutto i prodotti metalmeccanici, le cui vendite sono quasi raddoppiate (da 39 a 76 milioni di euro), beneficiando della domanda sostenuta proveniente dal mercato tedesco. E’ proseguito, inoltre, il recupero del mobile imbottito, con valori esportati in crescita ormai da un anno e mezzo (+20,8% la variazione tendenziale nella prima metà dell’anno) e un’aumentata capacità di penetrazione dei mercati extra-UE.

IN CALO I FENOMENI DI CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE, MA IL SALDO DI NATI-MORTALITÀ AZIENDALE SI MANTIENE LIEVEMENTE IN ATTIVO GRAZIE A GIOVANI E IMMIGRATI

Tra gennaio e giugno, netta flessione del numero di nuove iscrizioni rispetto allo stesso periodo del 2013 (da 1.648 a 1.437) e andamento di analogo segno ma di intensità molto minore delle cessazioni, passate da 1.477 a 1.395. Dal punto di vista settoriale, non si arresta l’emorragia di imprese nell’industria manifatturiera e in quella delle costruzioni, mentre sono diversi i comparti del terziario ad evidenziare una crescita della base imprenditoriale: dai servizi ricreativi e sportivi ai servizi alle imprese, dalle attività professionali ai servizi di ricettività e ristorazione. Da rimarcare il persistente ridimensionamento delle attività commerciali (le più esposte alla crisi dei consumi) che, negli ultimi 3 anni, hanno accusato la scomparsa di oltre 500 imprese. Il maggior apporto quantitativo alla crescita della base imprenditoriale regionale è venuto dalle imprese giovanili (+307 unità); positivo anche il contributo delle imprese guidate da immigrati (+27 unità). una sostanziale stazionarietà ha caratterizzato, invece, la dinamica delle imprese femminili.

RALLENTA LA CADUTA DELL’OCCUPAZIONE. CONTINUANO A CRESCERE I DISOCCUPATI E GLI SCORAGGIATI.

Al giro di boa della metà dell’anno le condizioni del mercato del lavoro regionale permangono assai critiche: l’occupazione complessiva fa segnare un -1,1%, che equivale a circa 2.000 posti di lavoro cancellati. Per contro, i ritmi di crescita della disoccupazione “ufficiale” hanno raggiunto il 7,5%, per uno stock di senza lavoro che è aumentato di oltre 2 mila unità, sfiorando le 33 mila complessive. Analogamente in crescita il numero di persone che hanno smesso di cercare attivamente un lavoro (circa 1,5 mila in più, per un incremento del 3,2%) e, per tale ragione, non contabilizzate tra i disoccupati. Considerando anche questa componente, gli inoccupati a livello regionale ammontano a 86 mila unità circa, cui corrisponde un tasso di disoccupazione del 32,1%, contro il 30,9% di 12 mesi prima.

IN FORTE RIPRESA GLI INTERVENTI DELLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI: CRESCE LA DOMANDA DI SOSTEGNO DA PARTE DELL’INDUSTRIA DELL’AUTO E DEL MOBILE

Nei primi 7 mesi del 2014, gli interventi della Cassa Integrazione Guadagni a so-stegno dell’industria lucana hanno raggiunto i 7 milioni e 810 mila di ore, oltre 2 milioni e 800 mila in più rispetto allo stesso periodo del 2013 (+56,4%). Tale andamento è ascrivibile interamente all’impennata degli interventi straordinari, in larga parte appannaggio dell’industria dell’auto, ancora alle prese con processi di ristrutturazione delle linee produttive; mentre gli interventi ordinari hanno proseguito il trend discendente, in atto dalla primavera del 2013.

CREDITO: NON SI ALLENTA LA STRETTA CREDITIZIA, FRENATA ANCHE DALLA CRESCENTE RISCHIOSITÀ DEI DEBITORI

Le condizioni del mercato creditizio restano sempre molto critiche, in Basilicata come nel resto del Paese: la contrazione dei prestiti erogati a imprese e famiglie non accenna a fermarsi, mentre continua a crescere il volume delle sofferenze bancarie, alimentando un circolo vizioso che rischia di compromettere non soltanto le possibilità di ripresa ma la tenuta stessa dell’economia lucana. I prestiti vivi (calcolati al netto delle sofferenze) concessi al sistema produttivo hanno fatto registrare un -5,5% (quasi 170 milioni di euro di finanziamenti in meno), con una restrizione che penalizza sia le piccole che le medio-grandi imprese. Per quanto riguarda invece le famiglie consumatrici, i prestiti vivi hanno subito una flessione del 2,0%, più attenuata rispetto al -5,2% registrato a giugno 2013.

LEGGI O SCARICA IL RAPPORTO

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Basilicata, calano ancora gli occupati ed è sempre emorragia di giovani. Nel 2014 il mercato del lavoro livellato sempre più in basso ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A160C21S20/Basilicata--calano-ancora-gli-occupati-ed-e-sempre-emorragia-di-giovani--Nel-2014-il-mercato-del-lavoro-livellato-sempre-piu-in-basso.htm Tue, 02 Sep 2014 16:09:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A160C21S20/Basilicata--calano-ancora-gli-occupati-ed-e-sempre-emorragia-di-giovani--Nel-2014-il-mercato-del-lavoro-livellato-sempre-piu-in-basso.htm La Basilicata non è una regione per giovani e si caratterizza per un mercato del lavoro livellato sempre più in basso. A dare l’ennesima conferma sono i dati di Excelsior Informa, il bollettino del sistema camerale (relativo al 2014) che analizza il fabbisogno delle aziende, incrocia i dati Unioncamere - Ministero del Lavoro e rivela la mappa dell’incrocio tra doman ]]> La Basilicata non è una regione per giovani e si caratterizza per un mercato del lavoro livellato sempre più in basso. A dare l’ennesima conferma sono i dati di Excelsior Informa, il bollettino del sistema camerale (relativo al 2014) che analizza il fabbisogno delle aziende, incrocia i dati Unioncamere - Ministero del Lavoro e rivela la mappa dell’incrocio tra domanda e offerta di lavoro sui territori. L’indagine, evidenziando che in Basilicata nel 2014 si prevede la perdita di 1.800 posti di lavoro (dopo i 2.000 persi nel 2013), specifica che la riduzione è dovuta ai contratti di lavoro dipendente e alla continua contrazione di giovani.

«Oltre al macrodato dei 1.800 posti in meno, c’è l’aggravante della quota di assunzioni rivolte ai giovani, diminuita sensibilmente dal 34% del 2009 all'attuale 20% - conferma il presidente di Unioncamere Basilicata, Pasquale Lamorte –. E’ il segnale probabilmente più grave, che incide sulle prospettive di futuro dei nostri ragazzi, evidentemente sempre più in fuga dalla Basilicata. C’è da riflettere e soprattutto c'è da agire, in una fase molto critica, ma le Istituzioni appaiono distratte o assenti. Se non riusciremo con immediatezza a frenare l’emorragia dei giovani e ad attirare i cosiddetti “cervelli di ritorno”, la desertificazione è imminente».

Dal confronto con il 2013 emerge un'ulteriore aggravante: la diminuzione della quota dei profili high skill, ossia dirigenti, specialisti e tecnici, sulle assunzioni totali programmate (dal 12 al 7%). Le imprese sono sempre meno propense ad inserire figure specialistiche e tecniche in organico. Analogamente in calo la quota di profili intermedi, a vantaggio delle professioni generiche e non qualificate che guadagnano 7 punti (dal 56 al 63%). Di questo gruppo faranno parte poco più di 2.000 figure operaie (il 49% del totale) e circa 590 figure generiche e non qualificate (14%).

Guardando più in dettaglio alle professioni richieste dalle imprese lucane, si rileva che il 65% delle assunzioni programmate è concentrato su sei figure soltanto. Al primo posto della classifica si trovano gli artigiani e operai specializzati dell'industria edile, con 820 assunzioni previste. Si tratta di professioni per le quali le imprese non incontrano problemi di reperimento e che, in poco più della metà dei casi, vengono inserite con contratti di lavoro a tempo indeterminato. Raggiungeranno le 540 unità, invece, le assunzioni dei profili tipici turismo e della ristorazione, ossia cuochi, camerieri e baristi. Queste professioni sono caratterizzate da un'elevata rotazione del personale, che viene assunto quasi esclusivamente con contratti a termine.

Delle 4.150 assunzioni programmate nel 2014 in Basilicata, 300 interesseranno persone laureate, 1.380 diplomati della scuola secondaria superiore, 620 persone in possesso della qualifica professionale e 1.850 figure a cui non verrà richiesta una formazione scolastica specifica.C’è dunque una tendenza alla riduzione della domanda di scolarità; in particolare, è in calo sia la quota di laureati (dall'8 al 7%) sia, in misura più marcata, quella dei diplomati, che passa dal 37% del 2013 al 33%.

Laureati e diplomati, insieme, detengono una quota inferiore di quasi 12 punti alla media nazionale. Risulta invece in aumento il numero di posti di lavoro offerti a coloro che hanno conseguito una qualifica professionale, la cui quota sul totale passa dall'8 al 15%, anche a scapito degli assunti senza una formazione scolastica specifica, che perdono 3 punti (dal 48 al 45%).

Tra le cosiddette soft skills, ovvero le competenze "trasversali", la capacità di risolvere i problemi è indicata come “molto importante” in oltre un caso su tre. Nelle posizioni immediatamente successive, con un numero di segnalazioni intorno al 35%, figurano, tra le altre, la capacità di lavorare in gruppo, la capacità comunicativa e quella di lavorare in autonomia.

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Imprese al femminile: Basilicata al top, ma sono quasi tutte "micro" ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A158C21S20/Imprese-al-femminile--Basilicata-al-top--ma-sono-quasi-tutte--micro-.htm Mon, 25 Aug 2014 13:08:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A158C21S20/Imprese-al-femminile--Basilicata-al-top--ma-sono-quasi-tutte--micro-.htm Alla fine del secondo trimestre 2014, la Basilicata presenta un tasso di imprese al femminile del 26,53%, secondo in Italia solo al Molise (con oltre il 28%) e ben superiore alla media Paese (che si attesta al 21,44%) e a quella del Sud (23,45%). Un dato interessante, contenuto nell’Osservatorio dell’Imprenditoria femminile di Unioncamere-InfoCamere - aggiornato alla fine di giugno 2014 - e dalle indicazioni del ]]> Alla fine del secondo trimestre 2014, la Basilicata presenta un tasso di imprese al femminile del 26,53%, secondo in Italia solo al Molise (con oltre il 28%) e ben superiore alla media Paese (che si attesta al 21,44%) e a quella del Sud (23,45%). Un dato interessante, contenuto nell’Osservatorio dell’Imprenditoria femminile di Unioncamere-InfoCamere - aggiornato alla fine di giugno 2014 - e dalle indicazioni del Sistema informativo Excelsior, di Unioncamere e Ministero del Lavoro, relativamente ai fabbisogni professionali delle imprese con dipendenti per l’anno in corso.

La ricerca conferma come il tasso di femminilizzazione sia sempre più elevato e concentrato nel Mezzogiorno, probabilmente come risposta risoluta e creativa alla crisi in atto da parte dell’universo in rosa. Ma, scendendo più nel dettaglio, si scorgono alcune ombre che limitano i facili entusiasmi: sSulle 15.801 imprese al femminile, ben 12.310 sono microimprese (imprese con zero-un addetto). Reso in termini percentuali, è un 77,9% che rappresenta il record italiano.  

«Per aumentare la propria competitività e capacità di innovazione, imboccare con più sicurezza la strada dell’internazionalizzazione  e per fronteggiare la crisi e il blocco del credito – dichiara il presidente di Unioncamere Basilicata, Pasquale Lamorte -, le imprese femminili hanno evidentemente la necessità di adottare forme giuridiche più strutturate. Tuttavia, il fermento va colto per ridare slancio all’occupazione e alla crescita, sostenendo e promuovendo il desiderio di tante donne, capaci e qualificate, che guardano all’impresa e al mercato come un’opportunità per essere protagoniste del proprio progetto di vita. Le istituzioni hanno il dovere di dare risposte concrete per facilitare questi percorsi».

Il sistema camerale, attraverso la rete dei comitati per l’imprenditoria femminile, mette a disposizione strumenti mirati allo sviluppo di questi progetti con iniziative per la formazione, l’accesso al credito, l’internazionalizzazione. Il taglio delle risorse su cui le Camere di commercio potranno contare nei prossimi anni, deciso con la riforma della Pubblica Amministrazione, renderà il lavoro molto più difficile? «Purtoppo sì – ammette Lamorte – ma l’auspicio è che non ci impedisca di continuare a svolgere quel ruolo fondamentale di prossimità sul territorio che le imprese ci chiedono di accentuare».

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ CONSIGLIO UNIONE: DECISO ACCORPAMENTO DELLE CCIAA DI POTENZA E MATERA ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A157C21S20/CONSIGLIO-UNIONE--DECISO-ACCORPAMENTO-DELLE-CCIAA-DI-POTENZA-E-MATERA.htm Fri, 01 Aug 2014 13:08:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A157C21S20/CONSIGLIO-UNIONE--DECISO-ACCORPAMENTO-DELLE-CCIAA-DI-POTENZA-E-MATERA.htm Il Consiglio di Unioncamere Basilicata, riunitosi ieri a Potenza, al fine di poter affrontare l'iter parlamentare del disegno di legge che prevede la riforma del sistema camerale in posizione più solida, in ossequio alle "linee guida" dettate da Unioncamere nazionale ha deliberato l’accorpamento delle Camere di Commercio di Potenza e Matera. Il provvedimento verrà ratificato dai due Consigli camerali, entro ]]> Il Consiglio di Unioncamere Basilicata, riunitosi ieri a Potenza, al fine di poter affrontare l'iter parlamentare del disegno di legge che prevede la riforma del sistema camerale in posizione più solida, in ossequio alle "linee guida" dettate da Unioncamere nazionale ha deliberato l’accorpamento delle Camere di Commercio di Potenza e Matera. Il provvedimento verrà ratificato dai due Consigli camerali, entro il prossimo settembre e sancirà lo svolgimento in forma associata delle funzioni.

«Il processo di accorpamento delle Camere di commercio si rende necessario per poter fronteggiare le paventate ipotesi di soppressione dell'intero sistema – dichiara il presidente di Unioncamere Basilicata, Pasquale Lamorte -. Siamo tutti chiamati ad atti di grande concretezza ed efficacia per misurarci con le sfide del cambiamento che attraversano il Paese. Il nostro auspicio ora è che Governo e Parlamento sappiano sostenere il sistema camerale in questo profondo rinnovamento, perché le Camere di commercio continuino ad assicurare il loro sostegno alle imprese e alla crescita dei territori».

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Movimprese: crescita molto lenta in Basilicata nel II trimestre 2014 ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A156C21S20/Movimprese--crescita-molto-lenta-in-Basilicata-nel-II-trimestre-2014.htm Tue, 22 Jul 2014 13:07:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A156C21S20/Movimprese--crescita-molto-lenta-in-Basilicata-nel-II-trimestre-2014.htm Una crescita estremamente lenta, performance peggiori rispetto al 2013 e situazione preoccupante per l’artigianato. E’ quanto emerge dalla rilevazione sulla natimortalità aziendale relativa al secondo trimestre 2014 in Basilicata, realizzata da Unioncamere-Infocamere attraverso il sistema Movimprese.

Il saldo positivo di 222 imprese, risultato della differenza tra le 780 iscrizioni e le 558 cessazioni registrat ]]> Una crescita estremamente lenta, performance peggiori rispetto al 2013 e situazione preoccupante per l’artigianato. E’ quanto emerge dalla rilevazione sulla natimortalità aziendale relativa al secondo trimestre 2014 in Basilicata, realizzata da Unioncamere-Infocamere attraverso il sistema Movimprese.

Il saldo positivo di 222 imprese, risultato della differenza tra le 780 iscrizioni e le 558 cessazioni registrate dal Registro Imprese delle Camere di commercio di Potenza e Matera nel secondo trimestre di quest’anno, si traduce in un +0,37% che è tra le percentuali più basse in Italia e la peggiore nell’ambito delle regioni del Sud. Da notare che l’analogo periodo 2013 si era chiuso con un tasso di crescita dello 0,58%. A livello territoriale, Potenza fa registrare un + 0,38% (saldo positivo di 145 imprese) e Matera un +0,36% (+77).

Performance lievemente positive anche per le cooperative, che fanno registrare un saldo positivo di 19 unità (+0,82%).

Note sempre dolenti, invece, per l’artigianato: 68 le perdite registrate nel secondo trimestre di quest’anno (risultato della differenza tra le 82 nuove iscrizioni e le 150 cessazioni), che si traduce in un -0,61% che è la peggior performance tra le regioni del Sud. Una evidenza che si riflette anche sulla classifica degli andamenti per province: Matera è al penultimo posto assoluto in Italia con un pesante -0,90% (peggio ha fatto solo Campobasso, -1,22%), mentre Potenza è nelle zone basse con un -0,47%.

«Crescere lentamente significa purtroppo non riuscire ancora a staccarsi da un terreno stagnante – dichiara il presidente di Unioncamere Basilicata, Pasquale Lamorte –. E’ un momento molto delicato per le nostre imprese e per l’artigianato in particolare, ma è sul sostegno e sull’incentivazione al fare impresa che si giocherà la sfida del prossimo futuro. Il sistema camerale, come sempre, è pronto ad offrire il suo contributo, nell’auspicio che la riforma della Pubblica Amministrazione non abbia ripercussioni nefaste sulle Camere di commercio, che in un recente sondaggio dell’Istituto Tagliacarne risultano gli Enti più apprezzati dalle imprese perché vicini ai loro bisogni».    

]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Excelsior: in attivo le occupazioni nel settore turismo in Basilicata tra aprile e giugno 2014 ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A155C21S20/Excelsior--in-attivo-le-occupazioni-nel-settore-turismo-in-Basilicata-tra-aprile-e-giugno-2014.htm Mon, 23 Jun 2014 12:06:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A155C21S20/Excelsior--in-attivo-le-occupazioni-nel-settore-turismo-in-Basilicata-tra-aprile-e-giugno-2014.htm Il turismo lucano segna performance positive in tema di occupazione. In vista della stagione estiva, sono stati 1.810 i contratti di lavoro stipulati in Basilicata a cuochi, camerieri, addetti all’accoglienza, all’informazione, ai servizi e all’assistenza alla clientela e ad altri profili. A fronte di 1.510 uscite, il saldo registra un attivo di 300 unità. Lo rivelano i programmi di assunzione delle imprese dell&rsq ]]> Il turismo lucano segna performance positive in tema di occupazione. In vista della stagione estiva, sono stati 1.810 i contratti di lavoro stipulati in Basilicata a cuochi, camerieri, addetti all’accoglienza, all’informazione, ai servizi e all’assistenza alla clientela e ad altri profili. A fronte di 1.510 uscite, il saldo registra un attivo di 300 unità. Lo rivelano i programmi di assunzione delle imprese dell’industria e dei servizi per il II trimestre 2014, monitorate dal Sistema informativo Excelsior di Unioncamere e Ministero del Lavoro.

Il segno “+” dovuto essenzialmente alla componente stagionale, conferma un consolidamento del comparto, in controtendenza rispetto ad altri settori in continuo declino da anni, come il manifatturiero. “Il turismo è uno dei punti di forza della nostra regione, come evidenziato dal Rapporto sull’economia lucana del 2013 - sottolinea il presidente di Unioncamere Basilicata, Pasquale Lamorte - e per questo, negli ultimi anni, l’azione del sistema camerale lucano a sostegno del settore è stato continuo. Sostegno messo oggi a rischio dal dimezzamento del diritto annuale previsto dal decreto di riforma della Pubblica Amministrazione  approvato dal Governo, il che significherebbe una drastica riduzione delle risorse che non ci consentirebbe di mettere in atto analoghi interventi in futuro”.

La concentrazione delle assunzioni previste nel settore terziario, e in particolare nei comparti direttamente o indirettamente legati al turismo, esalta la domanda di profili professionali destinati specificatamente a tali attività, quali cuochi, camerieri e simili, in vetta tra le 4 professioni che occupano saldamente le prime posizioni della graduatoria per numero di assunzioni previste. A seguire, si incontrano le entrate di personale non qualificato addetto principalmente ai servizi di pulizia e gli addetti all’accoglienza, informazione e assistenza alla clientela.

Il dato lucano, segmentato a livello territoriale, evidenzia un saldo di 180 assunzioni in provincia di Potenza (frutto del bilancio tra le 1.140 entrate e le 970 uscite) e un + 130 per quella di Matera (670 le entrate, 540 le uscite).

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ PRESENTATO RAPPORTO SULL'ECONOMIA LUCANA DEL 2013 ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A154C21S20/PRESENTATO-RAPPORTO-SULL-ECONOMIA-LUCANA-DEL-2013.htm Fri, 06 Jun 2014 14:06:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A154C21S20/PRESENTATO-RAPPORTO-SULL-ECONOMIA-LUCANA-DEL-2013.htm La Basilicata è in evidente stato di affanno ed in ritardo sia nei confronti del Mezzogiorno che dell'Italia. E' questo il quadro a tinte fosche che emerge dalla conferenza stampa di presentazione del Rapporto dell'economia lucana del 2013 presentato questa mattina a Potenza nell'ambito della 12^ Giornata dell'Economia.

Il calo del PIL regionale del 2013 (-3,2%) fa seguit ]]> La Basilicata è in evidente stato di affanno ed in ritardo sia nei confronti del Mezzogiorno che dell'Italia. E' questo il quadro a tinte fosche che emerge dalla conferenza stampa di presentazione del Rapporto dell'economia lucana del 2013 presentato questa mattina a Potenza nell'ambito della 12^ Giornata dell'Economia.

Il calo del PIL regionale del 2013 (-3,2%) fa seguito al -3,5% del 2012 e riporta i livelli a quelli della seconda metà degli anni ’90, evidenziando la fragilità strutturale del sistema produttivo lucano, poco attrezzato a resistere ad una dinamica negativa del ciclo così lunga e intensa. Complessivamente, dall’inizio della grande crisi (2008), la regione ha perso in termini di PIL il 13,6%. 5.000 i posti di lavoro persi lo scorso anno (dal 2008 ad oggi sono oltre 16.000), prevalentemente tra le fasce giovanili. A livello settoriale, il crollo dell'edilizia e dell'indotto si esplicita in un -8%, mentre nel settore commercio la crisi che attanaglia i piccoli ha colpito perfino la grande distribuzione organizzata.

In rosso anche l'export: al “netto” di auto ed energetici, il bilancio dell’ultimo anno risulta negativo con una flessione delle vendite che ha raggiunto il 6,8% (circa 26 milioni di euro in meno), annullando interamente il recupero registrato nell’anno precedente, quando l’export aveva messo a segno un +4,7%. In controtendenza la filiera agroalimentare, la cui incidenza sull’export complessivo è più che raddoppiata nell’ultimo quinquennio (dal 3,5 al 7,3%): nel 2013, in particolare, il comparto ha sfiorato i 74 milioni di euro di fatturato estero, quasi il 6% in più rispetto al 2012. L’altra positiva novità delle recenti dinamiche dell’interscambio commerciale con l’estero è costituita dalla ripresa delle vendite dell’industria del mobile imbottito, che ha interrotto un lungo trend negativo in atto dal 2004, segnando un incremento dell’11,8%.

Buone anche le performance del turismo, nel 2013: 67 mila presenze in più, (in assoluto le cifre sono di un milione e 950 mila unità, uno dei livelli più elevati dell’ultimo decennio), e un fermento interessante tutto da interpretare è legato alla demografia aziendale. A fronte del lavoro dipendente in progressivo e netto calo, la cosiddetta “voglia di impresa” sembra aver ripreso vigore, soprattutto tra i giovani e le donne, cui è ascrivibile gran parte dell’intero flusso aggiuntivo di nuove iscrizioni. La spinta a tentare l’avventura imprenditoriale viene, in molti casi, proprio dalle difficoltà di accesso al mercato del lavoro attraverso i tradizionali canali del lavoro dipendente; in altri termini, si utilizza l’imprenditorialità come strumento di autoimpiego, puntando sui settori caratterizzati da minori barriere all’entrata (commercio e servizi).

«Per ripartire occorre puntare su innovazione, internazionalizzazione e sviluppo del capitale umano, utilizzando al meglio le nuove risorse della programmazione europea e i fondi delle royalties, evitando dispersioni e sovrapposizioni – ha dichiarato il presidente di Unioncamere Basilicata, Pasquale Lamorte -. La nostra fotografia annuale può essere forse “scomoda” ma riflette una reale emergenza, all'interno della quale le Camere di Commercio si offrono come punto di riferimento più vicino ai bisogni delle Pmi, rispetto alle esigenze legate a sostegno, promozione, accesso al credito e strumenti per l'export. Concordiamo rispetto ad una riorganizzazione e ad una razionalizzazione del sistema camerale, in ottica di spending review, ma siamo totalmente contrari ad un processo di smantellamento che priverebbe le aziende di un supporto fondamentale in termini di funzioni, servizi e misure di accompagnamento alla crescita e allo sviluppo». 

]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ 2013, ALTRO ANNO NERO PER L'ECONOMIA LUCANA. PIL A -3.2%. SE NE PARLERA' ALLA GIORNATA DELL'ECONOMIA ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A153C21S20/2013--ALTRO-ANNO-NERO-PER-L-ECONOMIA-LUCANA--PIL-A--3-2---SE-NE-PARLERA--ALLA-GIORNATA-DELL-ECONOMIA.htm Wed, 28 May 2014 11:05:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A153C21S20/2013--ALTRO-ANNO-NERO-PER-L-ECONOMIA-LUCANA--PIL-A--3-2---SE-NE-PARLERA--ALLA-GIORNATA-DELL-ECONOMIA.htm Il 2013 è stato un altro anno particolarmente negativo per l’economia lucana, che ha subito l’ennesima marcata contrazione del prodotto e vede ancora lontane le prospettive di ripresa che, sia pure timidamente, iniziano a manifestarsi nell’economia nazionale.
 
Sulla base delle ultime stime diffuse da Prometeia, il PIL regionale del 2013 è diminuito del 3,2% in termini rea ]]> Il 2013 è stato un altro anno particolarmente negativo per l’economia lucana, che ha subito l’ennesima marcata contrazione del prodotto e vede ancora lontane le prospettive di ripresa che, sia pure timidamente, iniziano a manifestarsi nell’economia nazionale.
 
Sulla base delle ultime stime diffuse da Prometeia, il PIL regionale del 2013 è diminuito del 3,2% in termini reali, dopo aver ceduto il 3,5% nel 2012, portandosi sotto i livelli raggiunti nella seconda metà degli anni ’90. La caduta dell’attività economica è stata molto più pesante rispetto a quella registrata nell’intero Paese (-1,9%), riflettendo la maggiore fragilità strutturale del sistema produttivo lucano, meno attrezzato a resistere ad una dinamica negativa del ciclo così lunga e intensa. Complessivamente, dall’inizio della grande crisi, nel 2008, la regione ha perso in termini di PIL il 13,6%, mentre il Mezzogiorno e l’Italia, rispettivamente, il 12,3 e l’8,6%. 
 
Si parlerà dell’analisi dei dati riferiti a tutti i comparti produttivi, ma anche degli effetti che questa contrazione comporta, nel corso della conferenza stampa programmata a Potenza per il 6 giugno (ore 10.30, sala Consiglio della sede camerale di Via dell’Edilizia, nella zona industriale) in occasione della Giornata dell’Economia 2014.
 
«I dati evidenziano ancora una volta come sia determinante il brusco rallentamento del consumo interno a bloccare crescita, produttività e reddito – conferma il presidente di Unioncamere Basilicata, Pasquale Lamorte -. In un’Italia dagli scenari economici finalmente meno angusti rispetto agli anni passati, c’è un Mezzogiorno che, evidentemente, non riesce ancora a tirarsi fuori dalle secche e una Basilicata che vede arretrare il suo Pil e rimanda le speranze  di “ripresina” almeno al 2015».
 
]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Turismo 2013, dati confortanti per la Basilicata ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A152C21S20/Turismo-2013--dati-confortanti-per-la-Basilicata.htm Thu, 03 Apr 2014 12:04:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A152C21S20/Turismo-2013--dati-confortanti-per-la-Basilicata.htm Nel contesto di performance negative del turismo italiano, la Basilicata si è mossa incontro-tendenza, evidenziando una significativa ripresa dei flussi turistici che, nel 2012, avevano subito un certo rallentamento. In dettaglio, le presenze nelle strutture ricettive della regione hanno messo a segno, lo scorso anno, un incremento del 3,6%: circa 67 mila in più, che compensano buona parte delle “perdite” registrat ]]> Nel contesto di performance negative del turismo italiano, la Basilicata si è mossa incontro-tendenza, evidenziando una significativa ripresa dei flussi turistici che, nel 2012, avevano subito un certo rallentamento. In dettaglio, le presenze nelle strutture ricettive della regione hanno messo a segno, lo scorso anno, un incremento del 3,6%: circa 67 mila in più, che compensano buona parte delle “perdite” registrate nei dodici mesi precedenti, quando i pernottamenti erano diminuiti di quasi 82 mila unità (-4,2%). In termini assoluti, le presenze hanno sfiorato il milione e 950 mila unità, uno dei livelli più elevati dell’ultimo decennio.

E’ quanto evidenzia il Rapporto elaborato dal Centro Studi Unioncamere Basilicata sul turismo nel 2013, specificando che gli arrivi hanno mantenuto, per il sesto anno consecutivo, un trend di crescita (+2,9%), raggiungendo le 533 mila unità, nuovo massimo storico. «Si consolida la capacità attrattiva della regione sul mercato turistico – dichiara il presidente di Unioncamere Basilicata, Pasquale Lamorte -, sebbene ciò non si traduca sempre in un’adeguata capacità di trattenere i visitatori, anche a causa della minore capacità di spesa delle famiglie e al conseguente taglio dei consumi turistici, che viene operato non soltanto rinunciando del tutto alla vacanza, ma anche optando per vacanze più brevi e, quindi, più economiche».

In crescita tutti i segmenti territoriali: da quello domestico (campano e pugliese) a quello italiano, aumentato del 2,5% (oltre 43 mila unità in più), dopo la pesante battuta d’arresto accusata nel 2012 (-4,2%). Ancora più pronunciata la crescita delle presenze straniere (+16,3%, per 24 mila unità in più), che interrompe un lungo trend negativo in atto dal 2008. Tale crescita è stata ampiamente determinata dalla capacità attrattiva della città di Matera, dove il turismo internazionale è in forte sviluppo da diversi anni e, nel 2013, ha superato le 70 mila presenze e i 40 mila arrivi: rispettivamente, il 41 e il 57% del totale regionale. Per contro, la domanda estera stenta a risollevarsi nelle aree balneari, facendo registrare, anzi, i minimi storici. Ha continuato ad arretrare anche il mercato interno: i lucani che hanno deciso di trascorrere le vacanze in regione, lo scorso anno, sono diminuiti di quasi 2 mila unità rispetto al 2012, mentre il numero di pernottamenti effettuati ha subito un decremento del 4,6%. Rispetto alle tipologie ricettive, positivo il bilancio per il comparto alberghiero, villaggi e b&b. In difficoltà gli agriturismi, per il terzo anno consecutivo. Resta bassa la destagionalizzazione dei flussi. A livello territoriale, Matera si conferma la destinazione più attrattiva. Recupera il Metapontino, rallenta Maratea. Male il Pollino.

 

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Premio per giovani innovatori d'impresa da Unioncamere nazionale. In palio premi fino a 38.000 euro ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A151C21S20/Premio-per-giovani-innovatori-d-impresa-da-Unioncamere-nazionale--In-palio-premi-fino-a-38-000-euro.htm Tue, 01 Apr 2014 13:04:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A151C21S20/Premio-per-giovani-innovatori-d-impresa-da-Unioncamere-nazionale--In-palio-premi-fino-a-38-000-euro.htm Unioncamere nazionale ha lanciato un Bando per la raccolta delle candidature al Premio Unioncamere "Giovani innovatori d'impresa". Possono candidarsi al riconoscimento le imprese di tutti i settori economici (anche non profit, associazioni e fondazioni) iscritte al Registro delle Imprese o presenti nel REA (Repertorio Economico Amministrativo) e presenti sul web con un sito internet e/o su social network. Per ]]> Unioncamere nazionale ha lanciato un Bando per la raccolta delle candidature al Premio Unioncamere "Giovani innovatori d'impresa". Possono candidarsi al riconoscimento le imprese di tutti i settori economici (anche non profit, associazioni e fondazioni) iscritte al Registro delle Imprese o presenti nel REA (Repertorio Economico Amministrativo) e presenti sul web con un sito internet e/o su social network. Per partecipare è necessario presentare la propria candidatura tramite il sito internet www.innovatoridimpresa.it entro il 4 maggio 2014.

Tre i riconoscimenti previsti: Premio “Impresa ecosistema di innovazione”, destinato alla migliore innovazione nei servizi alle imprese e alla persona; Premio “New Made in Italy” riservato alla migliore applicazione di nuove tecnologie, processi, strumenti o all’applicazione dei risultati della ricerca ai settori del Made in Italy; Premio “Impresa “connettiva” per la migliore innovazione d’impresa nella logistica, nei servizi di comunicazione, negli spazi e strumenti di collaborazione tra imprese (sia fisici che virtuali).

Le tre imprese che, al termine della valutazione, risulteranno vincitrici dei rispettivi Premi, beneficeranno di un cofinanziamento per la copertura dei costi necessari a garantire la collaborazione per un anno di uno o più professionisti esperti in una delle aree tematiche (competizione, strategia e crescita d'impresa; processi produttivi; strategie di marketing, commerciali e strategie digitali; bilancio e finanza d'impresa; gestione del personale; mentorship, coaching e sviluppo personale) al fine di implementare i contenuti dell'innovazione premiata. Il cofinanziamento riguarda la copertura del 70% dei costi relativi alla collaborazione professionale riconosciuta ad ogni singola impresa premiata, fino a un valore massimo di 38mila euro per ciascuna impresa.

«Il sistema camerale si rivela ancora una volta vicino al mondo delle imprese più innovative, così strategiche per il rilancio del Paese – commenta il presidente di Unioncamere Basilicata, Pasquale Lamorte –. L’auspicio è che tutto il movimento che ruota intorno al mondo startup, in Basilicata, possa cogliere questa opportunità».

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Startcup Basilicata, si va verso la finale ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A149C21S20/Startcup-Basilicata--si-va-verso-la-finale.htm Sat, 29 Mar 2014 08:03:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A149C21S20/Startcup-Basilicata--si-va-verso-la-finale.htm Sono dieci i finalisti della Startcup Basilicata, che si contenderanno il podio del Techgarage (la finalissima) il 10 aprile alla Casacava di Matera, di fronte ad una giuria composta dagli organizzatori dell'evento, da giornalisti e da seed e venture capital.

La serata sarà presentata dalla dj Laura Gramuglia e vedrà la presenza di alcuni ospiti del mondo imprenditoriale, al microfono di Gianluca Dettori di dpix ]]> Sono dieci i finalisti della Startcup Basilicata, che si contenderanno il podio del Techgarage (la finalissima) il 10 aprile alla Casacava di Matera, di fronte ad una giuria composta dagli organizzatori dell'evento, da giornalisti e da seed e venture capital.

La serata sarà presentata dalla dj Laura Gramuglia e vedrà la presenza di alcuni ospiti del mondo imprenditoriale, al microfono di Gianluca Dettori di dpixel.

 

Ecco i 10 finalisti:

 Cliccaenergia

Sekhmed

Dizionario dei Rifiuti

Cibiamoci

M.I.T.I.CA

PErsonal Shopping Network

FOOLISH

Gonnadisco

Slowfunding

Agrimondo

]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ NEL 2013 LA BASILICATA E' UNA DELLE REGIONI ITALIANE A PIU' ALTA INCIDENZA DI PMI AL FEMMINILE ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A148C21S20/NEL-2013-LA-BASILICATA-E--UNA-DELLE-REGIONI-ITALIANE-A-PIU--ALTA-INCIDENZA-DI-PMI-AL-FEMMINILE.htm Wed, 12 Mar 2014 12:03:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A148C21S20/NEL-2013-LA-BASILICATA-E--UNA-DELLE-REGIONI-ITALIANE-A-PIU--ALTA-INCIDENZA-DI-PMI-AL-FEMMINILE.htm Con 16.665 imprese sulle oltre 60.000 esistenti, la Basilicata è una delle regioni in cui l’incidenza della componente imprenditoriale femminile è stata maggiore, nel 2013. E tuttavia, l’altro lato della medaglia è rappresentato dalla crisi, che nonostante il fermento in crescita negli ultimi anni, ha rallentato la galoppata delle imprese al femminile, tagliandone via ben 205, in Basilicata, nel 2013, con un ]]> Con 16.665 imprese sulle oltre 60.000 esistenti, la Basilicata è una delle regioni in cui l’incidenza della componente imprenditoriale femminile è stata maggiore, nel 2013. E tuttavia, l’altro lato della medaglia è rappresentato dalla crisi, che nonostante il fermento in crescita negli ultimi anni, ha rallentato la galoppata delle imprese al femminile, tagliandone via ben 205, in Basilicata, nel 2013, con un tasso pari al -1,21%. Su scala provinciale, Potenza ha perso 133 imprese, Matera 72.

Lo rivela l’Osservatorio di Unioncamere sull’imprenditoria femminile, che traccia un identikit ben preciso: nel fare impresa, le donne in Italia mostrano un’alta dose di concretezza, avendo scelto nel tempo ambiti che, per tradizione ma anche perché probabilmente si avvicinano di più alla loro sensibilità, meglio si adattano all’universo “rosa”: il commercio, l’agricoltura e il turismo, quindi, sono i settori in cui l’impresa femminile è più numerosa. Sono però le altre attività di servizi, e, al loro interno, in particolare, i servizi alla persona e la sanità, i comparti in cui la componente femminile ha un peso percentuale più consistente, arrivando a sfiorare il 50% nel primo caso, superano il 40% nel secondo. A seguire, le attività di alloggio e ristorazione e l’istruzione, nei quali una impresa su 3 è a guida femminile.

«La galassia delle imprenditrici lucane ha margini di crescita notevoli e potenzialità ancora tutte da scoprire – sottolinea il presidente di Unioncamere Basilicata, Pasquale Lamorte -. Un punto di ascolto, di erogazione di informazioni e di prima consulenza è rappresentato dai Comitati per l’imprenditoria femminile, attestati presso le Camere di commercio e fortemente impegnati, in questi mesi, nella sensibilizzazione del tessuto produttivo circa le opportunità previste dall’erogazione agevolata di microcredito della Sezione Speciale Presidenza del Consiglio dei Ministri del Fondo di Garanzia per le PMI espressamente dedicato alle donne, operativa dallo scorso 14 gennaio».

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ INFLAZIONE IN DISCESA IN BASILICATA NELLA SECONDA META' DEL 2013, MA NON C'E' ANCORA UNA RIPRESA DEI CONSUMI ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A147C21S20/INFLAZIONE-IN-DISCESA-IN-BASILICATA-NELLA-SECONDA-META--DEL-2013--MA-NON-C-E--ANCORA-UNA-RIPRESA-DEI-CONSUMI.htm Fri, 28 Feb 2014 12:02:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A147C21S20/INFLAZIONE-IN-DISCESA-IN-BASILICATA-NELLA-SECONDA-META--DEL-2013--MA-NON-C-E--ANCORA-UNA-RIPRESA-DEI-CONSUMI.htm Nel corso della seconda metà del 2013, l’inflazione ha consolidato il percorso di rallentamento in atto dalla fine del 2012. La variazione tendenziale dell’intero paniere dei prezzi al consumo, a livello nazionale, si è confermato al di sotto del punto percentuale (0,7%), grazie alla dinamica negativa della componente energetica, per effetto della riduzione del prezzo alla pompa dei carburanti e delle tariffe dell& ]]> Nel corso della seconda metà del 2013, l’inflazione ha consolidato il percorso di rallentamento in atto dalla fine del 2012. La variazione tendenziale dell’intero paniere dei prezzi al consumo, a livello nazionale, si è confermato al di sotto del punto percentuale (0,7%), grazie alla dinamica negativa della componente energetica, per effetto della riduzione del prezzo alla pompa dei carburanti e delle tariffe dell’energia elettrica e del gas naturale. La decelerazione della dinamica inflattiva è risultata ancora più accentuata in Basilicata, dove l’indice generale dei prezzi si è attestato, alla fine dello scorso anno, al +0,5%.

E’ quanto emerge dalla Rilevazione sull’inflazione in Basilicata nel secondo semestre 2013, effettuata dal Centro Studi Unioncamere Basilicata per l’Osservatorio Regionale Prezzi & Tariffe.

«La flessione dell’inflazione sta restituendo potere d’acquisto alle famiglie ma ancora non vi è traccia di un’inversione del trend negativo dei consumi, che è il segnale di svolta più atteso – commenta il presidente di Unioncamere Basilicata, Pasquale Lamorte -. Il dato è frutto di un clima di incertezza generale che non invita ancora alla fiducia, ma anche delle “tensioni” che si registrano sul versante delle tariffe pubbliche, soprattutto per quanto riguarda i corrispettivi dei servizi pubblici locali».

I maggiori rincari, a livello regionale, si registrano infatti nel comparto delle tariffe pubbliche locali (il passaggio dalla TARSU alla TARES si è tradotto in un maggior costo per le utenze di circa il 16%) e nei servizi di ristorazione (a fine anno, gli incrementi tendenziali dei prezzi di un pasto al ristorante/pizzeria sono compresi tra il 5 e l’8%). Per contro, assai contenuta è l’inflazione alimentare (+0,4% a dicembre), il cui andamento si conferma più virtuoso rispetto al corrispondente dato nazionale (+1,8%). Secondo le previsioni del Centro Studi Unioncamere Basilicata, anche nel 2014 l’inflazione rimarrà contenuta, complice la debole domanda di consumi e la prospettiva di un andamento ancora calante delle quotazioni delle materie prime, energetiche e non.

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ STARTCUP BASILICATA: 33 TEAM ACCEDONO ALLA SECONDA FASE. LUNEDI' CONFERENZA STAMPA UNIONCAMERE BASILICATA E BASILICATA INNOVAZIONE ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A146C21S20/STARTCUP-BASILICATA--33-TEAM-ACCEDONO-ALLA-SECONDA-FASE--LUNEDI--CONFERENZA-STAMPA-UNIONCAMERE-BASILICATA-E-BASILICATA-INNOVAZIONE.htm Fri, 28 Feb 2014 12:02:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A146C21S20/STARTCUP-BASILICATA--33-TEAM-ACCEDONO-ALLA-SECONDA-FASE--LUNEDI--CONFERENZA-STAMPA-UNIONCAMERE-BASILICATA-E-BASILICATA-INNOVAZIONE.htm Sarà con una conferenza stampa, in programma lunedì 3 marzo alle ore 11, nella sede di Potenza di Unioncamere Basilicata (in Corso 18 Agosto), che saranno comunicate le 33 idee d’impresa (16 presentate in provincia di Potenza e 17 in quella di Matera) selezionate durante lo Scouting Tour, prima fase della business plan competition Start Cup Basilicata, c ]]> Sarà con una conferenza stampa, in programma lunedì 3 marzo alle ore 11, nella sede di Potenza di Unioncamere Basilicata (in Corso 18 Agosto), che saranno comunicate le 33 idee d’impresa (16 presentate in provincia di Potenza e 17 in quella di Matera) selezionate durante lo Scouting Tour, prima fase della business plan competition Start Cup Basilicata, concluso la scorsa settimana.

I team avranno accesso al “livello” successivo: una tre giornate di formazione base, denominata TechMeeting, in programma dal 5 al 7 marzo presso il Cecilia - Centro per la Creatività a Tito.

Attraverso lo Scouting Tour, che ha visto in azione il team tecnico di selezione in sei città della Basilicata (Potenza, Melfi, Lauria, Matera, Sant’Arcangelo e Policoro) sono state raccolte 70 idee d’impresa: dal settore web e ICT al turismo 2.0; dalla digitalizzazione delle procedure alla dematerializzazione dei documenti cartacei; dall’energia al social marketing all’e-commerce; dagli open data alle smartcity.

Alla conferenza stampa, in cui sarà reso pubblico il programma delle giornate di TechMeeting, parteciperanno Pasquale Lamorte, presidente Unioncamere Basilicata, Andrea Trevisi, direttore di Basilicata Innovazione, Michele Petrone, coordinatore delle attività di Bi Cube, l’incubatore di Basilicata Innovazione.

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ SRL SEMPLIFICATE: RISULTATI SODDISFACENTI IN BASILICATA PER GLI UNDER 35 ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A145C21S20/SRL-SEMPLIFICATE--RISULTATI-SODDISFACENTI-IN-BASILICATA-PER-GLI-UNDER-35.htm Mon, 24 Feb 2014 12:02:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A145C21S20/SRL-SEMPLIFICATE--RISULTATI-SODDISFACENTI-IN-BASILICATA-PER-GLI-UNDER-35.htm Le Srl semplificate iniziano a farsi strada anche in Basilicata. Nel 2013 ne sono state aperte 236, 126 delle quali sono state avviate da under 35, con un’incidenza del 53,4% del totale. Una percentuale che sale al 57,7% se allarghiamo lo sguardo alla stessa tipologia di imprese registrate al 31 dicembre del 2013. In questo caso le srl semplificate sono 154 (su un totale di 267) e la percentuale è praticamente in linea con il d ]]> Le Srl semplificate iniziano a farsi strada anche in Basilicata. Nel 2013 ne sono state aperte 236, 126 delle quali sono state avviate da under 35, con un’incidenza del 53,4% del totale. Una percentuale che sale al 57,7% se allarghiamo lo sguardo alla stessa tipologia di imprese registrate al 31 dicembre del 2013. In questo caso le srl semplificate sono 154 (su un totale di 267) e la percentuale è praticamente in linea con il dato nazionale.

«E’ il segnale che le semplificazioni messe in campo dal provvedimento che ha tenuto a battesimo le cosiddette “Srl a un euro” iniziano a dare i propri frutti, aiutando i giovani lucani nel loro sogno di fare gli imprenditori», commenta il presidente di Unioncamere Basilicata, Pasquale Lamorte.

In virtù della norma divenuta pienamente operativa dal 29 agosto 2012, gli under 35 hanno la possibilità di costituire un’impresa con un capitale sociale inferiore ai 10.000 euro e senza pagare le spese notarili, i diritti di segreteria dovuti alla Camera di commercio e l’imposta di bollo. Una bella spinta, che motiva e agevola chi ha intenzione di mettersi in proprio. Dopo aver letto il mercato e i dati statistici diffusi dal sistema camerale, rispetto alle quote di lavoro dipendente che si sono praticamente dimezzate nel corso degli ultimi quattro anni, questa soluzione si rivelerà sempre più una necessità.

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Rapporti semestrali sull'andamento dell'inflazione al consumo ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A106C92S88/Rapporti-semestrali-sull-andamento-dell-inflazione-al-consumo.htm Tue, 30 Apr 2013 14:04:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A106C92S88/Rapporti-semestrali-sull-andamento-dell-inflazione-al-consumo.htm unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata ) <![CDATA[ Rapporti monografici su inflazione e tariffe ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A105C92S88/Rapporti-monografici-su-inflazione-e-tariffe.htm Tue, 30 Apr 2013 14:04:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A105C92S88/Rapporti-monografici-su-inflazione-e-tariffe.htm unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata ) <![CDATA[ EXCELSIOR: OCCUPAZIONE IN CALO ANCHE NEL PRIMO TRIMESTRE 2014 IN BASILICATA ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A144C21S20/EXCELSIOR--OCCUPAZIONE-IN-CALO-ANCHE-NEL-PRIMO-TRIMESTRE-2014-IN-BASILICATA.htm Mon, 17 Feb 2014 12:02:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A144C21S20/EXCELSIOR--OCCUPAZIONE-IN-CALO-ANCHE-NEL-PRIMO-TRIMESTRE-2014-IN-BASILICATA.htm Proseguendo la tendenza negativa che ha caratterizzato il 2013, nei primi mesi del 2014 è prevista una ulteriore riduzione dell'occupazione in Basilicata. Il saldo occupazionale atteso è pari infatti a -310 unità, sintesi tra 1.390 "entrate" di lavoratori (sia subordinati che autonomi) e 1.690 "uscite" dovute a scadenza di contratti, pensionamento o altri motivi. La c ]]> Proseguendo la tendenza negativa che ha caratterizzato il 2013, nei primi mesi del 2014 è prevista una ulteriore riduzione dell'occupazione in Basilicata. Il saldo occupazionale atteso è pari infatti a -310 unità, sintesi tra 1.390 "entrate" di lavoratori (sia subordinati che autonomi) e 1.690 "uscite" dovute a scadenza di contratti, pensionamento o altri motivi. La componente penalizzata è quella del lavoro dipendente, per la quale si prevedono, nell'arco del trimestre, 930 assunzioni e 1.500 uscite, vale a dire 570 posizioni di lavoro in meno. I contratti attivati nel primo trimestre dell'anno dovrebbero essere circa il 35% in meno rispetto ai 2.130 dello stesso trimestre dell'anno precedente; due terzi riguarderanno assunzioni dirette di lavoratori dipendenti e un terzo contratti atipici. Tra questi ultimi dovrebbero prevalere i contratti di collaborazione a progetto.

E’ quanto si evince da Excelsior Informa, il bollettino del sistema camerale (relativo al primo trimestre 2014) che analizza il fabbisogno delle aziende, incrocia i dati Unioncamere - Ministero del Lavoro e rivela la mappa dell’incrocio tra domanda e offerta di lavoro sui territori.

Le assunzioni si concentreranno per il 55% nel settore dell'industria (comprese le costruzioni) e per il 72% nelle imprese con meno di 50 dipendenti; nel 69% dei casi saranno rivolte a candidati in possesso di un'esperienza lavorativa nella professione o almeno nello stesso settore; per una quota pari al 22% interesseranno giovani con meno di 30 anni. Dal punto di vista territoriale, considerando sempre sia il lavoro dipendente che quello atipico, è la provincia di Potenza a registrare l'andamento occupazionale più sfavorevole, con un saldo entrate uscite pari a -250 unità, contro le -50 di Matera.

Nel 1° trimestre 2014 le imprese lucane dovrebbero assumere circa 120 lavoratori di alto profilo, ossia dirigenti, specialisti e tecnici (il 13% delle assunzioni totali programmate nella regione, contro il 21% della media nazionale). Le 5 professioni più richieste riguardano gli operai specializzati nell'edilizia, i conduttori di mezzi di trasporto, gli operai metalmeccanici ed elettromeccanici (molto richiesti ma non facilmente reperibili), cuochi e camerieri.

«Incrociando il dato quantitativo con quello qualitativo, la situazione permane estremamente preoccupante - commenta il presidente di Unioncamere Basilicata, Pasquale Lamorte –. E’ il segnale di un’economia che non ha ancora agganciato l’auspicata ripresa. Stante la costante diminuzione di lavoro dipendente, va rilanciata l’azione a sostegno dell’autoimpresa, soprattutto nei settori a più alto tasso di innovazione e di internazionalizzazione». 

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ PMI IN ROSA: FONDI DA ACCESSO AL CREDITO AGEVOLATO. E LO STATO FA DA GARANTE ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A143C21S20/PMI-IN-ROSA--FONDI-DA-ACCESSO-AL-CREDITO-AGEVOLATO--E-LO-STATO-FA-DA-GARANTE.htm Fri, 24 Jan 2014 13:01:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A143C21S20/PMI-IN-ROSA--FONDI-DA-ACCESSO-AL-CREDITO-AGEVOLATO--E-LO-STATO-FA-DA-GARANTE.htm Le imprese “in rosa” della Basilicata hanno appena superato l’anno più duro dall’inizio della crisi, registrando l’ennesimo saldo negativo (-239 unità a fine settembre rispetto al 2012). Il segno meno è una costante: dal 2008 ad oggi le banche dati camerali lucane hanno registrato oltre 850 Pmi scomparse.

Dal 14 gennaio scorso, a sostegno delle imprenditrici che resistono e hanno ]]> Le imprese “in rosa” della Basilicata hanno appena superato l’anno più duro dall’inizio della crisi, registrando l’ennesimo saldo negativo (-239 unità a fine settembre rispetto al 2012). Il segno meno è una costante: dal 2008 ad oggi le banche dati camerali lucane hanno registrato oltre 850 Pmi scomparse.

Dal 14 gennaio scorso, a sostegno delle imprenditrici che resistono e hanno intenzione di rilanciare le proprie ambizioni nel 2014, è operativa una Sezione Speciale Presidenza del Consiglio dei Ministri (Dipartimento per le Pari Opportunità) del Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese. In pista, fino a 300 milioni di credito garantito agevolato grazie a una dote complessiva di 20 milioni, 10 dei quali messi a disposizione dal Ministero dello Sviluppo Economico e 10 dal Dipartimento per le pari opportunità.

Possono accedervi tutte le micro, piccole e medie imprese “in rosa”, e nello specifico: società cooperative o società di persone costituite in misura non inferiore al 60% da donne; società di capitali le cui quote di partecipazione spettano in misura non inferiore ai due terzi a donne e i cui organi di amministrazione siano costituiti per almeno i due terzi da donne; imprese individuali gestite da donne. Metà degli interventi sarà destinata alle start up (imprese costituite o avviate non oltre tre anni prima della richiesta). In questo caso dovrà essere compilato un modello di valutazione specifico e allegato un apposito business plan.

«Grazie al nuovo strumento – commenta il presidente di Unioncamere Basilicata, Pasquale Lamorte - le imprenditrici potranno accedere direttamente al Fondo di Garanzia con modalità semplificate e presentarsi alle banche o ai confidi con la prenotazione della garanzia dello Stato, che si assume una parte del rischio del prestito che l'intermediario concede, facilitando il finanziamento».

Per prenotare la garanzia, l'impresa dovrà inviare l'apposito modulo al Gestore tramite raccomandata A/R o fax (0647915005) o posta elettronica certificata (bdm-mcc@postacertificata.mcc.it). Ottenuta la delibera di approvazione del Comitato di gestione del Fondo, l'impresa può recarsi presso un intermediario finanziario (banca, società di leasing o confidi) che dovrà presentare richiesta di conferma della garanzia entro tre mesi dalla data di delibera del Comitato. 

Ulteriori informazioni sono reperibili sul sito www.imprenditoriafemminile.camcom.it/ o presso i Comitati per l’Imprenditorialità Femminile attestati presso le due Camere di commercio di Potenza e Matera.

]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ NATIMORTALITA' AZIENDALE: NEL 2013 DATO NEGATIVO PER LA BASILICATA ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A142C21S20/NATIMORTALITA--AZIENDALE--NEL-2013-DATO-NEGATIVO-PER-LA-BASILICATA-.htm Wed, 22 Jan 2014 12:01:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A142C21S20/NATIMORTALITA--AZIENDALE--NEL-2013-DATO-NEGATIVO-PER-LA-BASILICATA-.htm Il 2013 si conferma un altro anno di grande difficoltà per l’economia della Basilicata, l’unica regione del Sud a marciare in territorio negativo rispetto al saldo demografico aziendale. Lo si apprende dai dati diffusi da Unioncamere ed elaborati sulla base di Movimprese, la rilevazione statistica condotta da Infocamere, la società che gestisce il patrimonio informativo delle Camere di commercio italiane.

]]> Il 2013 si conferma un altro anno di grande difficoltà per l’economia della Basilicata, l’unica regione del Sud a marciare in territorio negativo rispetto al saldo demografico aziendale. Lo si apprende dai dati diffusi da Unioncamere ed elaborati sulla base di Movimprese, la rilevazione statistica condotta da Infocamere, la società che gestisce il patrimonio informativo delle Camere di commercio italiane.

A fronte delle 3.267 nuove iscrizioni al Registro Imprese delle Camere di Commercio di Potenza e Matera, le cessazioni sono state infatti 3.444, con un saldo demografico ancora in negativo: -177. In percentuale, il dato si traduce in un -0,29%, peggiorativo rispetto al -0,15% del 2012 e ancora molto lontano dalla media del Mezzogiorno, che ha fatto registrare nell’anno appena trascorso un tasso di crescita dello 0,31%. A livello territoriale, Matera ha fatto registrare 1.129 nuove imprese nel 2013, a fronte delle 1.177 cessate (-48, con una percentuale del -0,22% rispetto al 2012). Peggiore la performance del Potentino, con 2.138 nuove iscrizioni e 2.267 cessazioni, pari ad un saldo di -129 unità e una percentuale del -0,33%.

«Il dato negativo conferma la perdurante difficoltà del nostro sistema produttivo di agganciare la ripresa – commenta il presidente di Unioncamere Basilicata, Pasquale Lamorte – e che è davvero difficile poter crescere senza un mercato interno in grado di sostenere consumi e occupazione. Ancora una volta la sfida si giocherà sulla capacità di “fare rete” tra istituzioni e tra istituzioni e imprese, per poter far fronte comune e guardare a mercati più ampi e redditizi per i nostri imprenditori. Il sistema camerale farà di tutto per alimentare questa spinta, sostenendo i processi di internazionalizzazione ma anche quel fermento legato all’auto-imprenditorialità che è sinonimo di coraggio e di voglia di non arrendersi».

Il dato sull’artigianato fa segnare un rallentamento rispetto alla caduta verticale ormai in atto da anni: 538 le nuove aperture, 748 le cessazioni, per un -210 che fa segnare un -1,81% migliorativo rispetto al -2,03% del 2012. Qui la dicotomia territoriale è evidente: Potenza fa segnare un -1,42%, Matera un pesante -2,61%.

L’unico dato positivo del 2013 è dato dalle imprese cooperative: +61 il saldo demografico, con un +2,62% rispetto all’anno precedente che posiziona la Basilicata tra le regioni più performanti del Mezzogiorno in questo settore.

]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ UNIONCAMERE BASILICATA E REGIONE AL VINITALY. ONLINE CIRCOLARE INFORMATIVA E SCHEDA DI ADESIONE ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A141C21S20/UNIONCAMERE-BASILICATA-E-REGIONE-AL-VINITALY--ONLINE-CIRCOLARE-INFORMATIVA-E-SCHEDA-DI-ADESIONE.htm Fri, 17 Jan 2014 13:01:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A141C21S20/UNIONCAMERE-BASILICATA-E-REGIONE-AL-VINITALY--ONLINE-CIRCOLARE-INFORMATIVA-E-SCHEDA-DI-ADESIONE.htm Unioncamere e Regione Basilicata propongono, alle aziende regionali del settore vitivinicolo, la partecipazione in forma collettiva alla fiera Vinitaly 2014 che si terrà a Verona dal 6 al 9 aprile p.v.
Lo spa ]]>
Unioncamere e Regione Basilicata propongono, alle aziende regionali del settore vitivinicolo, la partecipazione in forma collettiva alla fiera Vinitaly 2014 che si terrà a Verona dal 6 al 9 aprile p.v.
Lo spazio fieristico riservato alla Basilicata è, come di consueto, posizionato nel padiglione 8 (ex 7B), ha una superficie complessiva di mq. 360 e può ospitare n. 28 aziende.

 

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ HORIZON 2020, INFODAY A BRUXELLES IL 24 GENNAIO ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A140C21S20/HORIZON-2020--INFODAY-A-BRUXELLES-IL-24-GENNAIO.htm Thu, 09 Jan 2014 11:01:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A140C21S20/HORIZON-2020--INFODAY-A-BRUXELLES-IL-24-GENNAIO.htm Siete  interessati a capire come l'UE possa aiutare gli imprenditori ICT e le PMI innovative nell'ambito di Orizzonte 2020?  

Venite a scoprire come gli strumenti Open Disruptive Innovation & Innovation and Entrepreneurship Support,  inseriti  nel programma di lavoro Orizzonte 2020 - opereranno.L’Info day su Open Disruptive Innovation & Innov ]]> Siete  interessati a capire come l'UE possa aiutare gli imprenditori ICT e le PMI innovative nell'ambito di Orizzonte 2020?  

Venite a scoprire come gli strumenti Open Disruptive Innovation & Innovation and Entrepreneurship Support,  inseriti  nel programma di lavoro Orizzonte 2020 - opereranno.L’Info day su Open Disruptive Innovation & Innovation and Entrepreneurship Support in the Horizon 2020 Work Programme avrà luogo a Bruxelles in data 24/01/2014, presso il Centro Albert Borschette, Rue Froissart 36, room AB - 2D.

L'evento presenterà le due call, darà ai partecipanti la possibilità di porre domande e ci sarà la possibilità di fare networking. Ci sarà anche una sessione specifica che spiega gli elementi di una buona proposta. Per maggiori informazioni: http://ec.europa.eu/digital-agenda/en/news/info-day-open-disruptive-innovation-innovation-and-entrepreneurship-support-horizon-2020-work;

 

]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ APERTE LE ISCRIZIONI AL CONCORSO ERCOLE OLIVARIO. SCADENZA DOMANDE 18 GENNAIO ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A139C21S20/APERTE-LE-ISCRIZIONI-AL-CONCORSO-ERCOLE-OLIVARIO--SCADENZA-DOMANDE-18-GENNAIO.htm Mon, 23 Dec 2013 10:12:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A139C21S20/APERTE-LE-ISCRIZIONI-AL-CONCORSO-ERCOLE-OLIVARIO--SCADENZA-DOMANDE-18-GENNAIO.htm Sono aperte le iscrizioni alla  XXII edizione del ConcorsoPremio Nazionale Ercole Olivario 2014 che si svolgerà , come di consueto, in Umbria dal 23 al 29 marzo 2014.

Le aziende olearie lucane che sono interessate all’iniziativa  e che nell’annata 2013/2014 hanno prodotto un quantitativo minimo d 20 hl di olio possono inviare la domanda di partecipazione per olio DOP/IGP o per olio EXTRAVERGINE ad Uni ]]> Sono aperte le iscrizioni alla  XXII edizione del ConcorsoPremio Nazionale Ercole Olivario 2014 che si svolgerà , come di consueto, in Umbria dal 23 al 29 marzo 2014.

Le aziende olearie lucane che sono interessate all’iniziativa  e che nell’annata 2013/2014 hanno prodotto un quantitativo minimo d 20 hl di olio possono inviare la domanda di partecipazione per olio DOP/IGP o per olio EXTRAVERGINE ad Unioncamere Basilicata, via Fax (0971/27980) o mail (marialuisa.verrastro@bas.camcom.it), entro il 18 gennaio 2014.

Si può partecipare al Concorso unicamente per una categoria (DOP/IGP o EXTRA).

Possono partecipare:

a)      Olivicoltori produttori di olio in proprio;

b)      Frantoi le cui olive provengano dal territorio in cui è sita la struttura;

c)      Oleifici cooperativi e organizzazioni di produttori, quali consorzi, cooperative e reti d’impresa come definite all’art.3 del decreto legge 10 febbraio 2009, n.5, convertito con modifiche in legge 9 aprile 2009 n.33;

d)      Soggetti sottoposti al sistema dei controlli, detentori, nella relativa zona d’origine, di prodotto pronto per l’immissione al consumo, con certificazione a denominazione d’origine.

Le aziende partecipanti dovranno essere regolarmente iscritte al Registro delle imprese della Camera di Commercio competente per territorio ed essere in regola con il pagamento del diritto annuale.

]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ RALLENTA LA CADUTA DELL'INDUTRIA NEL iii TRIMESTRE 2013. MERCATO DEL LAVORO E ACCESSO AL CREDITO, CONTINUANO LE SOFFERENZE ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A138C21S20/RALLENTA-LA-CADUTA-DELL-INDUTRIA-NEL-iii-TRIMESTRE-2013--MERCATO-DEL-LAVORO-E-ACCESSO-AL-CREDITO--CONTINUANO-LE-SOFFERENZE.htm Thu, 19 Dec 2013 11:12:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A138C21S20/RALLENTA-LA-CADUTA-DELL-INDUTRIA-NEL-iii-TRIMESTRE-2013--MERCATO-DEL-LAVORO-E-ACCESSO-AL-CREDITO--CONTINUANO-LE-SOFFERENZE.htm Nel III trimestre 2013 lo scenario dell’industria manifatturiera lucana è ancora fortemente recessivo, ma rispetto alle prime due frazioni dell’anno l’intensità della caduta si è notevolmente attenuata. Il volume di attività delle piccole e medie imprese industriali ha registrato infatti una flessione del 4,0%, dopo aver ceduto l’11,4 nel primo e il 6,3% nel secondo trimestre. A livello na ]]> Nel III trimestre 2013 lo scenario dell’industria manifatturiera lucana è ancora fortemente recessivo, ma rispetto alle prime due frazioni dell’anno l’intensità della caduta si è notevolmente attenuata. Il volume di attività delle piccole e medie imprese industriali ha registrato infatti una flessione del 4,0%, dopo aver ceduto l’11,4 nel primo e il 6,3% nel secondo trimestre. A livello nazionale, invece, il calo si è fermato all’1,9%, mentre nel Mezzogiorno l’industria continua a scontare perdite piuttosto pesanti (-8,5%). Lo si rileva nella nota congiunturale di Unioncamere Basilicata, elaborata dal Centro Studi: «Cogliamo questo trend con estrema cautela – sottolinea il presidente di Unioncamere Baslicata, Pasquale Lamorte – anche perché appena l’8% dei nostri imprenditori segnala una ripresa in atto. Prevalgono ampiamente le situazioni di stazionarietà produttiva e preoccupano i bassissimi volumi di attività raggiunti. Se poi guardiamo agli altri indici come quello relativo al mercato del lavoro e all’accesso al credito per imprese e famiglie, ci rendiamo conto di essere ancora nel pieno di un lungo tunnel. Per rivedere un po’ di luce, lo diciamo da tempo, servono interventi straordinari».

Dall’export si registra un nuovo crollo, attenuato dalle frazioni d’anno precedenti: nel III trimestre dell’anno risalta il -21,2% rispetto allo stesso periodo del 2012. Tuttavia, il bilancio dei primi 9 mesi dell’anno risulta in flessione per il -3,4%, molto inferiore a quella registrata nell’intero Mezzogiorno (-9,5%). A penalizzare l’export è sempre il mercato dell’auto: -25,8% nel III trimestre; difficoltà di “tenuta” sui mercati esteri si segnalano anche per i prodotti metalmeccanici (-28,7%), della chimica (-27,6%) e della gomma e materie plastiche (-8,6%); per contro, sempre positivo si mantiene l’export della filiera agroalimentare (+12,7%), grazie alla forte espansione dei prodotti agricoli non lavorati (quasi 3 milioni di euro in più nel III trimestre), che ha più che compensato il nuovo arretramento delle vendite dei prodotti dell’industria di trasformazione (oltre 900 mila euro in meno). Gli ultimi dati confermano, inoltre, la ripresa dell’export dell’industria del mobile, al terzo incremento consecutivo dall’inizio dell’anno (+15,2%); poco meno dei due terzi delle vendite aggiuntive si sono concentrate sui mercati extra-europei, ma un recupero c’è stato anche sui mercati UE, dove il settore realizza circa il 70% del fatturato estero complessivo.

La nota congiunturale realizza un focus anche sul mercato del lavoro. Nel terzo trimestre l’occupazione complessiva in Basilicata ha fatto registrare un calo del 3,5% rispetto allo stesso periodo del 2011, confermando e rafforzando ulteriormente il trend negativo delle due frazioni precedenti. Il saldo occupazionale nei primi tre quarti di anno si chiude, quindi, in profondo rosso: quasi 5 mila occupati in meno, per un decremento relativo del 2,6%. Il sensibile peggioramento delle condizioni del mercato del lavoro sul versante della domanda ha alimentato una forte crescita dei fenomeni di scoraggiamento: gli inattivi in età lavorativa sono aumentati, infatti, di oltre 4 mila unità nel III trimestre (+2,4%), la maggior parte dei quali è rappresentata da coloro che non cercano attivamente un lavoro, pur essendo disponibili ad occuparsi. Ciò ha contribuito a far scendere ancora il numero di disoccupati “ufficiali”, diminuito del 5,1%, in contro-tendenza rispetto al resto del Paese, dove gran parte della perdita di posti di lavoro si è “tradotta” in disoccupazione aggiuntiva (alla flessione del 2,3% degli occupati è corrisposto un aumento del 14,6% delle persone in cerca di lavoro).

Il credito, infine: è proseguito, anche nel III trimestre dell’anno, il trend negativo degli impieghi bancari al sistema produttivo, per l’effetto congiunto della crisi economica, che ne riduce la domanda, e della maggiore cautela adottata dagli istituti di credito nel concedere finanziamenti, complice i livelli molto elevati dei crediti inesigibili. Alla fine dello scorso mese di settembre, i prestiti “vivi” (ovvero al netto delle sofferenze) concessi alle imprese lucane sono diminuiti del 7,3% anno su anno, con una accelerazione della caduta di quasi due punti percentuali rispetto allo stesso mese del 2012. 

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ INCONTRI SU CLOUD COMPUTING E DIGITAL MARKETING (BASE E AVANZATO) A POTENZA E MATERA ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A137C21S20/INCONTRI-SU-CLOUD-COMPUTING-E-DIGITAL-MARKETING--BASE-E-AVANZATO--A-POTENZA-E-MATERA.htm Mon, 02 Dec 2013 12:12:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A137C21S20/INCONTRI-SU-CLOUD-COMPUTING-E-DIGITAL-MARKETING--BASE-E-AVANZATO--A-POTENZA-E-MATERA.htm Internet , le tecnologie di Information & Communication Technology e il Cloud computing sono strumenti ormai indispensabili per comunicare al mercato la propria attività, per offrire servizi e sviluppare le vendite. Unioncamere Basilicata, nell'ambito del progetto "Servizi avanzati di IT e Banda Larga", offre l'opportunità di partecipare gratuitamente ad un doppio seminario informativo (base e avanzato) a ]]> Internet , le tecnologie di Information & Communication Technology e il Cloud computing sono strumenti ormai indispensabili per comunicare al mercato la propria attività, per offrire servizi e sviluppare le vendite. Unioncamere Basilicata, nell'ambito del progetto "Servizi avanzati di IT e Banda Larga", offre l'opportunità di partecipare gratuitamente ad un doppio seminario informativo (base e avanzato) attraverso cui conoscere quali vantaggi ricavare dall'utilizzo del cloud computing e  e del digital marketing. 

Questo il calendario degli eventi, che si terranno nelle Camere di Commercio di Potenza e Matera 

Lunedì 16 dicembre
Potenza, Sala Economia Cciaa, Corso XVIII Agosto, 34

Ore  10-13: Digital marketing base

Ore 14-17: Cloud computing Base

 

Martedì 17 dicembre
Potenza, Sala Economia Cciaa, Corso XVIII Agosto, 34

Ore  10-13: Digital marketing avanzato

Ore 14-17: Cloud computing Avanzato

 

Mercoledì 18 dicembre
Matera, sala convegni Cciaa, Via Lucana, 82

Ore  10-13: Digital marketing base

Ore 14-17: Cloud computing base

 
Giovedì 19 dicembre
Matera, sala convegni Cciaa, Via Lucana, 82

Ore  10-13: Digital marketing avanzato

Ore 14-17: Cloud computing avanzato

 
Gli interessati possono scaricare e compilare la scheda di adesione allegata
 
 
]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ GAS E LUCE: RISPARMIO DEI LUCANI CHE ADERISCONO AL MERCATO LIBERO. LO RIVELA UN'INDAGINE UNIONCAMERE ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A136C21S20/GAS-E-LUCE--RISPARMIO-DEI-LUCANI-CHE-ADERISCONO-AL-MERCATO-LIBERO--LO-RIVELA-UN-INDAGINE-UNIONCAMERE.htm Mon, 02 Dec 2013 11:12:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A136C21S20/GAS-E-LUCE--RISPARMIO-DEI-LUCANI-CHE-ADERISCONO-AL-MERCATO-LIBERO--LO-RIVELA-UN-INDAGINE-UNIONCAMERE.htm Il costo della bolletta dell’energia elettrica per le utenze domestiche con un consumo
annuale pari a 2.700 kWh sul mercato tutelato ha raggiunto, nel IV trimestre 2013, i 514 Euro, lo 0,8% in meno rispetto al trimestre precedente, che equivale ad un risparmio annuo di 4 Euro circa. Lo rivela il bollettino “I prezzi dell’energia elettrica per le utenze domestiche”, realizzato dal Centro Studi Unionca ]]> Il costo della bolletta dell’energia elettrica per le utenze domestiche con un consumo
annuale pari a 2.700 kWh sul mercato tutelato ha raggiunto, nel IV trimestre 2013, i 514 Euro, lo 0,8% in meno rispetto al trimestre precedente, che equivale ad un risparmio annuo di 4 Euro circa. Lo rivela il bollettino “I prezzi dell’energia elettrica per le utenze domestiche”, realizzato dal Centro Studi Unioncamere per l’Osservatorio Prezzi & Tariffe della Regione Basilicata. 
 
Rispetto al IV trimestre 2012, il calo è più pronunciato: -1,8%, pari a 10 Euro in meno l’anno, anche se la spesa effettivamente sostenuta dalle utenze domestiche nell’arco dei 12 mesi ha fatto lievitare la bolletta dell’energia di circa 11 Euro in più. A frenare la discesa del costo della bolletta sono sempre gli aumenti degli oneri generali di sistema (coincidenti, in larga misura, con gli incentivi alle fonti rinnovabili e assimilate) che, nel corso degli ultimi 12 mesi, hanno superato il 17%, passando da 89 a 104 Euro annui. Le offerte commerciali sul mercato libero sono in continuo aumento: quelle a prezzo variabile, che prevedono uno sconto sul corrispettivo energia fissato dall’AEEG, hanno garantito a coloro che le hanno sottoscritte condizioni più favorevoli di quelle del mercato tutelato (il risparmio sul costo annuo della bolletta è quantificabile intorno al 4%, tra i 20 e i 22 Euro). Le offerte a prezzo fisso, viceversa, si sono dimostrate molto più onerose rispetto al mercato tutelato (+5% per i contratti con prezzo bloccato per 12 mesi, + 10% per quelli con prezzo bloccato per 24 mesi).
 
Il costo della bolletta del gas naturale per le utenze domestiche con un consumo annuale pari a 950 Standard metri cubi (Smc) sul mercato tutelato ha raggiunto, nel
IV trimestre 2013, gli 823 Euro, il 4,3% in meno rispetto al trimestre precedente (
equivale ad un risparmio di 37 Euro l’anno). Questa sensibile riduzione, la terza consecutiva su base congiunturale, è l’effetto della riforma delle condizioni economiche nel servizio di tutela del gas naturale attuata dall’AEEG, che garantisce ai consumatori finali prezzi della materia prima più aderenti ai costi di approvvigionamento e, quindi, più efficienti. Considerando tuttavia la spesa effettivamente sostenuta dalle utenze domestiche nell’arco dell’intero 2013 (calcolata come media della spesa annualizzata dei quattro trimestri), la bolletta dell’energia ha subito un lieve rincaro rispetto all’anno precedente (circa 5 Euro in più). Come per l’energia, le offerte commerciali a prezzo variabile, che prevedono uno sconto sul corrispettivo gas fissato dall’AEEG, hanno garantito a coloro che le hanno sottoscritte condizioni più favorevoli di quelle del mercato tutelato (il risparmio sul costo annuo della bolletta è quantificabile intorno al 2,7%, pari a circa 23 Euro). Le offerte a prezzo fisso, viceversa, si sono dimostrate molto più onerose rispetto al mercato tutelato, con aggravi di spesa compresi tra il 6,6% annuo per i contratti con prezzo bloccato per 12 mesi e il 5,9% per quelli con prezzo bloccato per 24 mesi.
 
]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ MEDIAZIONE, NUOVA MODULISTICA ONLINE. PROCEDURE GRATUITE (ANCHE PER LA CONCILIAZIONE) FINO AL 31/12/2013 ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A135C21S20/MEDIAZIONE--NUOVA-MODULISTICA-ONLINE--PROCEDURE-GRATUITE--ANCHE-PER-LA-CONCILIAZIONE--FINO-AL-31-12-2013.htm Thu, 28 Nov 2013 12:11:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A135C21S20/MEDIAZIONE--NUOVA-MODULISTICA-ONLINE--PROCEDURE-GRATUITE--ANCHE-PER-LA-CONCILIAZIONE--FINO-AL-31-12-2013.htm E' stata pubblicata ed è online la nuova modulistica relativa alla Mediazione.

Ricordiamo che le attività di mediazione e di conciliazione sono completamente gratuite fino al 31 dicembre 2013

Per ulteriori informazioni:

 Ufficio area conciliazione e ]]> E' stata pubblicata ed è online la nuova modulistica relativa alla Mediazione.

Ricordiamo che le attività di mediazione e di conciliazione sono completamente gratuite fino al 31 dicembre 2013

Per ulteriori informazioni:

 Ufficio area conciliazione e servizi intercamerali

Tel. 0835/240384 – 0835/338443 (sede di Matera)

Per tutte le informazioni, è stato istituito inoltre  un Numero Verde 800.172573 di assistenza sul tema della Conciliazione/Mediazione. È un servizio rivolto a tutti gli utenti che vogliano richiedere informazioni o assistenza sul tema della mediazione ed è attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.30 alle ore 13.00.

 
]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ COSME, HORIZON E FONDI STRUTTURALI: OPPORTUNITA' IN ARRIVO PER LE PMI LUCANE ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A134C21S20/COSME--HORIZON-E-FONDI-STRUTTURALI--OPPORTUNITA--IN-ARRIVO-PER-LE-PMI-LUCANE.htm Wed, 27 Nov 2013 12:11:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A134C21S20/COSME--HORIZON-E-FONDI-STRUTTURALI--OPPORTUNITA--IN-ARRIVO-PER-LE-PMI-LUCANE.htm Solo il 37% dei giovani europei vorrebbe diventare un imprenditore, contro il 56% di statunitensi e cinesi. Il dato è sintomatico rispetto ad un continente che deve recuperare terreno sotto il profilo dell’appetibilità di un ruolo impegnativo, ricco di responsabilità ma anche motore di uno sviluppo possibile, al di là della crisi. E agli imprenditori e alle piccole e medie imprese, infatti, l’Unione ]]> Solo il 37% dei giovani europei vorrebbe diventare un imprenditore, contro il 56% di statunitensi e cinesi. Il dato è sintomatico rispetto ad un continente che deve recuperare terreno sotto il profilo dell’appetibilità di un ruolo impegnativo, ricco di responsabilità ma anche motore di uno sviluppo possibile, al di là della crisi. E agli imprenditori e alle piccole e medie imprese, infatti, l’Unione europea guarda con particolare attenzione, riservando alcuni grandi assi della programmazione 2014-2020 chiamata ad essere più vicina ai singoli territori e alle loro specificità.
 
In vista dei Bandi ormai prossimi, Unioncamere Basilicata, in qualità di partner di Enterprise Europe Network – rete che opera in Italia con oltre 50 punti di contatto per fornire sostegno a innovazione, internazionalizzazione e competitività delle PMI – ha organizzato un seminario informativo per illustrare l’iter negoziale per l'adozione dei due principali programmi di finanziamento UE a favore delle Piccole e medie imprese: il COSME, per la competitività delle imprese e delle Pmi (che sostituisce l’attuale Programma quadro per la competitività e l’innovazione) e HORIZON 2020, che sostituisce l’attuale VII Programma Quadro della Comunità europea per le attività di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione.
 
L’incontro, svolto in collaborazione con l’ENEA, ha visto da Torino gli esperti della Commissione europea e dell'EACI (Executive Agency for Competitiveness and Innovation) illustrare i programmi e gli strumenti di accesso al credito per le PMI. In particolare, è stato ricordato come COSME intenda facilitare l’accesso alla finanza da parte delle PMI e creare un contesto favorevole alla nascita di nuove imprese, favorendo la cultura dell’imprenditorialità e il rafforzamento della competitività sostenibile delle imprese europee, con una dotazione finanziaria di 2,5 miliardi di euro. Horizon 2020, invece, rappresenterà il nuovo principale strumento di finanziamento europeo nel settore della ricerca e dell'innovazione, con una dotazione proposta di 80 miliardi di euro, 26 in più rispetto alla programmazione 2007-2013.
 
Nella seconda parte del seminario Patrizia Minardi, dirigente Autorità di Gestione POR 2000-2006 e PO FESR 2007-2013, ha illustrato gli obiettivi della programmazione regionale dei fondi strutturali 2020 e le nuove strategie di ricerca e innovazione, con particolare riferimento alla Smart Specialization. Tre le idee prioritarie, che dovranno essere sottoposte ad un processo di concertazione con tutti i soggetti interessati, perché si possa arrivare ad un quadro strategico definitivo: produzione e uso sostenibile dell’energia per una gestione democratica delle risorse energetiche; servizi sociali pubblici e privati di qualità in “città diffuse”; agglomerazioni competitive (turistiche, industriali, agricole) trainate dall’innovazione e attrattive per i giovani. Il tutto supportato alla mobilità, asset strategico e trasversale al servizio delle policies regionali.
 
A conclusione della mattinata, il Segretario Generale di Unioncamere, Patrick Suglia, e Paola Faillace di ENEA hanno illustrato i servizi della Rete Enterprise Europe Network in favore delle Piccole e Medie Imprese.  
 
Ecco l'intervista di Trm al Segretario Generale di Unioncamere, Patrick Suglia
 
 
]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ IL 25 NOVEMBRE UN INCONTRO SU "HORIZON 2020", "COSME" (IN COLLEGAMENTO CON BRUXELLES) E SUI FONDI STRUTTURALI ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A133C21S20/IL-25-NOVEMBRE-UN-INCONTRO-SU--HORIZON-2020----COSME---IN-COLLEGAMENTO-CON-BRUXELLES--E-SUI-FONDI-STRUTTURALI.htm Mon, 18 Nov 2013 15:11:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A133C21S20/IL-25-NOVEMBRE-UN-INCONTRO-SU--HORIZON-2020----COSME---IN-COLLEGAMENTO-CON-BRUXELLES--E-SUI-FONDI-STRUTTURALI.htm Unioncamere Basilicata, in qualità di partner di Enterprise Europe Network, organizza per il 25 novembre dalle ore 09:00 alle 13:30 il workshop “Le nuove opportunità della programmazione europea 2014-2020: quali aree di specializzazione per la Basilicata in prospettiva del traguardo 2020?”.

L’incontro si svolge in collaborazione con l’ENEA ed è inserito nel quadro dell'iniziativa n ]]> Unioncamere Basilicata, in qualità di partner di Enterprise Europe Network, organizza per il 25 novembre dalle ore 09:00 alle 13:30 il workshop “Le nuove opportunità della programmazione europea 2014-2020: quali aree di specializzazione per la Basilicata in prospettiva del traguardo 2020?”.

L’incontro si svolge in collaborazione con l’ENEA ed è inserito nel quadro dell'iniziativa nazionale EEN Days (www.eendays.it), che ha come media partner Radio24 ore e  prevede oltre 50 eventi tra seminari, workshop e BtoB organizzati dai partner EEN italiani su tutto il territorio nazionale dal 25 al 30 novembre.

«E’ importante e strategico poter divulgare le azioni e le politiche messe in campo a favore delle piccole e medie imprese dalla nuova programmazione comunitaria, in particolare dai programmi Horizon 2020 e COSME – dichiara il presidente di Unioncamere Basilicata, Pasquale Lamorte -. La Rete Enterprise Europe Network, in questo senso, costituisce un’antenna sempre molto attiva e presente in termini di informazione e di networking».

La prima parte si svolgerà in collegamento con Bruxelles, da dove gli esperti della Commissione europea e dell'EACI (Executive Agency for Competitiveness and Innovation) illustreranno i programmi Horizon 2020 e COSME e gli strumenti di accesso al credito per le PMI, e quindi il ruolo della Rete EEN nel quadro di tali programmi. La seconda parte verterà sugli obiettivi della programmazione regionale dei fondi strutturali 2020 e le nuove strategie di ricerca e innovazione, con particolare riferimento alla SMART SPECIALISATION, illustrati da Patrizia Minardi, Dirigente Autorità di Gestione POR 2000-2006 e PO FESR 2007-2013.

A seguire, il segretario generale di Unioncamere Patrick Suglia e Paola Faillace di ENEA illustreranno i servizi della Rete Enterprise Europe Network in favore delle Piccole e Medie Imprese. In chiusura dei lavori è previsto un dibattito con la possibilità di porre domande e chiarire eventuali dubbi.

Il programma dell’incontro è scaricabile dal sito www.bas.camcom.it. Ulteriori informazioni sull’iniziativa della Rete Enterprise Europe Network sono sul sito www.eendays.it

]]> unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ Monitoraggio delle tariffe energetiche ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A104C92S88/Monitoraggio-delle-tariffe-energetiche-.htm Tue, 30 Apr 2013 14:04:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A104C92S88/Monitoraggio-delle-tariffe-energetiche-.htm unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata ) <![CDATA[ CONGIUNTURA I SEMESTRE 2013: ECONOMIA LUCANA AI LIVELLI DI 15 ANNI FA ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A132C21S20/CONGIUNTURA-I-SEMESTRE-2013--ECONOMIA-LUCANA-AI-LIVELLI-DI-15-ANNI-FA.htm Mon, 04 Nov 2013 13:11:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A132C21S20/CONGIUNTURA-I-SEMESTRE-2013--ECONOMIA-LUCANA-AI-LIVELLI-DI-15-ANNI-FA.htm Le ultime proiezioni macroeconomiche di ottobre elaborate da Prometeia per la Basilicata evidenziano un sensibile peggioramento dello scenario congiunturale. La riduzione reale del Pil regionale per il 2013 è stata ampliata rispetto alle stime di maggio e portata dal -2,5 al -2,9%; contemporaneamente, la modestissim ]]> Le ultime proiezioni macroeconomiche di ottobre elaborate da Prometeia per la Basilicata evidenziano un sensibile peggioramento dello scenario congiunturale. La riduzione reale del Pil regionale per il 2013 è stata ampliata rispetto alle stime di maggio e portata dal -2,5 al -2,9%; contemporaneamente, la modestissima ripresa attesa per il 2014 (+0,3%) è stata ridotta ad appena il +0,1%. In termini assoluti, il Pil stabilirà il nuovo “minimo” dall’inizio della crisi, attestandosi sui livelli di 15 anni fa. Lo rileva la nota congiunturale sull’economia lucana del I semestre 2013, elaborata dal Centro Studi Unioncamere Basilicata.

«Il cedimento dell’economia lucana, purtroppo, risulta molto più accentuato di quello prospettato per l’economia italiana e di quello del Mezzogiorno, a causa della persistente debolezza della domanda interna - rileva il presidente di Unioncamere Basilicata, Pasquale Lamorte –. I consumi delle famiglie, penalizzati dalle condizioni molto negative del mercato del lavoro regionale, continuano infatti a scendere, mentre l’industria arretra e il mancato effetto di traino esercitato dalla domanda estera rimanda al 2014 i primi timidi segnali di ripresa. Cogliamo come un segno di reazione da parte delle imprese il saldo positivo sulla nati-mortalità aziendale, ma guardiamo con preoccupazione al dato del credito (che evidenzia un’ulteriore stretta) e a quello delle insolvenze, giunte ormai oltre i livelli di guardia. Il quadro a tinte fosche della nota richiama dunque ancora una volta la necessità di una immediata riflessione in grado di produrre proposte programmatiche per il breve e il medio periodo,  individuando le linee strategiche prioritarie per evitare che la prolungata emergenza assuma i contorni dell’irreversibilità. E’ auspicabile, quindi, un ragionamento rigoroso e ad ampio raggio, cui non dovrebbero sottrarsi neanche i futuri amministratori regionali».

I dati

L’INTERSCAMBIO COMMERCIALE CON L’ESTERO “TIENE”, MA SOLO GRAZIE AGLI ENERGETICI

Nella prima metà del 2013, l’export regionale ha evidenziato una sostanziale stazionarietà rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. La tenuta del made in Basilicata è stata favorita, in realtà, dal forte “rimbalzo” dei prodotti energetici (petrolio greggio trasferito all’estero per la raffinazione), che sono passati da un valore pressoché nullo nel I semestre 2012 agli 84 milioni di euro di un anno dopo. Ciò ha compensato ampiamente l’ennesima caduta del fatturato estero realizzato dall’industria dei mezzi di trasporto, che ha perso circa 60 milioni di euro, per un decremento del 17,4%. La quota di export di questo comparto ha continuato quindi a ridursi e, negli ultimi 5 anni, è scesa dal 73 al 52%. Al “netto” degli energetici e dell’auto il bilancio dell’export regionale si presenta decisamente negativo: -10,0% la variazione rispetto al 2012. Particolarmente pronunciata la flessione dell’export dei prodotti metalmeccanici (-33,0%), dopo due anni di crescita a ritmi sostenuti. A due cifre anche il calo delle vendite dei prodotti della gomma e materie plastiche (-11,5%), mentre il “sistema moda” (tessile, abbigliamento, calzature) ha ceduto il 7,4%. Per contro, si mantiene sempre favorevole l’export della filiera agroalimentare, che ha messo a segno un incremento del 5,4%, dopo il +17,6% dell’anno precedente.

LE DINAMICHE IMPRENDITORIALI: SEGNALI MODERATAMENTE POSITIVI DALLA NATI-MORTALITÀ AZIENDALE

Tra gennaio e giugno, le dinamiche demografiche delle imprese extra-agricole segnalano un significativo recupero del numero di nuove iscrizioni rispetto allo stesso periodo del 2012 (da 1.428 a 1.648, per un incremento relativo del 6,2%) e una lieve flessione delle cessazioni, passate da 1.493 a 1.477 (+17,9%). Il saldo di nati-mortalità del semestre è tornato quindi in territorio positivo, attestandosi a +171 unità, mentre nell’anno precedente le chiusure aziendali avevano superato le nuove aperture di 65 unità. In questo scenario, però, a certificare la persistente durezza della crisi restano i dati dei fallimenti e il bilancio anagrafico del comparto artigiano, che continua a registrare valori decisamente negativi. Per le crisi d’impresa, i primi 6 mesi del 2013 hanno visto aumentare del 13,8% le aperture di procedure fallimentari, corrispondenti a 33 imprese che hanno portato i libri in tribunale. Sul fronte artigiano, il saldo tra iscrizioni e cancellazioni ha segnato -177 unità nel semestre, mentre nell’intero 2012 la perdita “netta” era stata di 231 unità. Le società di capitale mantengono, invece, una discreta vitalità e, nella prima metà del 2013, hanno ulteriormente accelerato, con 406 nuove iscrizioni (il 35% in più rispetto al 2012) e soltanto 120 cancellazioni, per un saldo pari quindi a +286.

IL MERCATO DEL LAVORO OCCUPAZIONE IN FORTE CALO. TORNA A CRESCERE L’”AREA” DELL’INATTIVITÀ

Nel corso della prima metà del 2013, le condizioni del mercato del lavoro regionale hanno continuato a peggiorare, soprattutto sul versante dell’occupazione, che ha subito l’ennesima forte flessione; mentre la ripresa dei fenomeni di abbandono della ricerca attiva di un impiego hanno evitato che le perdite di lavoro si traducessero in maggiore disoccupazione. Secondo le ultime rilevazioni ISTAT sulle forze di lavoro, l’occupazione complessiva è diminuita dell’1,3% nel I trimestre e del 3,2% nel II, rispetto agli stessi periodi del 2012; in termini assoluti, tali andamenti hanno prodotto la cancellazione di circa 4mila posti di lavoro nei primi 6 mesi di quest’anno. Di segno negativo, tuttavia, anche il trend della disoccupazione: -7,0 e -5,3% le variazioni tendenziali, rispettivamente, nella prima e seconda frazione dell’anno, per uno stock di senza lavoro che, nella media del semestre, si è ridotto di circa 2 mila unità rispetto a quello registrato nel corrispondente periodo del 2012. Il contestuale forte aumento degli inattivi in età lavorativa (quasi 3 mila unità in più) suggerisce l’ipotesi che alla base della mancata crescita della disoccupazione vi sia un riesplodere dei fenomeni di scoraggiamento, con l’”uscita” dal mercato del lavoro, anche solo temporanea, di molti soggetti inoccupati.

IL MERCATO DEL CREDITO: CONTINUA A RIDURSI IL CREDITO A IMPRESE E FAMIGLIE, NON SI FERMA LA CRESCITA DEI TASSI DI INSOLVENZA

Le condizioni del mercato creditizio si presentano ancora decisamente critiche, in Basilicata come nel resto del Paese: la contrazione dei prestiti erogati alle imprese e alle famiglie non accenna a fermarsi e, nel contempo, continua a crescere il volume delle sofferenze bancarie, alimentando un circolo vizioso che rischia di compromettere definitivamente non soltanto le possibilità di ripresa ma la tenuta stessa dell’economia lucana. I prestiti vivi (calcolati al netto delle sofferenze) concessi al sistema produttivo viaggiano ormai stabilmente in territorio negativo e, nello scorso mese di giugno, hanno fatto registrare un calo tendenziale del 6,4%, il più elevato dall’inizio della crisi. La restrizione del credito non sta risparmiando nessuna tipologia di impresa, interessando anche le realtà aziendali più strutturate e di maggiori dimensioni. I tassi di insolvenza si sono attestati al 22,6% a giugno, più del doppio della media nazionale (11,1%), mentre il numero di affidati in stato di insolvenza, tra le imprese, ha superato le 4.150 unità (+6,6% negli ultimi 12 mesi).

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ EVENTI BRIDGECONOMIES: EVENTO DI BROKERAGGIO A LISBONA ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A131C21S20/EVENTI-BRIDGECONOMIES--EVENTO-DI-BROKERAGGIO-A-LISBONA.htm Tue, 22 Oct 2013 10:10:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A131C21S20/EVENTI-BRIDGECONOMIES--EVENTO-DI-BROKERAGGIO-A-LISBONA.htm Unioncamere Basilicata in qualità di partner del Consorzio B.R.I.D.G.€conomies promuove ed invita a partecipare all’evento di brokeraggio “Networking B2B” organizzato nel quadro di una missione in Portogallo del Vice Presidente della Commissione europea, Antonio Tajani, in collaborazione con la AICEP Portugal Global e il sostegno di Enterprise Europe Netwok. ]]> Unioncamere Basilicata in qualità di partner del Consorzio B.R.I.D.G.€conomies promuove ed invita a partecipare all’evento di brokeraggio “Networking B2B” organizzato nel quadro di una missione in Portogallo del Vice Presidente della Commissione europea, Antonio Tajani, in collaborazione con la AICEP Portugal Global e il sostegno di Enterprise Europe Netwok.

Lo scopo della manifestazione è quello di promuovere accordi commerciali e di innovazione tra le PMI portoghesi, europee e non europee (ad esempio, Angola e Brasile) in alcuni settori chiave per la crescita e lo sviluppo delle PMI.

Settori:

  • Economia del Mare (es: attività offshore come energia da vento, onde e maree; crociere; turismo nautico; pharma e biotecnologie);
  • Farmaceutica / Salute;
  • Turismo;
  • Componenti automotive;
  • Componenti aeronautici;
  • ICT;
  • Agroalimentare;
  • Carta e Pasta di carta;
  • Centri Servizi condivisi;
  • Altri

La partecipazione all’evento è gratuita

Per maggiori dettagli riguardanti l’evento visita il sito: www.b2match.eu/m4g-portugal

Per altri eventi del consorzio Bridgeconomies clicca su http://www.bridgeconomies.eu/category/eventi/

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )
<![CDATA[ UNIONCAMERE BASILICATA ORGANIZZA ECOBUSINESS COOPERATION: A RIMINI, IL 7 E L'8 NOVEMBRE ]]> http://www.bas.camcom.it/P42A130C21S20/UNIONCAMERE-BASILICATA-ORGANIZZA-ECOBUSINESS-COOPERATION--A-RIMINI--IL-7-E-L-8-NOVEMBRE.htm Wed, 09 Oct 2013 12:10:00 GMT Rss http://www.bas.camcom.it/P42A130C21S20/UNIONCAMERE-BASILICATA-ORGANIZZA-ECOBUSINESS-COOPERATION--A-RIMINI--IL-7-E-L-8-NOVEMBRE.htm Unioncamere Basilicata  in collaborazione con Unioncamere Emilia-Romagna, Eurosportello Camera di Commercio di Ravenna e altri partner della Enterprise Europe Network, organizza la V edizione dell'importante evento "EcobusinessCooperation": 2 giornate di incontri bilaterali tra imprese, centri di ricerca e università provenienti dall’Italia e dall’estero, finalizzati a promuovere opportunit&agra ]]> Unioncamere Basilicata  in collaborazione con Unioncamere Emilia-Romagna, Eurosportello Camera di Commercio di Ravenna e altri partner della Enterprise Europe Network, organizza la V edizione dell'importante evento "EcobusinessCooperation": 2 giornate di incontri bilaterali tra imprese, centri di ricerca e università provenienti dall’Italia e dall’estero, finalizzati a promuovere opportunità di cooperazione commerciale e di trasferimento tecnologico a livello internazionale.

L'evento si svolgerà a Rimini giovedì 7 e venerdì 8 novembre, in occasione di ECOMONDO 2013 - Fiera Internazionale del recupero di materia e di energia e dello sviluppo sostenibile.

I partecipanti ad EcobusinessCooperationEvent avranno l'opportunità, attraverso la realizzazione di incontri d'affari pre-organizzati, di trovare potenziali partner commerciali o stringere accordi di cooperazione tecnologica e di incontrare università e centri di ricerca d'eccellenza per discutere nuove idee progettuali e l'eventuale partecipazione a bandi comunitari.

La partecipazione agli incontri è gratuita, previa registrazione e compilazione del profilo aziendale (in lingua inglese) entro e non oltre il 21 ottobre 2013 sul sito:

http://www.b2match.eu/ecomondo2013/

]]>
unioncamerebas@legalmail.it ( Redazione Unioncamere Basilicata )